ESCLUSIVO: Il fallimento etico – Perché mi sono dimesso dalla Nazioni Unite

anders_kompass

Anders Kompass in caso di fallimento delle Nazioni Unite di sostenere i suoi principi

Con Anders Kompass

Con il tempo ho riportato l’ abuso sessuale dei bambini da forze di pace in Repubblica Centrafricana nel 2014, avevo lavorato per le Nazioni Unite per quasi 20 anni.

Non esiste una gerarchia in orrore e la brutalità ho assistito durante questi due decenni – massacri, torture, uccisioni, lo spostamento delle popolazioni – ma un bambino di otto-anno-vecchio ragazzo che descrive in dettaglio gli abusi sessuali da parte delle forze di pace lo scopo di proteggere lui è la tipo di conto Vorrei che non avrei mai dovuto leggere.

Mi piacerebbe anche visto un sacco di disfunzione delle Nazioni Unite nel corso degli anni, ma non ero preparato per come l’organizzazione potrebbe far fronte a tali eventi, con il conseguente scandalo – e con me.

Il colera ad Haiti, la corruzione in Kosovo, omicidio in Ruanda, insabbiamento dei crimini di guerra nel Darfur: in troppe occasioni l’ONU non riesce a sostenere i principi e le norme stabilite nel suo statuto, regole e regolamenti. Purtroppo, ci sembra di essere testimoni sempre più personale delle Nazioni Unite meno preoccupati di rispettare le norme etiche del servizio civile internazionale, che con il fare tutto ciò che è più conveniente – o meno probabilità di causare problemi – per sé o per gli Stati membri.

Perché?

Principalmente, perché il costo per l’individuo di comportamento etico è percepita come troppo grande. Detto in altro modo, il beneficio per l’individuo di non comportarsi eticamente è percepito come superiore al costo di prendere una posizione etica.

 

La paura e un sentimento di inutilità

Il personale hanno paura. Questo timore si basa sull’esperienza diffusa. Molti membri dello staff sono stati vittime di ritorsioni o sono stati testimoni di ritorsione nei confronti di coloro che hanno preso posizioni etiche impopolari (inclusa la segnalazione su comportamenti non etici interni), sotto forma di sidelining, molestie, trasferimenti improvvisi, valutazioni poveri, e non rinnovo dei contratti . Essi sono convinti che il sistema non li protegge.

“Le Nazioni Unite tiene raramente impiegati per tenere conto di comportamenti non etici, in particolare quelli in posizioni di potere.”

Quello che è successo a me ha notevolmente rafforzato questa convinzione. Ho agito eticamente quando ho segnalato l’abuso sessuale infantile in CAR alle autorità di contrasto esterni. Li ho fornito i dettagli di cui avevano bisogno, nel bel mezzo di una guerra civile, per trovare e proteggere le vittime in fretta; fermare i colpevoli; e ottenere informazioni da investigatori delle Nazioni Unite. Eppure mi è stato chiesto di dimettersi, mi è stato sospeso dal mio lavoro dopo il mio rifiuto di farlo, e mi è stato pubblicamente messa alla berlina da alti funzionari delle Nazioni Unite e le loro portavoce nel corso di un periodo di mesi pur essendo indagato per impropriamente rivelare informazioni riservate.

Nonostante questo, più personale sarebbe affrontare questa paura se correre il rischio ha portato a gravi follow-up, comprese le indagini e la punizione. Ma, dall’alto verso il basso, la leadership delle Nazioni Unite non riesce a prendere posizioni di principio, in particolare quando ci potrebbe essere ramificazioni politiche. Un chiaro esempio recente è stata del segretario generale decisione di rimuovere Arabia Saudita da una lista di partiti che uccidono o mutilano i bambini a causa delle minacce di ritirare i finanziamenti.

“Sistema di responsabilità delle Nazioni Unite è rotto. E ‘semplicemente non funziona.”

Le Nazioni Unite tiene raramente impiegati per tenere conto di comportamenti non etici, in particolare quelli in posizioni di potere. Anche quando lo fa, una punizione significativa segue raramente. sistema di responsabilità delle Nazioni Unite è rotto. E ‘semplicemente non funziona.

L’ONU ha sostenuto il sistema interno di giustizia ha funzionato nel mio caso. Questo è assurdo. Sotto pressione sostenuta dagli Stati membri, il segretario generale è stato costretto a nominare un pannello esterno per indagare in modo indipendente il problema. Si è riscontrato che il capo del soggetto molto Nazioni Unite che dovrebbe, per mandato, hanno indagato sul caso abdicò l’indipendenza del corpo e abusato la sua autorità. Ma né lei né molti altri che hanno abusato della loro autorità a vari livelli, compresi ignorando i rapporti terribili di bambini abusi sessuali, sono stati puniti.

Il risultato inevitabile di casi come questo è che i membri dello staff che si trovano o che testimoniano questa impunità perdono la loro fiducia nel sistema – so che ho fatto.

Nel mio paese, la Svezia, i ministri uscire per le accuse di appropriazione indebita l’equivalente di $ 10 di denaro pubblico. Al contrario, alle Nazioni Unite, il personale ha trovato di aver nascosto l’abuso sessuale dei bambini, o di aver mostrato un comportamento discutibile, non si sentono la necessità di dimettersi; né l’organizzazione cerca il loro licenziamento.

A peggiorare le cose, quelli che prendono una posizione etica, ma impopolare, anche segnalato la cattiva condotta degli altri, hanno imparato che il dolore della divulgazione e ritorsioni supera di gran lunga qualsiasi vantaggio: il sistema è ingombrante, il processo si protrae, cambiamenti strutturali per affrontare i problemi evidenziati non necessariamente derivarne e la compensazione è spesso minima.

“Gli standard etici all’interno dell’ONU non migliorerà fino a quando i responsabili … sono personalmente fatto soffrire per le loro azioni.”

Dopo mesi di attesa angosciosa, sono stato esonerato da entrambe le entità esterne e interne che hanno indagato il mio caso. Ciò significa che essendo stato ritratto come colpevole dalle Nazioni Unite – oltre quello che sembrava un lungo periodo di tempo – e poi essendo stato riconosciuto come innocente, c’era una ragionevole aspettativa che i principi di giustizia che l’organizzazione predica per gli Stati membri avrebbero stato applicato. Tuttavia, per quanto ne so e fino a questa data, l’ONU non ha né preso alcuna iniziativa per affrontare le questioni sistemiche di responsabilità interna sollevata dal comportamento dei funzionari delle Nazioni Unite verso di me, e non ha avviato alcun processo di riparazione per le ” conseguenze molto reali negativi ” subito da me e la mia famiglia e riconosciuto dal pannello esterno.

Avrei potuto applicata alla controversia delle Nazioni Unite Tribunale di riparazione, ma, se concessa, questo avrebbe consisteva quasi esclusivamente di compensazione monetaria, con i soldi provenienti dal bilancio dell’ONU – generosamente fornito dai contribuenti di tutto il mondo – piuttosto che dalla stipendio di coloro che effettivamente commesso reati.

standard etici all’interno dell’ONU non migliorerà fino a quando i responsabili di cattiva condotta, piuttosto che l’organizzazione, sono personalmente fatto soffrire per le loro azioni.

Quindi, se passa attraverso il sistema delle Nazioni Unite è inefficace o addirittura dannoso per se stessi, cosa personale che si sentono fortemente circa le questioni etiche non indirizzati fanno? Beh … loro perdite.

Perdite come ultima risorsa

Perdite costringono le Nazioni Unite ad agire su temi eticamente interessanti che sono volutamente ignorati o nascosti da coloro internamente responsabili. Un leaker utilizza la leva di opinione pubblica. Ciò significa che il personale delle Nazioni Unite affidano la difesa dell’etica al pubblico esterno, piuttosto che ai manager all’interno dell’organizzazione.

Questo è quanto è fatto male.

Aveva un certo numero di membri del personale indignati non trapelare informazioni sul mio caso alle ONG e alla stampa, che probabilmente sarebbe stato licenziato nel 2015 o dimesso per disperazione e l’umiliazione, con la mia – e della mia famiglia – forza morale minato. Se non fosse per quelle organizzazioni, organi di stampa, e gli individui sconosciuti, la verità sarebbe stato sepolto all’interno delle Nazioni Unite. Sono enormemente grato a tutti loro – ma altrettanto triste che il loro intervento era necessario.

“Se non posso essere utile e continuare a lottare per quello che ho sempre creduto, allora è il mio tempo di andare.”

violazioni dei diritti umani nella Repubblica democratica del Congo, la corruzione e lo sfruttamento in Bosnia-Erzegovina, gli abusi in corso da forze di pace in una serie di missioni di pace – Il mondo sa solo di loro, perché qualcuno ha rotto il silenzio e trapelato. Questo sta rapidamente diventando una risposta sistemica al fallimento etico delle Nazioni Unite.

Eppure l’organizzazione reagisce a questi scandali punendo coloro che cercano di tenere una posizione etica, nascondendo la verità, per quanto possibile, e cercando di rafforzare il suo controllo sulle informazioni. Invece di creare una cultura che accoglie whistleblowing come un’opportunità per rafforzare i valori e gli standard organizzativi, l’ONU promuove un clima di paura e emargina gli individui visti come non toeing la linea.

Anche dopo tutta la polvere si erano stabiliti sul mio caso, mi ha mai fatto sentire che mi è stato pienamente accettato di nuovo a bordo come membro dello staff di valore. In effetti, è diventato impossibile per me contribuire significativamente più a lungo. E, se non posso essere utile e continuare a lottare per quello che ho sempre creduto, allora è il mio tempo di andare.

Ecco perché, dopo 21 anni di servizio, mi sono dimesso dalla Nazioni Unite.

Credo ancora nella difesa dei diritti umani. Continuo a credere che un’organizzazione universale è necessaria per migliorare le possibilità di pace e di progresso mondiale. Ma credo anche che, senza grandi cambiamenti volti a resuscitare un comportamento etico all’interno delle Nazioni Unite, l’organizzazione non sarà in grado di affrontare con successo le sfide di oggi e di domani.

E, su quest’ultimo punto, la mia esperienza è purtroppo mi ha lasciato scettico.

Fonte : http://www.irinnews.org/opinion/2016/06/17/exclusive-ethical-failure-%E2%80%93-why-i-resigned-un

Annunci