Leak TTIP Greenpeace confermano i principali rischi per il clima, l’ambiente e la sicurezza dei consumatori

Planet3-bigopenspace-960x360px

Amsterdam, 1 maggio 2016 –
Greenpeace Olanda sta rilasciando un pacchetto di testi TTIP  trapelate il Lunedi mattina, alle ore 11 CET, per fornire la necessaria trasparenza e  innescare un dibattito informato su un trattato che minaccia di avere implicazioni di vasta portata per l’ambiente e le vite di quasi un miliardo di cittadini dell’UE e degli Stati Uniti. Questa è la prima volta che il pubblico avrà la possibilità di confrontare le posizioni negoziali dell’UE e degli USA.

“E ‘tempo di fare  luce su questi negoziati. Difficile il progresso ambientale viene barattato a porte chiuse. Questi documenti rivelano che la società civile ha il diritto di essere preoccupata TTIP. Dovremmo smettere i negoziati e avviare il dibattito “, ha detto Faiza Oulahsen, attivista di Greenpeace Olanda. “La versione completa e più recente del testo del trattato dovrebbe essere rilasciato in una sola volta, in modo che i cittadini ed i rappresentanti eletti hanno la possibilità di comprendere ciò che viene proposto nei loro nomi.”

Da un punto di vista dell’ambiente e dei consumatori quattro aspetti sono di seria preoccupazione:

Le protezioni ambientali in piedi sembrano essere cadute

Nessuno dei capitoli che abbiamo esaminato fa riferimento ad eccezioni della regola generale. Questo accordo  di circa 70-anni fa regola secondo l’accordo GATT dell’Organizzazione mondiale del commercio (OMC), permette nazioni a disciplinare il commercio “per proteggere, la vita animale e vegetale umana o alla salute” o per “la conservazione delle risorse naturali esauribili” [ 1]. L’omissione di questo regolamento suggerisce entrambe le parti stanno creando un regime che pone il profitto davanti, la vita umana animale e vegetale e la salute.

La protezione del clima sarà più difficile sotto TTIP

L’accordo sul clima di Parigi rende un punto chiaro: Dobbiamo mantenere l’aumento della temperatura sotto 1,5 gradi per evitare una crisi climatica con effetti a miliardi di persone in tutto il mondo. Il commercio non dovrebbe essere escluso dalla azione per il clima. Ma nulla che indica la protezione del clima è scritto nei testi ottenuti. Peggio ancora, la possibilità di misure di mitigazione è limitata dalle disposizioni dei capitoli sulla cooperazione normativa o di accesso al mercato per i prodotti industriali. [2] Come esempio di queste proposte escluderei il regolamento nell’importazione di combustibili ad alta intensità di CO2, come l’olio da sabbie bituminose.

La fine del principio di precauzione

Il principio di precauzione, sancito dal trattato UE [3], non è menzionato nel capitolo sulla cooperazione normativa, né in alcun altro dei 12 capitoli ottenuti. D’altra parte la richiesta degli Stati Uniti per un approccio ‘basato sul rischio’ che ha lo scopo di gestire le sostanze pericolose, piuttosto che evitarle, trova la sua strada in vari capitoli. Questo approccio mina la capacità delle autorità di regolamentazione di adottare misure preventive, ad esempio per quanto riguarda le sostanze controversi come ormoni pe rturbare le sostanze chimiche.

L’apertura della porta per il cambio di gestione aziendale

Mentre le proposte minacciano la tutela dell’ambiente e dei consumatori, le grandi imprese otterranno ciò che vogliono. Le opportunità di partecipare al processo decisionale sono concesse alle società di intervenire anche  nelle prime fasi del processo decisionale.

Mentre la società civile ha avuto scarso accesso ai negoziati, ci sono molti casi in cui i documenti mostrano che all’industria è stata concessa una voce privilegiata nelle decisioni importanti. [4] I documenti trapelati indicano che l’UE non è stata aperta per l’elevato grado di influenza dell’industria. relazione pubblica recente dell’UE [5] ha una sola menzione minore input industriale , mentre i documenti trapelati ripetutamente parlarlano della necessità di ulteriori consultazioni con l’industria esplicitamente parlano di come input industriali sono stati raccolti.

Oulahsen: “Sia che vi preoccupate per questioni ambientali, di benessere degli animali, diritti del lavoro e privacy su Internet,  dovreste essere preoccupati per ciò che è trapelato in questi documenti Essi sottolineano le obiezioni forti della società civile e milioni di persone che in tutto il mondo hanno espresso: TTIP tratta  un enorme trasferimento di potere democratico da parte di persone alle grandi imprese. Chiediamo a tutti i rappresentanti eletti e le altre parti interessate a leggere questi documenti e partecipare al dibattito. “

I documenti   248 pagine di linguaggio giuridico complesso (13 consolidati capitoli TTIP + Nota – Stato tattica dei negoziati TTIP – marzo 2016). Greenpeace Olanda ha lavorato insieme su questo con il famoso network di ricerca tedesco di NDR, WDR e Süddeutscher Zeitung. Fino ad ora i rappresentanti eletti sono stati in grado di visualizzare tali documenti sotto scorta, in una stanza sicura, senza accesso alla consultazione di esperti, pur essendo proibito di discuterne il contenuto con chiunque altro

Con la pubblicazione di questi documenti Greenpeace sta dando a milioni di cittadini interessati la possibilità di sorvegliare le attività del loro governo e di discuterne con i loro rappresentanti eletti.

 

NOTE  

[1] La maggior parte degli accordi del WTO sono state il risultato del 1986-1994 dell’Uruguay Round dei negoziati commerciali. Alcuni, tra cui GATT del 1994, sono state revisioni di testi esistenti in precedenza.

[2] Nulla nei pertinenti articoli 10 (restrizioni all’importazione e all’esportazione) e 12 (importazione ed esportazione di licenza) del capitolo sul trattamento nazionale e di accesso al mercato per Merci mostra che necessarie misure commerciali per proteggere il clima sarebbe stato consentito come un mestiere restrizione ai sensi dell’articolo XX del GATT (vedi nota 1).

[3] “Il principio di precauzione è dettagliato nell’articolo 191 del trattato sul funzionamento dell’Unione europea (UE). Essa mira a garantire un elevato livello di protezione ambientale attraverso preventiva decisionale in caso di rischio. Http://eur-lex.europa.eu/legal-content/EN/TXT/?uri=URISERV%3Al32042

[4] Ad esempio “Mentre gli Stati Uniti hanno mostrato un interesse, si affrettò a precisare che avrebbe bisogno di consultarsi con la sua industria per quanto riguarda alcuni dei prodotti” – Capitolo ‘tattico State of Play’, paragrafo 1.1, Agricoltura.

[5] ‘dodicesimo round dei negoziati per il commercio e gli investimenti partenariato transatlantico (TTIP)’ http://trade.ec.europa.eu/doclib/docs/2016/march/tradoc_154391.pdf