“Articoli 18” e battaglie tra fazioni borghesi

at18

Il lavoro salariato è stato nel tempo ingabbiato da vincoli contrattuali e legali. Ma il rapporto fra salariato e capitalista mal sopporta di sottostare a regole fisse. La forza-lavoro è una merce: in un mercato mutevole, essa dev’essere liberamente disponibile. Il capitalista ha il diritto di utilizzarla come vuole dopo averla comprata, è sua. D’altra parte anche il lavoratore ha il diritto di venderla sul mercato alle condizioni che preferisce: finché non l’ha ancora venduta è sua. E non la vende una volta per tutte come lo schiavo, la vende giorno per giorno, poco per volta. Lo Stato fa da mediatore, ma è uno strumento in mano alla classe dominante. Per questo, da sempre, i comunisti dicono che fra due diritti contrapposti può decidere soltanto la forza.

La tradizione sindacale comunista è sempre stata estranea ai contratti a scadenza fissa, alle troppe leggi per i “diritti” dei lavoratori, ai meccanismi automatici di contrattazione, ai protocolli d’intesa per il rilancio dell’economia ecc. ecc. I comunisti hanno rivendicato una legislazione specifica solo in alcuni casi come per la durata della giornata lavorativa o per il salario minimo garantito a occupati e disoccupati. L’esistenza di troppi vincoli obbliga ad un rigido rispetto del contratto e alla fine i capitalisti con il loro Stato hanno sempre il coltello dalla parte del manico. La lotta proletaria non deve mai essere né regolamentata né preannunciata.

E’ ovvio che da parte borghese si tenti più che mai di evitarla del tutto: le potenzialità di lotta del proletariato moderno sono troppo grandi per essere lasciate senza controllo. Ecco perché si tenta di instaurare una contrattazione perenne in margine ad automatismi prestabiliti per legge… salvo denunciarli quando non fanno più comodo. Fin dai tempi del sindacalismo corporativo fascista la borghesia vuole ingabbiare la lotta di classe con leggi e vincoli, incanalare nella “legalità” tutto il movimento sindacale e farne un dipartimento del ministero del lavoro.

I sindacati si sono adattati a questa esigenza e ormai non hanno più una vitalità propria; sono come vogliono essere: una forza di governo sociale. Hanno un atteggiamento “difesista”, rattoppatore di falle, piagnucoloso. Invece di prendere l’iniziativa corrono dietro a temi imposti dall’avversario. Sono stati a volte persino servili, come nel caso del Protocollo a sostegno della produzione del ’93. Questo sindacalismo avvocatesco, presto copiato anche da frange minori che si credono estremiste, ha frenato la capacità di attacco del proletariato. Lo ha ridotto a lottare esclusivamente in risposta a chi non rispetta le regole, lamentando un eterno “attacco padronale”.

Il sindacalismo corporativo e le politiche del welfare sono nati contemporaneamente. Essi dichiarano apertamente di essere uno strumento per prevenire moti rivoluzionari. Per questo, proprio perché l’inquadramento organizzativo proletario a livello economico è estremamente importante riguardo a ogni sviluppo della lotta di classe, diventa necessaria l’autonomia sindacale. Ma come la si conquista? Se il sindacalismo odierno è integrato nello Stato e per di più questo fenomeno è ormai storico, cioè irreversibile, come si potrà mai rovesciare la situazione?

Evidentemente non è un problema di sindacato, intendendo con questo termine le organizzazioni che conosciamo. Sotto una pressione autentica e indipendente di masse proletarie decise a raggiungere un risultato, nessun sindacato potrebbe resistere: la storia c’insegna che, se entra con esse in conflitto, o è distrutto o è stravolto e costretto a far sue le istanze di base. La chiave del problema è dunque in ciò che fanno la classe e la sua direzione. E’ assurdo assecondare la proliferazione delle istanze sindacali, fotocopie in piccolo di quelle ufficiali, in una mostruosa solidarietà corporativa che in realtà non esce dai limiti istituzionali. Più tragico ancora è l’utilizzo congiunto della forza proletaria per la lotta partigiana contro il Berlusconi di turno a favore di altri borghesi.

Che senso avrebbe la difesa impotente di articoli 18, di contratti pluriennali, di scartoffie su diritti virtuali, di protocolli che legano mani e piedi ai proletari, se essi fossero ben organizzati in un grande movimento e la smettessero di seguire i piagnucolii insopportabili di capi corrotti dall’ideologia del Capitale? Se si ponessero con forza in posizione d’attacco per loro obiettivi indipendenti sotto la direzione di un programma di classe?

“n+1”, rivista sul movimento reale che abolisce lo stato di cose presente

[tratto da www.quinterna.org]

Annunci

Il consenso erdoganiano nel buio di rabbia e dolore

strageI salvati dalle viscere più buie di pece e fuoco, chi può respirare ma egualmente piange perché non si dà pace per i compagni sepolti in quel posto di lavoro che toglie la vita, in genere tacciono. Troppo tristi, troppo infuocato è l’animo nonostante i corpi sembrino robusti e ancora resistenti  allo scavo della silicosi. Però gli estrattori scampati dal turno maledetto non trattengono la rabbia e quel che covano da anni. Urlano, insultano i padroni della compagnìa del carbone che mascherava ispezioni e controlli. Inveiscono contro il partito del premier che gli concedeva quel lavoro. Rivelano che da Ankara burocrati compiacenti telefonavano all’azienda per annunciare le verifiche di sicurezza e solo in quella settimana certi protocolli venivano rispettati. Usciti gli ispettori nella Coal Mining Company di Soma tutto tornava come prima. Come alla Thyssenkrupp e all’Ilva dei Riva, come nelle statal-private aziende dei magnati cinesi, nelle fabbriche che restano in Occidente e in quelle che abbondano a Oriente. Ovunque il lodato liberismo magnifichi il suo sistema, distribuendo salari di fame e assicurando prematura morte. Si dice che l’azienda turca dell’area di Manisa avesse ridotto le spese estrattive per tonnellate di carbone da 140 a 30 dollari. Un risparmio notevolissimo evidentemente giocato sulla sicurezza e sulla pelle di chi sputava sangue nelle gallerie.

 

E’ il liberismo che ha donato per oltre un quindicennio un Pil turbo alla crescita turca. L’elargitore di scalate sociali che migliora la vita di ciascuno purché si trasformi in consensuale macinatore di consumi capaci d’arricchire l’esistenza di pochi. Meccanismo noto da due secoli, ma sempre reiterato e proposto da chi azzera tutele per incrementare profitti. Nel caso anatolico sposati col disegno di Erdoğan, creatore e difensore ormai d’un regime. Personalistico. Che s’avvale di bugie diffuse dalla tivù di Stato o da agenzie ufficiali come l’Anadolu, ieri intenta a citare le misure di sicurezza “rispettate” dalla compagnìa mineraria. Invece neppure un mese fa quell’azienda era al centro di un’interrogazione parlamentare dell’opposizione per verificare l’effettiva regolarità e i parametri ambientali. Un analista turco offre questo scorcio di quel dibattito: mentre il deputato interrogante si rivolgeva ad alcuni ministri dell’attuale governo costoro facevano capannello – colloquiando probabilmente d’altro – e qualcuno sorrideva. Anche questa è un’immagine globale, che si può notare in altre arroganti incarnazioni d’un ruolo che dovrebbe porsi al servizio della comunità e invece si serve di essa per i propri affari. Ma nel reiterare bugie, imbrogli, calunnie, diffamazioni il premier che vuole diventare presidente d’una propria Turchia, sembra non accorgersi delle crepe della sua creatura.

listeLa logica del consenso, elettoralmente tuttora elevato, può venir meno se il giocattolo della magnificenza nazionale interclassista che deve accontentare tutti s’inceppa. L’esempio dei capitalisti investitori nei settori più vari che devono addolcire il sistema erdoğaniano con contropartite in tangenti, offrendo in dono sacrificale propri media e giornali al grande accentratore (è accaduto a Kanaltürk, Bugün Tv, Habertürk e altri)  comincia a star stretto anche ai fruitori del businness. Se i manager dell’azienda di Soma si troveranno soli sui banchi degli imputati inizieranno a cantare tirandosi dietro il manipolo dei ministri ridanciani e assistenti picchiatori come Yusuf Yerkel. Un’ipotesi politicamente suicida per il governo sarebbe affossare inchieste e responsabilità. In quel caso l’ira che già circola fra la gente, mica solo i familiari delle vittime, monterebbe ancora. Già tanti attendono che l’anniversario di Gezi Park sollevi proteste ancora più tracimanti, perché nei dodici mesi trascorsi di cose ne sono accadute parecchie. Ma la breccia maggiore che deve preoccupare il sultano sono le riflessioni e ammissioni dei minatori stessi, che scoprono un’ovvietà peraltro diffusa: il voto di scambio. Lavoro in cambio d’una croce sulla scheda che gli uomini dell’Akp ricercavano anche sulle colline non distanti neppure 40 km dalla magnifica e storica Pergamo. Se quest’accordo, che dura da un decennio e ha portato il partito della Giustizia e Sviluppo a una maggioranza quasi assoluta, vede smarriti i due virtuosi riferimenti della denominazione i minatori, i loro padroni e le mille categorie arcaiche o ipertecnologiche del blocco sociale erdoğaniano abbandoneranno il presuntuoso leader al suo destino.

EX-LSU SCUOLA: 13 E 14 FEBBRAIO SCIOPERO NAZIONALE

usb

L’USB proclama il 13 e 14 febbraio lo sciopero nazionale degli ex-LSU ATA della Scuola con mobilitazioni in tutte le regioni.

“Urgono provvedimenti coraggiosi da parte del Governo nazionale, che impediscano una volta per tutte il vergognoso gioco in atto sulla pelle di oltre 11.000 ex-Lsu e che mettano in campo una vera stabilizzazione per questi lavoratori”, avverte Carmela Bonvino, dell’Esecutivo Nazionale USB Lavoro Privato”.

Prosegue la dirigente sindacale: “Per quando finiranno le risorse straordinarie e aggiuntive stanziate dalla finanziaria per i mesi di gennaio e febbraio, le nuove aziende aggiudicatarie della Gara Consip hanno già messo in conto forti riduzioni orarie e part-time anche verticale, con fermo luglio e agosto senza retribuzione, e un indiscriminato aumento dei carichi di lavoro. Purtroppo lo stanno già subendo i lavoratori della Puglia o del Veneto e di recente anche quelli di Frosinone e Latina. Se il Governo non interviene cambiando passo, a fine mese stessa sorte toccherà a tutti i lavoratori di Lazio, Sardegna, Molise, Abruzzo, Marche, Umbria e a seguire a quelli di Calabria, Campania e Sicilia”.

Sottolinea Bonvino: “L’aggiudicazione della gran parte dei lotti della nuova gara Consip e il passaggio doloroso dei lavoratori alle nuove aziende nelle poche regioni apripista sta mettendo a nudo il bluff dell’esternalizzazione, della gara Consip e del sistema avallato e sostenuto in questi anni dai sindacati complici”.

“Bisogna farla finita con le logiche di sfruttamento dei lavoratori e garantire lavoro, dignità e reddito agli ex-LSU e qualità del servizio di pulizia nelle scuole. Con lo sciopero e la mobilitazione nazionale l’USB rivendica provvedimenti seri e urgenti, che evitino un disastro imminente mettendo finalmente al centro delle decisioni la difesa del lavoro, del salario e della qualità del servizio con l’assunzione diretta degli Ata”, conclude Bonvino.

Roma, 12 febbraio 2014

 

Noi ci scherzavamo …

older_workers_75Nella nostra analisi sul riformismo di sinistra e sul mercato del lavoro, avevamo indicato come  negli anni i diritti e le conquiste della classe operaia, fossero scomparsi, avevamo parlato parafrasando lo svuotamento dei diritti alla nascita di uno STATUTO DEI LAVORI  !! Ebbene avevamo ragione, i politici si sono superati e sempre nel nome  del mercato e della flessibilità il trio Gabriele Albertini, Pier Ferdinando Casini e Maurizio Sacconi presentano un disegno di legge quale contributo dei moderati che sono parte della maggioranza di governo alla adozione di misure urgenti per il mercato del lavoro, nella prospettiva di un testo unico denominato “Statuto dei lavori”,

Non abbiamo parole da aggiungere vi rimandiamo al testo Della Proposta

Il riformismo di”sinistra”: ecco chi ha distrutto il mercato del lavoro

collage12014 da piu’di un lustro stiamo assistendo all’ennesima crisi globale,le contraddizioni del sistema d’accumulazione capitalista si ripropongono ormai da un secolo e le risposte date nel corso degli anni sono sempre state le stesse,colpire e torchiare i lavoratori dipendenti,a colpi di leggi e accordi corporativisti.
I politici di sinistra ed il sindacato che li avrebbero dovuti tutelare sono invece i responsabili delle condizioni devastanti nelle quali versano il mercato del lavoro e le condizioni sociali di chi deve svendere forza-lavoro.
Dagli anni 60/70 periodo storico di lotte e conquiste dei lavoratori e del proletariato,si inizia a registrare nel nostro paese con il tanto decantato “Statuto dei lavoratori” l’istituzionalizzazione dei rapporti di forza tra le classi,tentando di tradurre in norme scritte, quindi concordate-contrattate,tutte le conquiste che il proletariato stava strappando fuori da ogni contrattazione possibile.
Un salto di qualità apparentemente a favore dei lavoratori,ma che invece dietro alle parole“Autonomia del sindacato” nasconde l’attacco frontale a tutto il proletariato,alle sue lotte ed ai suoi interessi,una subordinazione dell’autonomia di classe che diventa”rappresentante”
al tavolo delle trattative nel gioco concertativo fra quelle che chiameranno parti sociali.
Una svolta corporativista che vedrà nei partiti riformisti della sinistra,nei sindacati confederali,i piu’grandi sostenitori della borghesia capitalista,del diktat mercato-merci-accumulazione,dello sfruttamento bieco e senza limiti della forza-lavoro che diventerà nel corso degli anni,il pozzo senza fine dove attingere per porre pezze ai fallimenti del regime economico-finanziario.
Possiamo dubitare del decreto di Sanvalentino e dell’abrogazione della scala mobile ? Di fatto abbiamo degli indicatori economici come in questo caso l’aumento dell’inflazione,che come abbiamo potuto analizzare nel corso degli anni,sono solo cifre e numeri calcolati da quegli stessi economisti-giuslavoristi al servizio degli interessi economici speculativi della borghesia,delle multinazionali,delle banche d’affari,
di quel manipolo di uomini che detiene nelle mani potere di vita e di morte dell’intera popolazione.
Di fatto il valore dei salari rispetto al potere d’acquisto è andato sempre peggio e solo dal 2000 il costo della vita è salito oltre il 30%
mentre i salari sono addirittura scesi.
Come proseguire ad erodere profitto e speculazione dai lavoratori ?
Basta inventarsi nuove formule,nuove regole,nuove concertazioni ed arriviamo all’inizio del delirio degli anni 1995-1997 quando il Ministro del Lavoro Tiziano Treu,in nome di una flessibilità (a senso unico)
del lavoratore,legalizza il tirocinio e introduce il lavoro interinale sopprimendo la LEGGE 23 ottobre 1960, n.1369 che vietava   l’intermediazione ed l’interposizione in prestazioni di lavoro e impiego di manodopera.
Una speculazione di forza-lavoro che non ha precedenti, in pratica due soggetti drenano plusvalore e succhiano linfa dal lavoro salariato,una
rapina legalizzata dallo Stato che farebbe sobbalzare Marx nella tomba,come non fosse bastato lo sfruttamento uomo su uomo,la sinistra raddoppia il furto,con il solito benestare delle parti sociali e quei sindacati che addirittura si infilano a gestire le fiorenti agenzie di lavoro somministrato,senza alcuna dignità,anzi senza nessuna vergogna.
Ma la flessibilità ha ancora spazi di manovra,si puo’ancora intervenire sulla contrattazione su altre forme,tipologie,collaborazioni,
prestazioni ed arriva l’ennesimo Patto sociale,questa volta addirittura il Libro Bianco,una sorta di nuovo statuto dei lavori,si dei lavori perchè a questo punto la figura del lavoratore,la classe sociale storica del proletariato,non ha neanche piu’ un’identità,non ha piu’alcuna
garanzia,in nome della flessibilità e per le leggi del mercato si è scesi nel girone infernale della precarietà,dove i diritti non dei lavoratori,ma i diritti umani sono sospesi,un uomo senza lavoro e come vedremo senza alcun ammortizzatore sociale,è un uomo che non è in salute,un uomo senza reddito è una persona senza un presente,senza un futuro.
Quante sono le forme e le tipologie che i riformisti hanno inventato ? Forse non lo sanno nemmeno piu’ i professionisti della burocrazia,dal
co.co.pro,alla somministrazione,all’apprendistato,al lavoro d’inserimento, al contratto di lavoro ripartito, al lavoro intermittente,al lavoro accessorio, al lavoro occasionale,lavoro parasubordinato,telelavoro…
Ovviamente con questi tipi di contratto l’azienda può assumere lavoratori di tipologia flessibile in base ad un “progetto” in cui indica lo scopo della prestazione e la durata.L’abuso di tali contratti in cui non sono previsti periodi di prova,percorsi professionali che portino all’assunzione a tempo determinato o indeterminato lascia il lavoratore in una situazione psicologico-lavorativa grave,un precariato “cronico” che non ha accesso alla formazione, perde ogni fiducia dalla progettualità di vita come chiedere un prestito.,fare un mutuo e non parliamo di ferie,tredicesime,maternità.malattia,permessi,trattamento di fine rapporto.
A queste riforme contrattuali che hanno portato il mercato del lavoro ed i lavoratori allo stato attuale con una disoccupazione giovanile al 40%, dobbiamo ricordare le altre manovre compiute dai riformisti sull’avanzamento dell’età pensionabile e nuove normative che si sono susseguite negli anni fino al disastro compiuto dalla ministra Fornero ,che dalla giungla di regole e riforme scritte lascia migliaia di lavoratori esodati,ovvero fuori dal mondo del lavoro perchè accompagnati da accordi alla pensione,senza accorgersi (non sappiamo se errore tecnico o addirittura calcolato) che le modifiche fatte ai requisiti,lasciavano questi senza lavoro e senza alcun reddito.
E’gravissimo inoltre che in Italia  a tutte queste precarizzazioni croniche del lavoro,non è seguita alcuna modifica o introduzione di ammortizzatori sociali come succede in quasi tutti gli stati,non abbiamo una vera indennità di disoccupazione perchè quell’elemosina che l’INPS elargisce è anche questa normata da regole folli, in pratica viene pagata ai lavoratori che hanno perso il posto o gli sia scaduto il contratto,quindi che abbiano lavorato tot.settimane nell’anno precedente,è facile comprendere che le persone giovani  nella maggioranza dei casi non hanno mai avuto accesso al mondo del lavoro,non hanno alcun diritto e nessun sostegno.
Mentre per i soliti interessi economici si sono pagati decine di anni di cassa integrazione a grandi aziende che hanno sempre incassato gli utili e scaricato sulla socialità le perdite,inutile dire che su questo la FIAT ha fatto storia,purtroppo è un sistema che ancora in vita, sostenuto solidamente dagli intrecci di potere,corruzione,mafia,voti di scambio.

Aka (Gb)

Nuovo blitz di Militant nella sede di FIM e UILM

Questa mattina una ventina di precari, disoccupati e lavoratori a nero hanno accolto i continui inviti di padroni e governo ad essere meno choosy nella scelta del lavoro e si sono reinventati come interior designer della sede romana di FIM e UILM. Visto l’amore per il giallo padronale di Bonanni ed Angeletti i militanti hanno dato un tocco di colore a dei locali altrimenti cupi aggiungendo delle nuance di giallo uovo e giallo vernice e qualche tocco di rosso kaki.

 

Due suicidi:la crisi uccide ancora

L’accanimento del mondo politico contro la scuola statale e in particolare contro i precari, umiliati, dopo i tagli feroci, da un concorso grottesco, e minacciati di definitivo licenziamento dall’ipotesi di aumento a 24 ore dell’orario di cattedra, avanzata nel decreto di “stabilità”, in spregio alla contrattazione democratica, ha generato un senso di avvilimento e di prostrazione cui la classe docente, offesa nelle sue prerogative e delusa nelle sue aspettative, sta reagendo con fermezza.

Purtroppo a volte la solidarietà e la consapevolezza di lottare per la salvaguardia di principi costituzionali irrinunciabili non bastano ad esorcizzare l’angoscia.
Carmine Cerbera, insegnante precario napoletano di 48 anni e padre di due figli, è tra quegli eterni supplenti mortificati ed esasperati che si sono lasciati sopraffare dallo sgomento e dal senso di impotenza che attanagliano in questo momento la Scuola, aggredita e vessata dallo sprezzante governo “tecnico” e vittima, per di più, delle speculazioni elettoralistiche di quei partiti che ne stanno ignobilmente avallando le inique deliberazioni (PD, PDL, UDC).

Questo nostro caro e sensibile collega ieri si è tolto la vita, lasciando nella costernazione i parenti e i compagni con cui lottava per il diritto ad un lavoro stabile e dignitoso. E’ stato il gesto di un uomo in preda ad una disperazione giustificabile e ben nota a chi è condannato alla precarietà, una disperazione imputabile a tutte quelle forze politiche che, sorde alla denuncia e alle richieste dei docenti, si trastullano con consultazioni stucchevoli e confronti narcisistici tra aspiranti leader del nulla, che incarnano un disperante vuoto di idee e di ideali, professando ipocritamente una finta partecipazione alla rabbia e al dolore di chi rischia l’estromissione dal mondo del lavoro dopo decenni di attesa e di formazione (mentre intanto danno il loro benestare a un piano anticrisi che stronca i precari e premia gli evasori!) e propinano ai cittadinI la stessa ricetta neoliberista che ha portato il paese sull’orlo del tracollo e che impone la fine dello stato sociale, la soppressione dei diritti, la cancellazione delle tutele conquistate con fatica e sacrificio.

La morte paradossale di Carmine, docente precarizzato di Storia dell’Arte indotto al suicidio nel paese che detiene il 70% del patrimonio artistico e archeologico mondiale, è il più eloquente segnale della decadenza civile e culturale d’Italia, ed è il contrassegno più evidente del fallimento della politica dei tagli selvaggi, che riduce drammaticamente gli orizzonti di migliaia di docenti coscienziosi e impegnati, indegnamente rappresentati e trattati, dal governo dei “professori-tecnici” e dei partiti che li sostengono, come manovalanza inutile e parassitaria.

I Precari Uniti contro i Tagli, profondamente scossi ma nient’affatto sorpresi dal gesto estremo ed emblematico del loro Collega, defunzionalizzato a partire dalla riduzione drastica delle ore destinate alle discipline che con passione insegnava, dopo essersi brillantemente laureato all’Accademia di Belle Arti, comprendono appieno, pur non potendo emotivamente ed umanamente approvarlo, il messaggio trasmesso da Carmine, che ha voluto rimarcare e additare l’interdipendenza di vita e dignità professionale, equiparando la negazione del lavoro stabile e garantito alla rapina dei presupposti essenziali del vivere stesso.

Nel nome e in memoria del Collega, ucciso dall’estenuazione, dal lento logorio mentale e coscienziale che consuma il lavoratore privo di certezze, i Precari Uniti, nel chiedere nuovamente le dimissioni del ministro Profumo e del governo tutto, dichiarano che proseguiranno con rinnovata forza la loro azione di protesta contro provvedimenti insopportabilmente punitivi e ulteriormente penalizzanti, e annunciano che porteranno in tutte le piazze il loro grido di rabbia anche per quest’assurda ed evitabile morte, rivendicando il diritto al lavoro, rimarcando la centralità dell’istruzione pubblica e riconquistando per sé e per gli studenti, tra cui ci sono anche i figli di Carmine, oggi straziati dal dolore, la speranza di un domani plausibile, in un paese finalmente “normalizzato”.

PRECARI UNITI CONTRO I TAGLI ALLA SCUOLA —
Per maggiori informazioni visita il blog: http://coordinamentoscuola3ottobre.blogspot.com

 SUICIDIO DI UN OPERAIO DELLA MAC DI BRESCIA, AZIENDA IN CRISI.

ieri, domenica 4 novembre, di Olivo, operaio di 46 anni alla , azienda in profondissima crisi nell’area dell’Iveco di Brescia.Secondo la madre e gli amici la tragica scelta è collegata anche al rischio di perdita del posto di , rischio che stanno vivendo in queste settimane i lavoratori della Mac, una novantina.

Sentiamo Silvana, cittadina di Caino, dove abitava anche Olivo. Ascolta

Articoli Correlati:

da radio onda d’urto

Ilva un altro morto sul lavoro, si aggiunge al terribile bilancio delle 5 vittime di lunedi 29

Un operaio di 29 anni, Claudio Marsella, è morto per un incidente sul lavoro accaduto ieri mattina nellazona Parco Ovest. L’operaio è rimasto vittima della manovra di aggancio del locomotore ai vagoni che trasportano materiali del ciclo produttivo. È morto poco dopo l’arrivo in ospedale per la gravità delle lesioni riportate. Sul corpo, però, non sono stati trovati segni visibili di schiacciamento – anche se si attende l’autopsia per avere un quadro più certo – ma solo un vistoso ematoma sul torace.
L’incidente non ha avuto testimoni: Claudio Marsella in quel momento era solo.
L’allarme l’ha lanciato il suo capo non avendo avuto risposta alle ripetute chiamate via radio.
Quando i compagni di lavoro sono giunti sul posto, hanno trovato l’operaio a terra. Il corpo non era incastrato fra motrice e vagoni. Tra l’altro l’Ilva fa presente che le manovre di aggancio sono fatte con un telecomando che dovrebbe mettere l’operatore in sicurezza. Si fa strada quindi l’ipotesi che la motrice sulla quale era Marsella possa aver avuto un movimento brusco e improvviso, tale da far perdere l’equilibrio al lavoratore oppure che l’uomo sia stato colpito da un malore. Sul posto ieri si è recato il procuratore capo di Taranto, Franco Sebastio. In una nota l’Ilva afferma che «l’autorità giudiziaria sta effettuando i rilievi ed ha posto sotto sequestro l’area. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente.
L’Ilva sta fornendo e fornirà tutto l’appoggio alle autorità per far luce sulla dinamica di quanto accaduto».Appena la notizia dell’incidente si è diffusa, in tutta l’Ilva è scattato uno sciopero che si conclude oggi alle 7. La stessa azienda «ha deciso di sospendere l’attività in segno di lutto».
Un gesto apprezzato dai sindacati – anche perché è la prima volta che la società assume una decisione del genere – che però hanno rilevato che servono più investimenti in sicurezza.
Oggi in tutti gli stabilimenti dell’Ilva ci saranno 2 ore di sciopero decise da Fim, Fiom e Uilm.

Cinque vittime sul lavoro in un solo giorno. E’ il tragico bollettino di lunedi’ 29 ottobre,
giornata
costellata da incidenti mortali sul lavoro in tutta Italia.

L’ultimo episodio, battuto dalle agenzie, vede come vittima un contadino di 71 anni, travolto dal suo trattore in Alto Adige. L’incidente si è verificato nel tardo pomeriggio a Laion, vicino Chiusa . Sono intervenuti la Croce bianca e i carabinieri, ma per l’anziano agricoltore non c’era più nulla da fare.In precedenza un uomo di 64 anni, Antonio Roselli , aveva perso la vita in un incidente sul lavoro accaduto nel deposito di un’azienda edile di Corato, in provincia di Bari . Per cause in corso d’accertamento da parte dei carabinieri, riferisce l’agenzia Agi, l’operaio sarebbe caduto da un’impalcatura mobile e per lui, nonostante il tempestivo soccorso, non c’è stato nulla da fare. Accertamenti sono in corso per verificare la posizione lavorativa della vittima. Al momento non è stato reso noto il suo nome.In provincia di Lucca ha invece perso la vita un piccolo imprenditore, nel comune di Massaros, morto dopo essere precipitato da un tetto, cadendo da un’altezza di circa otto metri. L’uomo, Fabrizio Del Soldato di 41 anni, era titolare di una ditta di pannelli fotovoltaici, la Dgm, stava lavorando alla posa di pannelli sul tetto quando la copertura ha ceduto.

Maurizio Lorenzetto è invece il nome di un’altra delle vittime odierne, un operaio di 55 anni, scivolato nell’Adige ed annegato. E’ successo a Cavanella, nei pressi di Chioggia , come riferiscono le testate locali. L’uomo era dipendente della Sistemi territoriali: stava effettuando la manutenzione dell’impianto, quando ha scavalcato una recinsione e attraversato una passerella. E’ caduto nel fiume ed è deceduto poco dopo.

La quinta vittima, di 42 anni, si chiamava Stefano Mirabelli ed era co-titolare della ‘Fratelli Mirabelli’, azienda  meccanica di Ronco Scrivia, in provincia di Genova . L’uomo è morto questo pomeriggio all’interno dell’azienda, è rimasto schiacciato da un muraglione crollato per circostanze ancora da chiarire.

Le notti di Taranto, ottobre 2012

Polvere da sparo

Ho pochissime parole per descrivere questo video: è stato girato 4 notti fa….

12 ore di Taranto… il video è un timelapse di circa 12 ore, dalle ore 20:07 alle ore 7:30 del mattino, montato su 4022 scatti fotografici ripresi ogni 10 sec
Data riprese 5 Ottobre 2012 quartiere tamburi
Produzione Aumedia
Realizzazione Andrea Basile

View original post

L’Alcoa vola via sull’F-35

Ne è passato di tempo da quando gli operai avevano di fronte il padrone delle ferriere. Lo ignorano però i politici e sindacalisti che trattano la vicenda Alcoa solo come vertenza di lavoro, tacendo sulla reale identità della controparte. Che cos’è l’Aluminum Company of America?

Nata nel 1888 a Pittsburgh, è oggi leader mondiale nell’estrazione e raffinazione della bauxite e nella fabbricazione di alluminio e prodotti derivati. Gli Stati uniti hanno però poca bauxite, i cui giacimenti si concentrano in Sudamerica, Africa, Russia, Cina, Sud-Est asiatico e Australia. L’Alcoa ha quindi sempre cercato di accaparrarsi la materia prima, ovunque e comunque. La sua storia è perciò intessuta con quella dell’imperialismo Usa. Non a caso, dopo il colpo di stato orchestrato dalla Cia in Indonesia nel 1965, con il massacro di oltre un milione di persone, fu l’Alcoa a ottenere dal dittatore Suharto la più grossa fetta della bauxite indonesiana. Fu ancora l’Alcoa che, dopo il colpo di stato organizzato dalla Cia in Cile nel 1973, riottenne da Pinochet il controllo della bauxite, nazionalizzata da Allende. Non è neppure un caso che il presidente del Paraguay, l’ex vescovo Fernando Lugo, che voleva nazionalizzare le miniere di bauxite dell’Alcoa, sia stato destituito lo scorso giugno con un golpe bianco organizzato dalla Cia. Continua a leggere

Ilva, operaio precipita in una vasca

        Ilva, operaio precipita in una vasca in ospedale con ustioni su tutto il corpo
L’incidente ieri sera a fine turno: Ilva, TARANTO – Un operaio della ditta  d’appalto Semat, Roberto Santoro, di 20 anni originario di Grottaglie, nella  tarda serata di ieri si è procurato ustioni di secondo grado in diverse parti del corpo precipitando in una buca profonda circa un metro, contenente acqua di raffreddamento del coke, all’interno dello stabilimento Ilva di Taranto.

Continua a leggere

OPERAI ALCOA E GOVERNO & RIFORMA FORNERO

Il ministro del lavoro Elsa Fornero ha affermato: di essere “vicina a questi
lavoratori che rischiano di perdere il lavoro” anche se “sarebbe sbagliato dire che
noi garantiremo i vostri posti di lavoro”. Ha ricordato poi che “tutta la riforma è
finalizzata non a garantire un singolo posto di lavoro ma l’occupabilità dei
lavoratori: è onesto dire che noi assistiamo i lavoratori anche nella loro eventuale
ricerca di altre occupazioni.

Continua a leggere