Ballots or Bullets: Democracy and World Power

barcode-world

Ballots or Bullets:

Democracy and World Power

The principal reason why Washington engages in military wars, sanctions and clandestine operations to secure power abroad is because its chosen clients cannot, and do not, win free and open elections.

A brief survey of recent election outcomes testify to the electoral unattractiveness of Washington-backed clients. The majority of democratic electorates rejects candidates and parties which back the US global agenda: neo-liberal economic policies; a highly militarized foreign policy; Israeli colonization and annexation of Palestine; the concentration of wealth in the financial sector; the military escalation against China and Russia. While the US policy attempts to re-impose the pillage and dominance of the 1990s via recycled client regimes the democratic electorates want to move on toward less bellicose, more inclusive governments, which restore labor and welfare rights.

The US seeks to impose the unipolar world, of the Bush Sr. and Clinton era, failing to recognize the vast changes in the world economy, including the rise of China and Russia as world powers, the emergence of the BRIC and other regional organizations and above all the growth of popular democratic consciousness.

Failing to convince electorates by reason or manipulation, Washington has opted to intervene by force, and to finance organizations to subvert the democratic electoral process. The frequent resort to bullets and economic coercion when ballots fail to produce the “appropriate outcome” testifies to the profoundly reactionary nature of US foreign policy. Reactionary in the double sense of ends and means.

Pragmatically, the imperial centered socio-economic policies deepen inequalities and depress living standards. The means to achieve power, the instruments of policy, include wars, intervention, covert operations, are more akin to extremists, quasi-fascist, far right regimes.

Free Elections and the Rejection of US Clients

US-backed electoral parties and candidates have suffered defeats throughout most of the world, despite generous financial backing and international mass media propaganda campaigns. What is striking about the negative voting outcomes is the fact that the vast majority of adversaries are neither anti-capitalist nor ‘socialist’. What is equally striking is that all of the US clients are rightist or far-rightist parties and leaders. In other words, the polarization is usually between center-left and rightist parties; the choice is between reform or reaction, between an independent or satellite foreign policy.

Washington and Latin America: Masters of Defeats

Over the past decade, Washington has backed losing neo-liberal candidates throughout Latin America and then sought to subvert the democratic outcome.

Bolivia

Since 2005, Evo Morales, the center left leader favoring social reforms and an independent foreign policy, has won three Presidential elections against Washington backed rightist parties, each time by a greater margin. In 2008, he ousted the US ambassador for intervening, expelled the Drug Enforcement Agency (DEA) in 2008, USAID in 2013 and the Military Mission after foiling an aborted coup in Santa Cruz.

Venezuela

The United Socialist Party of Venezuela (PSUV) and its predecessor have won every Presidential and Congressional election (over a dozen) except one over the past 15 years despite US multi-million dollar funding of neo-liberal opposition parties. Unable to defeat the Chavez-led radical-reform government, Washington backed a violent coup (2002), a boss’s lockout (2002/3), and decade’s long paramilitary attacks of pro-democracy leaders and activists.

Ecuador

The US has opposed the center-left government of President Correa for ousting it from the military base in Manta, renegotiating and repudiating some of its foreign debt and backing regional pacts which exclude the US. As a result Washington backed an abortive police led coup in 2010 that was quickly defeated.

Honduras

During democratically elected President Manual Zelaya’s tenure in office, a center-left President, Honduras sought to pursue closer relations with Venezuela in order to receive greater economic aid and to shed its reputation as a US dominated “banana republic”. Washington, unable to defeat him at the ballot box, responded by supporting a military coup (2009) which ousted Zelaya and returned Honduras to the US fold. Since the coup Honduras has experienced more killings of popular leaders-200- than any country in Latin America.

Brazil

The center-left Workers Party has won four straight elections against US backed neo-liberal candidates beginning in 2002 and continuing through the 2014 elections. The US propaganda machine, including NSA’s spying on President Rousseff and the strategic state petrol company, Petrobras, and the international financial press went all out to discredit the reformist center-left government. To no avail! The voters preferred an ‘inclusive’ social liberal regime pursuing an independent foreign policy to an opposition embedded in the discredited socially regressive neo-liberal politics of the Cardoso regime (1994-2002). In the run-up to the 2014 elections Brazilian and US financial speculators attempted to strike fear in the electorate by betting against the currency (real) and driving the stock market into a precipitous fall.

To no avail. Rousseff won with 52% of the vote.

Argentina

In Argentina a massive popular revolt overthrew the US backed neo-liberal regime of De la Rua in 2001. Subsequently, the electorate elected the center-left Kirchner government over the rightist, US backed Menem candidacy in 2003. Kirchner pursued a reformist agenda imposing a moratorium on the debt and combining high economic growth with large scale social expenditures and an independent foreign policy. US opposition escalated with the election of his wife Cristina Fernandez. Financial elites, Wall Street, the US judiciary and Treasury intervened to destabilize the government, after failing to defeat Fernandez’s re-election. Extra-parliamentary financial pressures were matched by political and economic support for rightist politicians in preparation for the 2015 elections.

Earlier, in 1976, the US backed the military coup and political terror that led to the murder of 30,000 activists and militants. In 2014 the US backed a “financial coup” as a federal judge sided with vulture funds, sowing financial terror in international markets against a democratically elected government.

Paraguay

President Fernando Lugo was a moderate former Bishop who pursued a watered-down center-left agenda. Nevertheless, he raised issues that conflicted with Washington’s extremist agenda, including Paraguay’s membership in regional organizations that excluded the US (MERCOSUR). He appealed to the landless rural workers and he retained ties to other Latin American center-left regimes. He was deposed by Congress in 2012 in a highly dubious ‘institutional coup’, quickly supported by the White House and replaced by a straight-line neo-liberal, Federico Franco with tight links to Washington and hostile to Venezuela.

Globalizing US Threats to Democracy

US subversion of democracy when center-left political formations compete for power is not confined to Latin America – it has gone ‘global’.

Ukraine

The most egregious example is the Ukraine, where the US spent over $6 billion in over a decade and a half. Washington financed, organized, and promoted pro NATO shock troops to seize power against an elected regime (Viktor Yanukovych) which tried to balance ties between the West and Russia. In February 2014, an armed uprising and mob action led to the overthrow of the elected government and the imposition of a puppet regime totally beholden to the US. The violent putschists met resistance from a large swathe of pro-democracy activists in the Eastern region. The Kiev junta led by oligarch Petro Poroshenko dispatched air and ground troops to repress the popular resistance with the unanimous backing of the US and EU. When the rightist regime in Kiev moved to impose its rule over the Crimea and to break its military base treaty with Russia, the Crimean citizens voted, by a large margin (85%), to separate and merge with Russia.

In both the Ukraine and Crimea, US policy was directed toward imposing by force, the subordination of democracy to NATO’s drive to encircle Russia and undermine its democratically elected government.

Russia

Following the election of Vladimir Putin to the Presidency, the US organized and financed a large number of opposition “think tanks”, and NGO’s, to destabilize the government. Large scale demonstrations by well-funded NGO’s were given wide play by all the Western mass media.

Failing to secure an electoral majority and after suffering electoral defeats in the executive and legislative elections, Washington and the EU, using the pretext of Russian “intervention” in the Ukraine, launched a full scale economic war on Russia. Economic sanctions were enforced in the hopes of provoking economic collapse and a popular upheaval. Nothing of the sort occurred. Putin gained greater popularity and stature in Russia and consolidated its ties with China and the other BRIC countries.

In sum in the Ukraine, Crimea and Russia, facing independent elected governments, Washington resorted to a mob uprising, military encirclement and an escalation of economic sanctions.

Iran

Iran has periodic elections in which pro and anti-western parties compete. Iran has drawn the wrath of Washington because of its support for Palestinian liberation from the Israeli yoke; its opposition to the Gulf absolutist states; and its ties to Syria, Lebanon (Hezbollah) and post- Saddam Hussain Iraq. As a result, the US has imposed economic sanctions to cripple its economy and finances and has funded pro-Western neo-liberal opposition NGO’s and political factions. Unable to defeat the Islamist power elite electorally, it chooses to destabilize via sanctions in order to disrupt its economy and assassinations of scientists and cyber warfare.

Egypt

Washington backed the Hosni Mubarak dictatorship for over three decades. Following the popular uprising in 2011, which overthrew the regime, Washington retained and strengthened its ties to the Mubarak police, military and intelligence apparatus. While promoting an alliance between the military and the newly elected President Mohammed Morsi, Washington funded NGO’s, who acted to subvert the government through mass demonstrations. The military, under the leadership of US client General Abdel Fattah el-Sisi, seized power, outlawed the Moslem Brotherhood and abolished democratic freedoms.

Washington quickly renewed military and economic aid to the Sisi dictatorship and strengthened its ties with the authoritarian regime. In line with US and Israeli policy, General Sisi tightened the blockade of Gaza, allied with Saudi Arabia and the Gulf despots, strengthened its ties with the IMF and implemented a regressive neo-liberal program by eliminating fuel and food subsidies and lowering taxes on big business.

The US backed coup and restoration of dictatorship was the only way Washington could secure a loyal client relationship in North Africa.

Libya

The US and NATO and Gulf allies launched a war (2011) against the independent, nationalist Libyan government, as the only way to oust the popular, welfare government of Colonel Gaddafi. Unable to defeat him via internal subversion, unable to destabilize the economy, Washington and its NATO partners launched hundreds of bombing missions accompanied by arms transfers to local Islamic satraps, tribal, clans and other violent authoritarian groups. The subsequent ‘electoral process” lacking the most basic political guarantees, fraught by corruption, violence and chaos, led to several competing power centers. Washington’s decision to undermine democratic procedures led to a violent Hobbesian world, replacing a popular welfare regime with chaos and terrorism.

Palestine

Washington has pursued a policy of backing Israeli seizures and colonization of Palestinian territory, savage bombings and the mass destruction of Gaza. Israel, determined to destroy the democratically elected Hamas government, has received unconditional US backing. The Israeli colonial regime has imposed racist, armed colonies throughout the West Bank, financed by the US government, private investors and US Zionist donors. Faced with the choice between a democratically elected nationalist regime, Hamas, and a brutal militarist regime, Israel, US policymakers have never failed to back Israel in its quest to destroy the Palestinian mini-state.

Lebanon

The US, along with Saudi Arabia and Israel, has opposed the freely elected Hezbollah led coalition government formed in 2011. The US backed the Israeli invasion in 2006, which was defeated by the Hezbollah militias. Washington backed the right wing Hariri-led coalition (2008 – 2011) which was marginalized in 2011. It sought to destabilize the society by backing Sunni extremists especially in Northern Lebanon. Lacking popular electoral support to convert Lebanon into a US client state, Washington relies on Israeli military incursions and Syrian based terrorists to destabilize Lebanon’s democratically elected government.

Syria

Syria’s Bashar Assad regime has been the target of US, EU, Saudi and Israeli enmity because of its support for Palestine, its ties with Iraq, Iran, Russia and Hezbollah. Its opposition to the Gulf despotism and its refusal to become a US client state (like Jordan and Egypt) has been another source of NATO hostility. Under pressure from its internal democratic opposition and its external allies, Russia and Iran , the Bashar Assad regime convoked a conference of non-violent opposition parties, leaders and groups to find an electoral solution to the ongoing conflict. Washington and its NATO allies rejected a democratic electoral road to reconciliation. They and their Turkish and Gulf allies financed and armed thousands of Islamic extremists who invaded the country. Over a million refugees and 200,000 dead Syrians were a direct result of Washington’s decision to pursue “regime change” via armed conflict.

China

China has become the world’s largest economy. It has become a leading investment and trading country in the world. It has replaced the US and the EU in Asian, African and Latin American markets. Faced with peaceful economic competition and offers of mutually beneficial free trade agreements, Washington has chosen to pursue a policy of military encirclement, internal destabilization and Pan Pacific integration agreements that excludes China. The US has expanded military deployments and bases in Japan, Australia and the Philippines. It has heightened naval and air force surveillance just beyond China’s limits. It has fanned rival maritime claims of China’s neighbors, encroaching on vital Chinese waterways.

The US has supported violent Uighur separatists, Tibetan terrorists and protests in Hong Kong in order to fragment and discredit China’s rule over its sovereign territory. Fomenting separation via violent means results in harsh repression, which in turn can alienate a domestic constituency and provide grist for the Western media mills. The key to the US countering China’s economic ascent is political: fomenting domestic divisions and weakening central authority. The democratization which Chinese citizens favor has little resonance with US financed ‘democracy’ charades in Hong Kong or separatist violence in the provinces.

Washington’s effort to exclude China from major trade and investment agreements in Asia and elsewhere has been a laughable failure. The principle US “partners”, Japan and Australia are heavily dependent on the Chinese market. Washington’s (free trade) allies in Latin America, namely Colombia, Peru, Chile and Mexico are eager to increase trade with China. India and Russia are signing off on multi-billion dollar trade and investment deals with China! Washington’s policy of economic exclusion miscarried in the first month!

In sum, Washington’s decision to pursue confrontation over conciliation and partnership; military encirclement over co-operation; exclusion over inclusion, goes counter to a democratic foreign policy designed to promote democracy in China and elsewhere. An authoritarian choice in pursuit of unachievable Asian supremacy is not a virtue; it is a sign of weakness and decay.

Conclusion

In our global survey of US policy toward democracy, center-left governments and free elections we find overwhelming evidence of systematic US hostility and opposition. The political essence of the “war on terrorism” is Washington’s world-wide long-term pernicious assault on independent governments, especially center-left democratic regimes engaged in serious efforts to reduce poverty and inequality.

Washington’s methods of choice range from financing rightist political parties via USAID and NGO’s, to supporting violent military coups; from backing street mobs engaged in destabilization campaigns to air and ground invasions. Washington’s animus to democratic processes is not confined to any region, religious, ethnic or racial group. The US has bombed black Africans in Libya; organized coups in Latin America against Indians and Christians in Bolivia; supported wars against Muslims in Iraq, Palestine and Syria; financed neo-fascist “battalions”and armed assaults against Orthodox Christians in the Eastern Ukraine; denounced atheists in China and Russia.

Washington subsidizes and backs elections only when neo-liberal client regimes win. It consistently destabilizes center-left governments which oppose US imperial policies.

None of the targets of US aggression are strictly speaking anti-capitalist. Bolivia, Ecuador, Brazil, Argentina are capitalist regimes which attempt to regulate tax and reduce disparities of wealth via moderate welfare reforms.

Throughout the world, Washington always supports extremist political groups engaged in violent and unconstitutional activity that have victimized democratic leaders and supporters. The coup regime in Honduras has murdered hundreds of rank and file democratic activists, farm workers,and poor peasants.

The US armed Islamic jihadist and ex-pat allies in Libya have fallen out with their NATO mentors and are at war among themselves, engaging in mutual bloodletting.

Throughout the Middle East, South Asia, North Africa, Central America and the Caucuses wherever US intervention has taken place, extreme right-wing groups have served, at least for a time, as Washington and Brussels’ principal allies.

Pro EU-NATO allies in the Ukraine include a strong contingent of neo-Nazis, paramilitary thugs and “mainstream” military forces given to bombing civilian neighborhoods with cluster bombs.

In Venezuela, Washington bankrolls terrorist paramilitary forces and political extremists who murdered a socialist congressional leader and dozens of leftists.

In Mexico the US has advised, finances and backs rightist regimes whose military, paramilitary and nacro-terrorist forces recently murdered and burned alive 43 teachers’ college students, and are deeply implicated in the killing of 100,000 “other” Mexicans, in less than a decade.

Over the past eleven years the US has pumped over $6 billion dollars in military aid to Colombia, funding its seven military bases and several thousand special operations forces and doubling the size of the Colombian military. As a result thousands of civil society and human rights activists, journalists, trade union leaders and peasants, have been murdered. Over 3 million small land -holders have been dispossessed.

The mass media cover up the US option for right wing extremism by describing ruling mass murderers as “center-right regimes” or  as“moderates”: linguistic perversions and grotesque euphemisms are as bizarre as the barbarous activities, perpetrated by the White House.

In the drive for world power, no crime is left undone; no democracy that opposes it is tolerated. Countries as small and marginal as Honduran or Somalia or as great and powerful as Russia and China cannot escape the wrath and covert destabilization efforts of the White House.

The quest for world domination is driven by the subjective belief in the “triumph of the will”. Global supremacy depends entirely on force and violence: ravaging country after country, from carpet bombing of Yugoslavia, Iraq, Afghanistan and Libya to proxy wars in Somalia, Yemen, Ukraine to mass killings in Colombia, Mexico and Syria.

Yet there are limits to the spread of the “killing fields”. Democratic processes are defended by robust citizens’ movements in Venezuela, Ecuador and Bolivia. The spread of imperial backed terrorist seizures of power are stymied by emergence of global powers, China in in the Far East and Russia in Crimea and eastern Ukraine have taken bold steps to limit US imperial expansion.

In the United Nations, the President of the United States and his delegate Samantha Powers rant and rave, in a fit of pure insanity, against Russia as “the greatest world terrorist state” for resisting military encirclement and the violent annexation of the Ukraine.

Extremism, authoritarianism and political insanity know no frontiers. The massive growth of the secret political police, the National Security Agency, the shredding of constitutional guarantees, the conversion of electoral processes into elite controlled multi-billion dollar charades, the growing impunity of police involved in civilian murders, speaks to an emerging totalitarian police – state inside the US as a counterpart to the violent pursuit of world power.

Citizens’ movements, consequential center-left parties and governments, organized workers, in Latin America, Asia and Europe have demonstrated that authoritarian extremist proxies of Washington can be defeated. That disastrous neo-liberal policies can be reverted. That welfare states, reductions in poverty, unemployment and inequalities can be legislated despite imperial efforts to the contrary.

The vast majority of the Americans, here and now, are strongly opposed to Wall Street, big business and the financial sector. The Presidency and the Congress are despised by three quarters of the American public. Overseas wars are rejected. The US public, for its own reasons and interests, shares with the pro-democracy movement’s world-wide, a common enmity toward Washington’s quest for world power. Here and now in the United States of America we must learn and build our own powerful democratic political instruments.

We must, through the force of reason, contain and defeat “the reason of force”: the political insanity that informs Washington’s ‘will to power’. We must degrade the empire to rebuild the republic. We must turn from intervening against democracy abroad to building a democratic welfa

Questa terra è mia (storia e spiegazione)

Who’s Killing Who? A Viewer’s Guide

Because you can’t tell the players without a pogrom!

Early Man

 

Early Man
This generic “cave man” represents the first human settlers in Israel/Canaan/the Levant. Whoever they were.

Canaanite

 

 

Canaanite
What did ancient Canaanites look like? I don’t know, so this is based on ancient Sumerian art.

Ancient Egyptian

 

 

Egyptian
Canaan was located between two huge empires. Egypt controlled it sometimes, and…

Assyrian

 

 

Assyrian
….Assyria controlled it other times.

Israelite

 

 

Israelite
The “Children of Israel” conquered the shit out of the region, according to bloody and violent Old Testament accounts.

Babylonian

 

 

Babylonian
Then the Baylonians destroyed their temple and took the Hebrews into exile.

Macedonian/Alexander

 

 

 

Macedonian/Greek
Here comes Alexander the Great, conquering everything!

Greek

 

 

Greek/Macedonian
No sooner did Alexander conquer everything, than his generals divided it up and fought with each other.

Ptolmaic

 

 

Ptolemaic
Greek descendants of Ptolemy, another of Alexander’s competing generals, ruled Egypt dressed like Egyptian god-kings. (The famous Cleopatra of western mythology and Hollywood was a Ptolemy.)

Seleucid

 

 

Seleucid
More Greek-Macedonian legacies of Alexander.

 

Hebrew Priest

Hebrew Priest
This guy didn’t fight, he just ran the Second Temple re-established by Hebrews in Jerusalem after the Babylonian Exile.

Maccabee

Maccabee
Led by Judah “The Hammer” Maccabee, who fought the Seleucids, saved the Temple, and invented Channukah. Until…

 

Roman

 

Roman
….the Romans destroyed the Second Temple and absorbed the region into the Roman Empire…

Byzantine

 

 

Byzantine
….which split into Eastern and Western Empires. The eastern part was called the Byzantine Empire. I don’t know if “Romans” ever fought “Byzantines” (Eastern Romans) but this is a cartoon.

 

Caliph

 

 

Arab Caliph
Speaking of cartoon, what did an Arab Caliph look like? This was my best guess.

Crusader

 

 

Crusader
After Crusaders went a-killin’ in the name of Jesus Christ, they established Crusader states, most notably the Kingdom of Jerusalem.

Egyptian Mamluk

 

 

Mamluk of Egypt
Wikipedia sez, “Over time, mamluks became a powerful military caste in various Muslim societies…In places such as Egypt from the Ayyubid dynasty to the time of Muhammad Ali of Egypt, mamluks were considered to be “true lords”, with social status above freeborn Muslims.[7]” And apparently they controlled Palestine for a while.

 

Ottoman Turk

 

Ottoman Turk
Did I mention this is a cartoon? Probably no one went to battle looking like this. But big turbans, rich clothing and jewelry seemed to be in vogue among Ottoman Turkish elites, according to paintings I found on the Internet.

Arab

 

 

Arab
A gross generalization of a generic 19-century “Arab”.

 

British

British
The British formed alliances with Arabs, then occupied Palestine. This cartoon is an oversimplification, and uses this British caricature as a stand-in for Europeans in general.

Palestinian

 

 

Palestinian
The British occupied this guy’s land, only to leave it to a vast influx of….

European Jew/Zionist

 

European Jew/Zionist
Desperate and traumatized survivors of European pogroms and death camps, Jewish Zionist settlers were ready to fight to the death for a place to call home, but…

Hezbollah

 

 

PLO/Hamas/Hezbollah
….so were the people that lived there. Various militarized resistance movements arose in response to Israel: The Palestinian Liberation Organization, Hamas, and Hezbollah.

State of Israel

 

 

Guerrilla/Freedom Fighter/TerroristState of Israel
Backed by “the West,” especially the US, they got lots of weapons and the only sanctioned nukes in the region.

 

Guerrilla/Freedom Fighter/Terrorist
Sometimes people fight in military uniforms, sometimes they don’t. Creeping up alongside are illicit nukes possibly from Iran or elsewhere in the region. Who’s Next?

Angel of Death

 

 

 

and finally…

The Angel of Death
The real hero of the Old Testament, and right now too.

 This Land Is Mine from Nina Paley 

7-7-1960 Strage di Reggio Emilia

Il contesto storico-politico

andreotti  e tambroniIl 25 marzo 1960 il presidente della Repubblica Giovanni Gronchi conferisce l’incarico di formare il nuovo governo a un democristiano di secondo piano, Fernando Tambroni, avvocato quasi sessantenne ed esponente della sinistra democristiana, attivo sostenitore di una politica di “legge ed ordine”. La sua designazione segna un punto di svolta all’interno di un’acuta crisi politica, con pesanti risvolti istituzionali. La politica del centrismo è ormai esaurita, ma le trattative con il Partito Socialista di Pietro Nenni per la formazione di un governo di centro-sinistra non sembrano in grado di partorire la svolta politica, auspicata e preparata dall’astro nascente della DC Aldo Moro, che nell’ottobre 1959 aveva aperto ai socialisti affermando il carattere “popolare e antifascista” della DC in occasione del congresso democristiano svoltosi a Firenze.

Il governo Tambroni ha al suo interno una forte presenza di uomini della sinistra democristiana, ma ottiene la fiducia alla camera solo grazie ai voti dei fascisti e dei monarchici. La direzione della DC sconfessa l’operato del gruppo parlamentare, e tre ministri (Sullo, Bo e Pastore) aprono una crisi che si conclude col rinvio alle Camere del Governo, con l’invito del presidente Gronchi a sostituire i tre ministri riottosi. In questo modo Gronchi esplicitava la proposta politica di un “governo del Presidente” che cercava spregiudicatamente i suoi consensi in aula con chiunque fosse disponibile ad appoggiarlo: una soluzione autoritaria, come lo era del resto la proposta di un “gollismo italiano” caldeggiata da Fanfani, volta a sminuire le prerogative del Parlamento davanti al rischio di un ingresso dei socialisti nella maggioranza. Degna di nota la presenza nel governo di due uomini del “partito-Gladio”: Antonio Segni (agli Esteri) e Paolo Emilio Taviani, (oltre all’immancabile Giulio Andreotti, Oscar Luigi Scalfaro e Benigno Zaccagnini).

Da Genova a Reggio Emilia

Nel giugno il MSI annuncia che il suo congresso nazionale si terrà a Genova, città medaglia d’oro della Resistenza, e che a presiederlo è stato chiamato l’ex prefetto repubblichino Emanuele Basile, responsabile della deportazione degli antifascisti resistenti e degli operai genovesi nei lager e nelle fabbriche tedeschi. Alla notizia Genova insorge. Il 30 giugno i lavoratori portuensi (i cosiddetti “camalli”) risalgono dal porto guidando decine di migliaia di genovesi, in massima parte di giovane età, in una grande manifestazione aperta dai comandanti partigiani. Al tentativo di sciogliere la manifestazione da parte della polizia, i manifestanti rovesciano e bruciano le jeep, erigono barricate e di fatto si impadroniscono della città, costringendo i poliziotti a trincerarsi nelle caserme. In piazza De Ferrari viene acceso un rogo per bruciare i mitra sequestrati alle forze dell’ordine. Il prefetto di Genova è costretto ad annullare il congresso fascista.

In risposta alla sollevazione genovese Tambroni ordina la linea dura nei confronti di ogni manifestazione: il 5 luglio la polizia spara a Licata e uccide Vincenzo Napoli, di 25 anni, ferendo gravemente altri ventiquattro manifestanti. Il 6 luglio 1960 a Roma, a Porta San Paolo, la polizia reprime con una carica di cavalleria (guidata dall’olimpionico Raimondo d’Inzeo) un corteo antifascista, ferendo alcuni deputati socialisti e comunisti.

Il 7 luglio

La sera del 6 luglio la CGIL reggiana, dopo una lunga riunione (la linea della CGIL era sino a quel momento avversa a manifestazioni politiche) proclama lo sciopero cittadino. La polizia ha proibito gli assembramenti, e le stesse auto del sindacato invitano con gli altoparlanti i manifestanti a non stazionare. Ma l’unico spazio consentito – la Sala Verdi, 600 posti – è troppo piccolo per contenere i 20.000 manifestanti: un gruppo di circa 300 operai delle Officine Meccaniche Reggiane decide quindi di raccogliersi davanti al monumento ai Caduti, cantando canzoni di protesta. Alle 16.45 del pomeriggio una violenta carica di un reparto di 350 celerini al comando del vice-questore Giulio Cafari Panico investe la manifestazione pacifica: “Cominciarono i caroselli degli automezzi della polizia. Ricordo un’autobotte della polizia che in piazza cercava di disperdere la folla con gli idranti”, ricorda un testimone, l’allora maestro elementare Antonio Zambonelli. Anche i carabinieri, al comando del tenente colonnello Giudici, partecipano alla carica. Incalzati dalle camionette, dalle bombe a gas, dai getti d’acqua e dai fumogeni, i manifestanti cercano rifugio nel vicino isolato San Rocco, “dove c’era un cantiere, ricorda un protagonista dei fatti, Giuliano Rovacchi. Entrammo e raccogliemmo di tutto, assi di legno, sassi…”

1960-Reggio Emilia“Altri manifestanti, aggiunge Zambonelli, buttavano le seggiole dalle distese dei bar della piazza”. Respinti dalla disperata sassaiola dei manifestanti, i celerini impugnano le armi da fuoco e cominciano a sparare: “Teng-teng, si sentiva questo rumore, teng-teng. Erano pallottole, dice Rovacchi, e noi ci ritirammo sotto l’isolato San Rocco. Vidi un poliziotto scendere dall’autobotte, inginocchiarsi e sparare, verso i giardini, ad altezza d’uomo”.

In quel punto verrà trovato il corpo di Afro Tondelli (1924), operaio di 35 anni. Si trova isolato al centro di piazza della Libertà. L’agente di PS Orlando Celani estrae la pistola, s’inginocchia, prende la mira in accurata posizione di tiro e spara a colpo sicuro su un bersaglio fermo. Prima di spirare Tondelli dice: “Mi hanno voluto ammazzare, mi sparavano addosso come alla caccia”. Partigiano della 76a Sap (nome di battaglia “Bobi”), è il quinto di otto fratelli, in una famiglia contadina di Gavasseto. Sposato, è segretario locale dell’Anpi.

Davanti alla chiesa di San Francesco è Lauro Farioli, 22 anni, orfano di padre, sposato e padre di un bimbo. Lo chiamavano “Modugno” grazie alla vaga somiglianza con il cantante. Era uscito di casa con pantaloni corti, una camicetta rossa, le ciabatte ai piedi: ai primi spari si muove incredulo verso i poliziotti come per fermarli. Gli agenti sono a cento metri da lui: lo fucilano in pieno petto. Dirà un ragazzo testimone dell’eccidio: “Ha fatto un passo o due, non di più, e subito è partita la raffica di mitra, io mi trovavo proprio alle sue spalle e l’ho visto voltarsi, girarsi su se stesso con tutto il sangue che gli usciva dalla bocca. Mi è caduto addosso con tutto il sangue”.

Intanto l’operaio Marino Serri 41 anni, partigiano della 76a brigata si è affacciato piangendo di rabbia oltre l’angolo della strada gridando “Assassini!”: cade immediatamente, colpito da una raffica di mitra. Nato in una famiglia contadina e montanara poverissima di Casina, con sei fratelli, non aveva frequentato nemmeno le elementari: lavorava sin da bambino pascolando le pecore nelle campagne. Militare a 20 anni, era stato in Jugoslavia. Abitava a Rondinara di Scandiano, con la moglie Clotilde e i figli.

In piazza Cavour c’è Ovidio Franchi, un ragazzo operaio di 19 anni. Viene colpito da un proiettile all’addome. Cerca di tenersi su, aggrappandosi a una serranda: “Un altro, racconta un testimone, ferito lievemente, lo voleva aiutare, poi è arrivato uno in divisa e ha sparato a tutti e due”. Franchi è la vittima più giovane (classe 1941, nativo della frazione di Gavassa): figlio di un operaio delle Officine Meccaniche Reggiane, dopo la scuola di avviamento industriale era entrato come apprendista in una piccola officina della zona. Nel frattempo frequentava il biennio serale per conseguire l’attestato di disegnatore meccanico, che gli era stato appena recapitato. Morirà poco dopo a causa delle ferite riportate.

Ma gli spari non sciolgono la manifestazione: sono proprio i più giovani – tra i quali è Rovacchi – a resistere: “La macchina del sindacato girava tra i tumulti e l’altoparlante ci invitava a lasciare la piazza, che la manifestazione era finita. Ma noi non avevamo alcuna intenzione di ritirarci, qualcuno incitava addirittura alle barricate. Non avremmo sgomberato la piazza almeno fino a quando la polizia non spariva. E così fu. Mentre correvo inciampai su un corpo senza vita, vicino al negozio di Zamboni. Era il corpo di Reverberi, ma lo capii soltanto dopo”.

Emilio Reverberi, 39 anni, operaio, era stato licenziato perché comunista nel 1951 dalle Officine Meccaniche Reggiane, dove era entrato all’età di 14 anni. Era stato garibaldino nella 144a Brigata dislocata nella zona della Val d’Enza (commissario politico nel distaccamento Amendola). Nativo di Cavriago, abitava a Reggio nelle case operaie oltre Crostolo con la moglie e i due figli. Viene brutalmente freddato a 39 anni, sotto i portici dell’Isolato San Rocco, in piazza Cavour. In realtà non è ancora morto: falciato da una raffica di mitra, spirerà in sala operatoria.

Polizia e carabinieri sparano con mitra e moschetti più di 500 proiettili, per quasi tre quarti d’ora, contro gli inermi manifestanti. I morti sono cinque, i feriti centinaia: Zambonelli, riuscito a entrare nell’ospedale, testimonia di “feriti ammucchiati ai morti, corpi squartati, irriconoscibili, ammassati uno sull’altro”. Drammatica anche la testimonianza del chirurgo Riccardo Motta: “In sala operatoria c’eravamo io, il professor Pampari e il collega Parisoli. Ricordo nitidamente quelle terribili ore, ne passammo dodici di fila in sala operatoria, arrivava gente in condizioni disperate. Sembrava una situazione di guerra: non c’era tempo per parlare, mentre cercavamo di fare il possibile avvertivamo, pesantissimi, l’apprensione e il dolore dei parenti”.

La caduta del governo Tambroni

Nello stesso giorno altri scontri e altri feriti a Napoli, Modena e Parma. Il ministro degli Interni Spataro afferma alla Camera che “è in atto una destabilizzazione ordita dalle sinistre con appoggi internazionali”. Invano il presidente del Senato Cesare Merzagora tenta una mediazione, proponendo di tenere le forze di polizia in caserma e invitando i sindacati a sospendere gli scioperi per “non lasciare libera una moltitudine di gente che può provocare incidenti”: la polizia continua a sparare ad altezza d’uomo. A Palermo la polizia carica con i gipponi senza preavviso, e quando i dimostranti rispondono a sassate, gli agenti estraggono i mitra e le pistole e uccidono Francesco Vella, di 42 anni, mastro muratore e organizzatore delle leghe edili, che stava soccorrendo un ragazzo di 16 anni colpito da un colpo di moschetto al petto, Giuseppe Malleo (che morirà nei giorni successivi) e Andrea Gangitano, giovane manovale disoccupato di 18 anni. Viene uccisa anche Rosa La Barbera di 53 anni, raggiunta in casa da una pallottola sparata all’impazzata mentre chiudeva le imposte. I feriti dai colpi di armi da fuoco sono 40.

A Catania la polizia spara in piazza Stesicoro. Salvatore Novembre di 19 anni, disoccupato, è massacrato a manganellate. Si accascia a terra sanguinante: “mentre egli perde i sensi, un poliziotto gli spara addosso ripetutamente, deliberatamente. Uno due tre colpi fino a massacrarlo, a renderlo irriconoscibile. Poi il poliziotto si mischia agli altri, continua la sua azione”. Il corpo martoriato e sanguinante di Salvatore viene trascinato da alcuni agenti fino al centro della piazza affinché sia da ammonimento. Essi impediscono a chiunque, mitra alla mano, di portare soccorso al giovane il quale, a mano a mano che il sangue si riversa sul selciato, lentamente muore. Le autorità imbastiranno successivamente una macabra montatura disponendo una perizia necroscopica al fine di “accertare, ove sia possibile, se il proiettile sia stato esploso dai manifestanti”. Altri 7 manifestanti rimangono feriti.

Il 9 luglio imponenti manifestazioni di protesta a Reggio Emilia (centomila manifestanti), Catania e Palermo rilanciano la protesta. Tambroni arriva a collegare le manifestazioni a un viaggio di Togliatti a Mosca, affermando che “questi incidenti sono frutto di un piano prestabilito dentro i palazzi del Cremlino”. Ma il governo è ormai nell’angolo: il 16 luglio la Confindustria firma con i sindacati l’accordo sulla parità salariale tra uomini e donne, il 18 viene pubblicato un documento sottoscritto da 61 intellettuali cattolici che intima ai dirigenti democristiani a non fare alleanza con i neofascisti. Il 19 luglio Tambroni si reca dal presidente Gronchi, il 22 viene conferito ad Amintore Fanfani l’incarico di formare un governo appoggiato da repubblicani e socialdemocratici.

Nel 1964 si svolge a Milano il processo a carico del vice-questore Cafari Panico e dell’agente Celani. Il 14 luglio la Corte d’Assise di Milano, presidente Curatolo, assolve i responsabili della strage: Giulio Cafari Panico, che aveva ordinato la carica, viene assolto con formula piena per non aver commesso il fatto; Orlando Celani, da più testimoni riconosciuto come l’agente che con freddezza prende la mira e uccide Afro Tondelli, viene assolto per insufficienza di prove.

Girolamo De Michele

Il sindacato della licenza di uccidere

fede

Ci sembra il caso di riportare unicamente il testo dell’Ansa, senza i commenti che ognuno di voi saprà fare con altrettanta indignazione.

Circa cinque minuti di applausi e delegati in piedi alla sessione pomeridiana del Congresso nazionale del Sap, il sindacato autonomo di Polizia, per tre dei quattro agenti condannati in via definitiva per la morte del 18enne Federico Aldrovandi durante un controllo il 25 settembre del 2005 a Ferrara: Paolo Forlani, Luca Pollastri e Enzo Pontani.

I tre agenti presenti al congresso del Sap, sono stati condannati dalla Corte di Cassazione il 21 giugno del 2012 per eccesso colposo in omicidio colposo a tre anni e sei mesi, tre anni dei quali coperti dall’indulto. Oltre ai tre poliziotti presenti al congresso riminese, nel caso Aldrovandi era coinvolta anche un’altra poliziotta, Monica Segatto. I quattro hanno trascorso alcuni mesi in carcere.

“Mi si rivolta lo stomaco. E’ terrificante”, reagisce Patrizia Moretti, madre di Federico. “Cosa significa? Che si sostiene chi uccide un ragazzo in strada? Chi ammazza i nostri figli? E’ estremamente pericoloso”.

Il capo della polizia Alessandro Pansa aveva da poco lasciato la sala dopo aver parlato delle “nuove regole d’ingaggio” in ordine pubblico che si rendono necessarie dopo gli abusi documentati in occasione degli incidenti dello scorso 12 aprile a Roma.

Auguri Mumia ai tuoi 60 anni rubati

mumia_60

Filadelfia, 24 aprile 1954 nasce  Wesley Cook, al liceo sceglie il nome in lingua swahili Mumia,sotto l’influenza di un insegnante d’origine kenyota a cui aggiunse Abu-Jamal alla nascita del suo primo figlio, Jamal. All’età di 14 anni, nel 1968, a Filadelfia, Mumia viene arrestato e malmenato per aver protestato contro un meeting del Partito Democratico e del candidato segregazionista alle elezioni presidenziali, George Wallace, ex governatore dell’Alabama.

Poco dopo, fu schedato dall’FBI per aver voluto ribattezzare il suo liceo col nome di Malcolm X. Nel 1969   incaricato dell’informazione nella sezione di Philadelphia del partito delle Pantere Nere. L’FBI lo considerava come una delle persone «da sorvegliare e internare in caso d’allerta nazionale». Fu uno dei bersagli del “Cointelpro” (programma d’infiltrazione e di controspionaggio) di cui sarebbero stati vittime Leonard Peltier e altri membri delle Pante Nere

Divenuto giornalista radio, premiato con numerosi riconoscimenti, Mumia era soprannominato «la voce dei senza-voce» per la sua critica della corruzione della polizia e dei dirigenti politici locali. Dopo il 1978 denunciò la violenta repressione che colpì la comunità MOVE e, nel 1981, seguì il processo contro il suo fondatore, John Africa, che fu infine prosciolto. Il sostegno di Mumia a MOVE esasperò i politici e la polizia di Filadelfia e gli valse il licenziamento da una delle stazioni radio dove lavorava. Per mantenere la sua famiglia, Mumia fu costretto a lavorare come tassista di notte.

Il 9 dicembre 1981, all’alba, Mumia Abu-Jamal fu gravemente ferito nel corso di una sparatoria nel quartiere sud della città, dove aveva appena portato un cliente. Arrestato, fu accusato dell’omicidio di un poliziotto, Daniel Faulkner, ucciso in quella sparatoria. Malgrado i suoi dinieghi e l’assenza di suoi precedenti giudiziari, un’inchiesta molto discussa (a livello delle perizie balistiche, dei rilievi di impronte, delle prove non effettuate etc.) portò all’imputazione di Mumia e alla sua comparizione davanti al tribunale di giustizia della Pennsylvania.

Nel luglio 1982 viene condannato alla pena di morte nonostante, secondo la difesa, diverse contraddizioni nelle prove a suo carico e violazioni dei suoi diritti. Nel giugno 1999 un vecchio sicario, Arnold Beverly, confessò a uno degli avvocati di Mumia di aver ucciso il poliziotto Faulkner, in un quadro di collusioni tra polizia e mafia. Questa confessione non è stata tuttavia tenuta in considerazione.

Intorno al processo e alla condanna di Mumia si è creata una mobilitazione internazionale e Mumia è diventato un simbolo della lotta contro la pena di morte. L’8 ottobre del 2003 sono stati respinti gli ultimi ricorsi, rimandando la questione a livello federale, dove la sua pena avrebbe potuto essere commutata in ergastolo.

Il gruppo musicale Rage Against the Machine si è battuto molto per la sua liberazione, in particolare con le canzoni Freedom e Voice of the voiceless; anche il rapper di New York KRS-One gli ha dedicato la canzone “Free Mumia”. Nell’ottobre 2003 è stato nominato cittadino onorario della città di Parigi dal sindaco Bertrand Delanoë. Nel 2005 la città di Saint-Denis ha deciso di intitolargli una via.

Nel 2007 Colin Firth, come produttore, ha presentato al Festival internazionale del Cinema di Roma, un film-denuncia dal titolo “In prigione la mia intera vita” sulla pena di morte di Mumia Abu-Jamal. Il 27 marzo 2008 è stata infine annullata la sua condanna a morte  e la pena è stata commutata in ergastolo. Il 10 aprile 2012 ha rilasciato la prima intervista dalla prigione dopo 17 anni di isolamento al network televisivo Russia Today

Testo tratto volutamente da wikipedia  per raccontare in sintesi 34 anni di carcere espiati da una persona per le sue idee politiche, la storia degli Stat Uniti è zeppa di queste palesi violazioni di diritti umani, ricordiamo Rubin Carter morto alcuni giorni fa’incastrato e condannato per un omicidio a cui era completamente estraneo, Nicola Sacco e Bartolomeo Vanzetti condannati a morte con lo stesso sistema di montatura giudiziaria e tutti gli altri innocenti condannati.

Cogliamo l’occasione per ricordare tutti i prigionieri politici rinchiusi da decenni nelle galere di Stato, i sepolti vivi come Cesare Di Lenardo o Paolo Maurizio Ferrari che dopo aver scontato 30 anni (1974-2004)  senza alcun beneficio,permesso,(ricordando che non ha commesso delitti di sangue), esce nel 2004 e si trova un altro mondo, nel 2012  visto che aveva ripreso una vita sociale  viene riarrestato per aver manifestato contro la TAV in Valle susa.

Solidarietà a tutti gli arrestati nell’operazione tramonto del 12 febbraio 2007 con l’accusa di voler costituire il Partito Comunista politico-militare, un reato d’opinione,  non avevano altro che le loro idee e forse una pistola arrugginita e qualche pubblicazione del bollettino clandestino Aurora, diventeranno le nuove Brigate Rosse pronte a colpire, tanto che Ichino da molto prima sotto scorta,dice il PM Bocassini era nel mirino… Chi dibatte seriamente e mette in discussione l’ordine costituito è una mente a cui si deve impedire di pensare e far pensare come successe con tutti i veri comunisti italiani a partire da Gramsci

Il prof. De Tormentis e la pratica della tortura in Italia

diritto-penale-cont

 

La rivista Diritto penale contemporaneo dedica un’articolo di commento alla sentenza della corte d’appello di Perugia che il 15 ottobre scorso ha riconosciuto, durante il giudizio di revisione della condanna per calunnia inflitta a Enrico Triaca per aver denunciato le torture subite dopo l’arresto nel maggio 1978, l’esistenza sul finire degli anni 70 e i primissimi anni 80 di un apparato statale della tortura messo in piedi per combattere le formazioni politiche rivoluzionarie che praticavano la lotta armata.
«Più che alla ricerca di verità giudiziarie – si spiega nel testo – questa sentenza deve piuttosto condurre ad essere meno perentori nel sostenere la tesi, così diffusa nel dibattito pubblico e storiografico, secondo cui il nostro ordinamento, a differenza di altri, ha sconfitto il terrorismo con le armi della democrazia e del diritto, senza rinunciare al rispetto dei diritti fondamentali degli imputati e dei detenuti. In larga misura ciò è vero, ma è anche vero – e questa sentenza ce lo ricorda quasi brutalmente – che anche nel nostro Paese si è fatto non sporadicamente ricorso a strumenti indegni di un sistema democratico: è bene ricordarlo, per evitare giudizi troppo facilmente compiaciuti su un periodo così drammatico della nostra storia recente, e sentenze come quella di Perugia ci aiutano a non perdere la memoria».

di Paolo Persichetti
www.penalecontemporaneo.it 4 Aprile 2014

Corte d’appello di Perugia, 15 ottobre 2013, Pres. Est. Ricciarelli [Luca Masera]

1.In un recente articolo di Andrea Pugiotto dedicato al tema della mancanza nel nostro ordinamento del reato di tortura (Repressione penale della tortura e Costituzione: anatomia di un reato che non c’è, in questa Rivista, 27 febbraio 2014), l’autore prende in esame gli argomenti utilizzati più di frequente da chi intenda negare rilevanza al problema, e nel paragrafo dedicato all’argomento per cui la questione “non ci riguarda”, elenca una serie di casi di tortura accertati in sede giudiziaria.

La sentenza della Corte d’appello di Perugia qui disponibile in allegato aggiunge a questo terribile elenco un nuovo episodio, riconducibile peraltro al medesimo pubblico ufficiale già autore di un fatto di tortura citato nel lavoro di Pugiotto.

2. In sintesi la vicenda oggetto della decisione.

Nel maggio 1978 Enrico Triaca viene arrestato nell’ambito delle indagini per il sequestro e l’uccisione dell’on Moro, in quanto sospettato di essere un fiancheggiatore delle Brigate Rosse. Nel corso di un interrogatorio di polizia svoltosi il 17 maggio, il Triaca riferisce di aver aiutato un membro dell’organizzazione a trovare la sede per una tipografia clandestina, e di avere ricevuto dalla medesima persona la pistola, che era stata rinvenuta in sede di perquisizione; il giorno successivo, sempre interrogato dalla polizia, indica altresì il nominativo di alcuni appartenenti all’organizzazione.

Le dichiarazioni rese all’autorità di polizia vengono poi confermate al Giudice istruttore durante un interrogatorio svoltosi alla presenza del difensore. Il 19 giugno, nel corso di un nuovo interrogatorio, il Triaca ritratta quanto affermato in precedenza, affermando “di essere stato torturato e precisando che verso le 23.30 del 17 maggio era stato fatto salire su un furgone in cui si trovavano due uomini con casco e giubbotto, era stato bendato e fatto scendere dopo avere percorso sul furgone un certo tratto, infine era stato denudato e legato su un tavolo: a questo punto mentre qualcuno gli tappava il naso qualcun altro gli aveva versato in bocca acqua in cui era stata gettata una polverina dal sapore indecifrabile; contestualmente era stato incitato a parlare”. In seguito a queste dichiarazioni, il Triaca viene rinviato a giudizio per il delitto di calunnia presso il Tribunale di Roma, che perviene alla condanna senza dare seguito ad alcuno degli approfondimenti istruttori indicati dalla difesa; la sentenza viene poi confermata in sede di appello e di legittimità.

La Corte d’appello di Perugia viene investita della vicenda in seguito all’istanza di revisione depositata dal Triaca nel dicembre 2012. La Corte afferma in primo luogo che “il giudizio di colpevolezza si fondò su argomenti logici, in assenza di qualsivoglia preciso elemento probatorio tale da far apparire impossibile che l’episodio si fosse realmente verificato. Tale premessa è necessaria per comprendere il significato del presente giudizio di revisione, volto ad introdurre per contro testimonianze, aventi la funzione di accreditare specificamente l’episodio della sottoposizione del Triaca allo speciale trattamento denominato waterboarding”. Nel giudizio di revisione vengono dunque assunte le testimonianze di un ex Commissario di Polizia (Salvatore Genova) e di due giornalisti (Matteo Indice e Nicola Rao) che avevano svolto inchieste su alcuni episodi di violenze su detenuti avvenute dalla fine degli anni Settanta ai primi anni Ottanta (la vicenda più nota è quella relativa alle violenze commesse nell’ambito dell’indagine sul sequestro del generale Dozier nel gennaio 1982: è l’episodio cui viene fatto cenno nel lavoro del prof. Pugiotto, citato sopra) ad opera di un gruppo di poliziotti noto tra le forze dell’ordine come “i cinque dell’Ave Maria”, agli ordini del dirigente dell’Ucigos Nicola Ciocia, soprannominato “prof. De Tormentis”. Il Genova (che aveva personalmente assistito agli episodi relativi al caso Dozier) aveva organizzato, in due distinte occasioni, un incontro tra i suddetti giornalisti ed il Ciocia, il quale ad entrambi aveva riferito delle violenze commesse dal gruppo da lui diretto sul Triaca, che era stato il primo indagato per reati di terrorismo ad essere sottoposto alla pratica del waterboarding, in precedenza “sperimentata” su criminali comuni. Sulla base di queste convergenti testimonianze, e ritenendo che “la mancata escussione della fonte diretta non comporta inutilizzabilità di quella indiretta, peraltro costituente fonte diretta del fatto di per sé rilevante della personale rilevazione da parte del Ciocia”, la Corte conclude che “la pluralità delle fonti consente di ritenere provato che un soggetto, rispondente al nome di Nicola Ciocia, confermò di avere, quale funzionario dell’Ucigos al tempo del terrorismo, utilizzato più volte la pratica del waterboarding (…) la stessa pluralità delle fonti, sia pur – sotto tale profilo – indirette, consente inoltre di ritenere suffragato l’assunto fondamentale che a tale pratica fu sottoposto anche Enrico Triaca”. La sentenza di condanna per calunnia a carico del Triaca viene quindi revocata, e viene disposta la trasmissione degli atti alla Procura di Roma per quanto di eventuale competenza a carico del Ciocia (la Corte ovviamente è consapevole del lunghissimo tempo trascorso dei fatti, ma reputa che “la prescrizione va comunque dichiarata e ad essa il Ciocia potrebbe anche rinunciare”).

3. La sentenza in allegato rappresenta solo l’ultima conferma di quanto la tortura sia stata una pratica tutt’altro che sconosciuta alle nostre forze di polizia durante il periodo del terrorismo. La squadra di agenti comandata dal Ciocia ed “esperta” in waterboarding non agiva nell’ombra o all’insaputa dei superiori: a quanto riferito dal Genova, della cui attendibilità la Corte non mostra di aver motivo di dubitare, i metodi dei “cinque dell’Ave Maria” erano ben noti a quanti, nelle forze dell’ordine, si occupavano di terrorismo, ed addirittura la sentenza riferisce come, in un’intervista rilasciata dallo stesso Ciocia, egli riferisca che l’epiteto di “prof. De Tormentis” gli fosse stato attribuito dal vice Questore dell’epoca, Umberto Improta. Quando poi una delle vittime, come il Triaca, trovava il coraggio per denunciare quanto subito, le conseguenze sono quelle riportate nella sentenza allegata: condanna per calunnia, senza che Il Tribunale svolga alcuna indagine per accertare la falsità di quanto riferito.

Il quadro che emerge dalla sentenza è insomma a tinte assai fosche. Negli anni Settanta-Ottanta, operava in Italia un gruppo di funzionari di polizia dedito a pratiche di tortura; e l’esistenza di questo gruppo era ben nota e tollerata all’interno delle forze dell’ordine, anche ai livelli più alti. La magistratura in alcuni casi ha saputo reagire a queste intollerabili forme di illegalità (esemplare è il processo, anch’esso citato nel lavoro di Pugiotto, celebrato presso il Tribunale di Padova nel 1983 in relazione proprio ai fatti relativi al caso Dozier), in altre occasioni, come quella oggetto della sentenza qui in esame, ha preferito voltarsi dall’altra parte, colpevolizzando le vittime della violenza per il fatto di avere voluto chiedere giustizia .

La sentenza non riferisce fatti nuovi: le fonti su cui si basa la decisione sono le testimonianze di due giornalisti, che avevano pubblicato in libri ed articoli le vicende e le confessioni poste a fondamento della revisione. Fa comunque impressione vedere scritto in un provvedimento giudiziario, e non in un reportage giornalistico, che nelle nostre Questure si praticava la tortura; e fa ancora più impressione se si pensa che la metodica utilizzata, il famigerato waterboarding, è la medesima che in anni più recenti è stata utilizzata dai servizi segreti americani per “interrogare” i sospetti terroristi di matrice islamista: passano gli anni, ma la tortura e le sue tecniche non passano di moda.

Ormai sono trascorsi decenni dalle condotte del prof. De Tormentis e della sua squadra, ed al di là del dato formale – posto in luce dalla Corte perugina – che la prescrizione è rinunciabile, davvero non ci pare abbia molto senso immaginare la riapertura di inchieste penali volte a concludersi invariabilmente con una dichiarazione di estinzione del reato, per prescrizione o per morte del reo, considerato il lunghissimo tempo trascorso dai fatti. Più che alla ricerca di verità giudiziarie, la sentenza qui allegata deve piuttosto condurre ad essere meno perentori nel sostenere la tesi, così diffusa nel dibattito pubblico e storiografico, secondo cui il nostro ordinamento, a differenza di altri, ha sconfitto il terrorismo con le armi della democrazia e del diritto, senza rinunciare al rispetto dei diritti fondamentali degli imputati e dei detenuti. In larga misura ciò è vero, ma è anche vero – e questa sentenza ce lo ricorda quasi brutalmente – che anche nel nostro Paese si è fatto non sporadicamente ricorso a strumenti indegni di un sistema democratico: è bene ricordarlo, per evitare giudizi troppo facilmente compiaciuti su un periodo così drammatico della nostra storia recente, e sentenze come quella di Perugia ci aiutano a non perdere la memoria.

 

24 marzo 1944 : Fosse Ardeatine non dimenticare

viarasella

24 marzo 1944 – Il maSSacro nazifascista delle Fosse Ardeatine (R.I.P.) OMAGGIO:

“Ci sono storie che sembrano inventate. Come questa. Il 24 marzo 1944, il giorno dopo l’attacco contro l’11a compagnia del III battaglione dell’SS Polizei Regiment Bozen in via Rasella a Roma, dove restano uccisi 31 militari tedeschi e 2 civili (altri 10 soldati moriranno nei giorni successivi), per ordine di Adolf Hitler viene decisa una rappresaglia di 10 italiani per ogni tedesco ucciso.

Ci sono storie che sembrano incubi. Come questa storia di belve con sembianza umana, che parlano tedesco e dicono: “Punizioni esemplari”. La Convenzione di Ginevra del 1929 fa esplicito divieto per gli atti di rappresaglia nei confronti dei prigionieri di guerra. Ma al comando tedesco non importa. Ci si aggrappa ai codici di diritto bellico nazionali che consentirebbero la rappresaglia. Ma si violano anche quelli: non si aspettano le 24 ore di rito perché i responsabili si consegnino, non si indaga su eventuali responsabilità, non si risparmiano civili innocenti, non si fanno avvisi alla popolazione. Ci vuole una punizione esemplare, una rappresaglia.

Ci sono incubi che sono storia. Una punizione esemplare, una parola che mette i brividi, una regressione per la bestia umana che anima il nazismo già agonizzante. Hitler vorrebbe far saltare in aria un intero quartiere di Roma con tutti quelli che lo abitano, e per ogni poliziotto tedesco ucciso vorrebbe far fucilare da 30 a 40 italiani. Himmler dà ordine di cominciare ad organizzare la deportazione di tutta la popolazione maschile dei quartieri più pericolosi, famiglie comprese rastrellando le persone dai 18 ai 45 anni e solo motivi logisitici. Alla fine la decisione: 10 italiani per ogni soldato. Se sono partigiani prigionieri bene, sennò pazienza. Ebrei, comunisti, detenuti comuni, gente rastrellata per caso, testimoni scomodi. L’importante è che la belva umana sia sazia.

Ci sono incubi che durano da 66 anni. Herbert Kappler, ufficiale delle SS e comandante della polizia tedesca a Roma, già responsabile del rastrellamento del Ghetto di Roma e delle torture contro i partigiani nel carcere di via Tasso, comanda le operazioni, coadiuvato dal capitano Priebke. Un plotone di soldati tedeschi blocca l’accesso alla cava di arenaria, 4 camion portano 335 persone all’incrocio di via Fosse Ardeatine e via delle sette chiese. Arrivano 5 auto piene di SS armati di tutto punto. Scendono lentamente, molti di loro sono stati torturati. Le SS li spingono dentro la cava, cominciano le esecuzioni. I soldati lanciano bombe a mano nella cava, e si infierisce senza pietà anche sui corpi senza vita. Poi due serie di mine servono a nascondere o almeno a rendere più difficoltosa la scoperta di quest’eccidio. Anche le belva provano vergogna.

Ci sono storie che fanno orrore. Finita l’esecuzione, i tedeschi affiggono pure nelle vie di Roma un manifesto in cui il comando tedesco promette che se vengono consegnati gli attentatori non ci sarà nessuna rappresaglia. Per coprire le loro colpe. Ma anche la terra ha orrore, si ribella: i corpi senza vita emanano un odore così forte che i tedeschi sono costretti a tornare, il 25 marzo, per far saltare ancora la cava. E la voce si sparge sulle strade di Roma. In molti sanno cosa c’è lì sotto, alle Fosse Ardeatine. In molti fingeranno di non saperlo.

Ci sono storie che sembrano un sogno, un incubo, un orrore che non riesce a spegnersi dopo 66 anni. Ma è storia, sono accadute, proprio qui davanti ai noi. Ci sono 335 persone innocenti massacrate per vendetta, in mezzo all’assurda guerra dove milioni di uomini finirono in un camino solo perché ebrei. Storie di cui si è persa la memoria, che si preferisce non raccontare, perché ormai è passato. Storie di un passato che bisogna lasciarsi alle spalle.

E’ vero che tanto tempo è passato. E’ vero che altri incubi disumani compiuti da tanti compongono quest’assurda storia dell’uomo che si fa belva, parlando tedesco, italiano, russo, turco, inglese, serbo, arabo, israeliano e chissà quale altra lingua di questo mondo. Sarà. Ma anche per questo io resto qui, davanti a questa strada, e mi sembra di vederli tutti lì, i martiri delle Fosse Ardeatine. Antonio, Umberto, Aldo, Ilario, Cesare, Ugo, Giacomo, Enrico, Carlo e tanti altri. Muti davanti a noi. Il vento continua a soffiare su questa storia.

Per non dimenticare”

FOTO DEL POST :
il soldato con il mitra MAB 38, (dopo il tedesco con il fucile e baionetta) è un italiano, come anche un italiano è il graduato fascista con basco nero che si vede subito dopo

1) ————–> 23 marzo 1944 – VIA RASELLA !

ECCO IL MIGLIORE SITO SUL “COMBATTIMENTO DI VIA RASELLA DEL 23 MARZO 1944” :
http://www.anpibagnoaripoli.it/doc/testi/NoteDomeniciSuViaRasella.pdf
(pigiare sul + in alto nel centro per ingrandire l’immagine)

2) ————–> 23 marzo 1944 – AZIONE PARTIGIANA A VIA RASELLA:
https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10153939851835008&set=a.10151462579745008.831637.268616425007&type=1&theater

 

Fonte : Italia Libera Civile E Laica = Italia Antifascista

L’ultimo viaggio di Ilaria e Miran

ilaria

Un anno d’inchiesta “vecchio stile”, cercando conferme, incrociando fonti, analizzando migliaia di documenti. Un archivio di Gladio che si apre, con nuove esplosive piste su alcuni misteri d’Italia, ad iniziare dall’omicidio Alpi-Hrovatin. Il Fatto quotidiano ricostruisce oggi in esclusiva la presenza a Bosaso, in Somalia, di alcuni reparti “informali” della nostra intelligence il 14 marzo del 1994, quando Ilaria Alpi e Miran Hrovatin stavano preparando l’ultima loro inchiesta. Un messaggio inedito partito dal comando carabinieri presso il Sios della Marina militare di La Spezia definiva i due giornalisti “presenze anomale”, ordinando un “possibile intervento”. I giornalisti Andrea Palladino e Luciano Scalettari hanno scoperto nuovi scenari sull’agguato costato la vita a Ilaria e Miran.

L’ultimo viaggio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin in Somalia e quell’ombra di Gladio

Parole in codice, presenze anomale e ‘possibili interventi’: in alcuni messaggi inediti partiti dal comando carabinieri presso il Sios della Marina militare di La Spezia, nuovi scenari sull’agguato costato la vita alla reporter del Tg3 e al suo operatore, uccisi a Mogadiscio, in Somalia, il 20 marzo 1994

Un anno d’inchiesta “vecchio stile”, cercando conferme, incrociando fonti, analizzando migliaia di documenti. Un archivio di Gladio che si apre, con nuove esplosive piste su alcuni misteri d’Italia, ad iniziare dall’omicidio Alpi-Hrovatin. Il Fatto quotidiano ricostruisce oggi in esclusiva la presenza a Bosaso, in Somalia, di alcuni reparti “informali” della nostra intelligence il 14 marzo del 1994, quando Ilaria Alpi e Miran Hrovatin stavano preparando l’ultima loro inchiesta. Un messaggio inedito partito dal comando carabinieri presso il Sios della Marina militare di La Spezia definiva i due giornalisti “presenze anomale”, ordinando un “possibile intervento”.

Ilaria Alpi, l’ombra di Gladio


Sono le tre del pomeriggio a Bosaso, porto strategico del nord della Somalia. E’ un martedì di un mese di marzo che rimarrà scolpito nella storia italiana. E’ il 1994, anno indimenticabile. Il nostro esercito a Mogadiscio stava preparando la smobilitazione, lasciando al proprio destino il Paese che aveva dominato per anni. Prima come colonia, poi come protettorato, quindi come zona di influenza silenziosa, infine con l’Operazione Ibis, inserita nel più ampio intervento Onu “Restore Hope“, riportare la speranza. Mancavano pochi giorni alla fine di una guerra mascherata dall’etichetta dell’intervento umanitario, che per due anni ha accompagnato il periodo più oscuro del nostro Paese, stretto tra le stragi e le trattative sotterranee con il potere mafioso, con l’apparato politico ed economico messo sotto scacco dalle inchieste e dagli arresti. Solo quattro mesi prima di quel marzo del 1994 il presidente della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro aveva parlato di “un gioco al massacro”. Stragi, massacri, esecuzioni. Parole che hanno segnato gli anni oscuri della Repubblica, in un momento dove riappare l’ombra delle strutture riservate dei servizi, derivate – secondo alcuni documenti inediti – direttamente da Gladio.

Alle tre del pomeriggio del 15 marzo Ilaria Miran erano seduti in un albergo non distante dal porto, registrando una delle ultime interviste della loro vita, al Sultano di Bosaso. “Perché questo è un caso particolare”, aveva annotato la giovane reporter del Tg3 su uno dei pochi block notesarrivati in Italia dopo la sua morte a Mogadiscio. Nei pochi minuti rimasti di quella intervista Ilaria parla di navi, chiede di un battello rapito, incalza il sultano cercando di capire i legami tra i traffici somali e l’Italia. Che stava accadendo in quel luogo, sperduto ma strategico? E’ la domanda chiave che potrebbe spiegare l’agguato mortale del 20 marzo 1994, quando i due giornalisti furono uccisi nelle strade di Mogadiscio.

Diciotto anni dopo, forse il muro impenetrabile che ha impedito di capire cosa rappresentava la Somalia per l’Italia nel 1994 inizia a mostrare qualche piccola breccia. Un documento ineditoracconta una storia parallela, una trama che potrebbe incrociarsi con quel viaggio a Bosaso di Ilaria e Miran. E’ un messaggio dattiloscritto su un modulo militare, partito il 14 marzo del 1994 dal comando carabinieri del Sios di La Spezia, il servizio segreto della Marina militare sciolto nel 1997 e confluito prima nel Sismi e poi nell’Aise. Una comunicazione diretta a un maggiore in servizio a Balad, sei giorni prima dell’ammaina bandiera e dell’evacuazione delle nostre truppe: “Causa presenze  anomale in zona Bos/Lasko (Bosaso Las Korey, nda) ordinasi Jupiter rientro immediato base I Mog”. Presenze anomale, a Bosaso. Quel 14 marzo Ilaria AlpiMiran Hrovatin erano appena arrivati nella città al Nord della Somalia, zona dove i due giornalisti non potevano passare inosservati. E’ di loro che si sta parlando? Con ogni probabilità sì, è difficile formulare altre ipotesi.“Ordinasi spostamento tattico Condor zona operativa Bravo possibile intervento”, prosegue il messaggio. Che stava accadendo in quella città il giorno dell’arrivo di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin? Chi è Jupiter? E chi è Condor? E poi, perché l’intelligence italiana ha sempre assicurato di non avere nulla a che fare con la città di Bosaso?

jupiter

DOCUMENTO: GLI ORDINI DEI SERVIZI A “JUPITER”

Il generale Carmine Fiore è stato l’ultimo alto ufficiale a guidare l’operazione Ibis in Somalia. Era lui al comando in quei giorni, quando i nostri reparti si preparavano a ritornare in Italia. Osserva a lungo il documento partito dal Sios. Legge e rilegge quegli ordini, intuendo chi potesse essere quel maggiore che riceve il messaggio, il cui nome è parzialmente coperto da un omissis. “Non ho mai visto questo ordine, nessuno me ne ha mai parlato”, spiega. E aggiunge: “Se questo documento è vero vuol dire che esisteva una struttura occulta, non nota al comando del contingente”. Un gruppo particolare, in grado di svolgere operazioni coperte.

I tanti militari e agenti del Sismi interpellati per capire meglio il senso del messaggio partito da La Spezia non hanno contestato l’autenticità. Qualcuno – chiedendo l’anonimato – si è chiuso dietro l’obbligo del segreto al solo sentir parlare di Somalia. Per tutti appariva chiaro un dato di contesto: quel linguaggio, quel tipo di comunicazione e le strutture coinvolte hanno un marchio di fabbrica ben noto, Gladio, o meglio SB, cioè Stay Behind, come ufficialmente veniva chiamata. Un’organizzazione che nel 1994 in teoria non esisteva più, ma che per un ex agente della Struttura SB (che chiede l’anonimato per ragioni di incolumità personale) ha continuato a operare, cambiando semplicemente nome.

Una storia che non sorprende Felice Casson, oggi senatore del Pd, che da magistrato ha condotto due importanti indagini sul traffico internazionale di armi e su Gladio: “Ricordo che a cavallo di quelle due inchieste mi venne a trovare Ilaria Alpi, voleva più informazioni – racconta – le avevo promesso che ci saremmo rivisti. Avevo conservato il suo biglietto”. Per l’ex magistrato il messaggio sulle “presenze anomale” è sicuramente un documento importante: “Non posso affermare o escludere l’autenticità, servirebbe una perizia, ma posso dire che è compatibile con la struttura Gladio”.

La Somalia di Jupiter
C’è un riscontro immediato e importante del messaggio partito dal comando carabinieri del Sios di La Spezia. Jupiter è l’alias di un italiano, un civile, Giuseppe Cammisa. Era il braccio destro diFrancesco Cardella, il guru della comunità Saman, morto lo scorso 7 agosto a Managua, dove si era rifugiato da diversi anni per sfuggire alla giustizia italiana. Cammisa era sicuramente in quella zona, come dimostrano alcuni documenti ritrovati nell’archivio milanese di Saman. C’è una fotocopia del suo passaporto, con il visto per Gibuti; c’è la prenotazione del viaggio aereo, con partenza da Milano il 5 marzo 1994; e c’è un documento molto importante, la lettera di accreditamento per il viaggio fino a Bosaso con un aereo Unosom, il comando Onu della missione Ibis/Restore Hope. Un volo fondamentale per la ricostruzione degli ultimi giorni del viaggio dei due reporter della Rai: quell’aereo, partito da Gibuti il 16 marzo, è lo stesso che avrebbe dovuto riportare a Mogadiscio Ilaria e Miran. I due giornalisti persero quell’opportunità, forse perché secondo fonti della nostra stessa intelligence presente in Somalia, minacciati e trattenuti per il tempo sufficiente a far perdere loro il volo. Un altro dato sicuro è il soprannome di Cammisa, il nomignolo che ancora oggi usa: Jupiter, Giove.

Anche il servizio interno, il Sisde, si era occupato della strana missione di Jupiter nella zona di Bosaso. Un appunto datato 12 marzo 1994, diretto alla “segreteria speciale” del ministero dell’Interno, descrive nei dettagli quanto stava avvenendo nei giorni che precedono l’arrivo di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin: “Come da espressa richiesta, si conferma nelle aree adiacenti il villaggio somalo di Las Quorey, un vasto perimetro recintato già in uso per la lavorazione di prodotti ittici e derivati e adoperato in precedenza dalla Stasi/DDR (il servizio segreto dell’allora Germania orientale, ndr) per operazioni militari non convenzionali nel territorio somalo. In detta area peraltro riutilizzata tutt’oggi da personale italiano è stata notata senza dubbio alcuno nei giorni scorsi la presenza di detto ‘Jupiter’ appartenente alla ben nota struttura della Gladio trapanese”. Jupiter, dunque, era noto come membro di Gladio anche per il Sisde, che – andando oltre i compiti istituzionali – monitorava quanto stava avvenendo in quei giorni attorno alla città di Bosaso.

IL DOCUMENTO DEL SISDE DEL 12 MARZO 1994

slide-1-728

Secondo la versione ufficiale di Saman, quella missione di Cammisa e del medico somalo Omar Herzi (che in quel periodo collaboarava all’organizzazione di Cardella) serviva a creare un ospedale a Las Korey (nome di un villaggio a cento chilometri da Bosaso, richiamato nel messaggio del 14 marzo). Così lo ricorda Francesco Cardella, intervistato via email pochi giorni prima della sua morte a Managua: “L’idea di base – discussa con il giornalista e profondo conoscitore della Somalia  (nonché caro amico mio) Pietro Petrucci – era di produrre una missione umanitaria nella zona dell’ex Somalia britannica. Con questo scopo andammo a Las Korey io, lo stesso Petrucci e il dottor Hersi”. Un primo viaggio realizzato alla fine del 1993. Prosegue il racconto: “Mandai Cammisa e Hersi prima a Dubai – dove avrebbero acquistato un fuoristrada ed altre attrezzature necessarie ad un primo intervento e dove avrebbero ricevuto medicinali inviati da Milano – e da lì – via Gibuti – nella zona di Las Korey”. Dunque la presenza di Cammisa, alias Jupiter, a Bosaso quella settimana prima dell’agguato di Mogadiscio è confermata da più fonti.

C’è di più. Uno degli attuali dirigenti di Saman, Gianni Di Malta, ricorda con precisione un episodio molto importante: “Quando Cammisa tornò dalla Somalia mi raccontò di aver incontrato Ilaria Alpi, in un albergo di Bosaso”. Parole che oggi Jupiter smentisce, assicurando di non aver mai incontrato la giornalista rimasta uccisa a Mogadiscio diciotto anni fa. Per poi aggiungere: “E poi, non so neanche cosa sia questa Gladio”.

Giuseppe Cammisa è uno dei pochi che oggi potrebbe spiegare quello che stava avvenendo a Bosaso in quei giorni, visto che quasi tutti i protagonisti di quella missione di Saman sono morti. Tutti meno uno, l’ex giornalista Pietro Petrucci, esperto fin dagli anni ’80 di questioni somale, che, secondo Francesco Cardella, fu uno degli ideatori del presunto progetto sanitario di Saman. Oggi vive in Francia, dopo aver lavorato per anni come esperto della commissione europea. Di quella vicenda, però, non vuole parlare. Ha evitato di citare il progetto Saman anche davanti a due commissioni parlamentari d’inchiesta, quella sulla cooperazione della fine degli anni ’90 e quella diretta da Carlo Taormina sulla morte di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin. Per ben due volte confermò la sua presenza a Bosaso alla fine del 1993, senza però raccontare nulla, neanche un cenno, del progetto Saman. Nulla disse, poi, del viaggio di Cammisa/Jupiter e di Herzi – suo amico – nel marzo del 1994.

Lo stesso Sismi – in una nota del 10 novembre 1997, firmata dall’allora direttore del servizioGianfranco Battelli – non credeva alla versione ufficiale della missione umanitaria di Saman: “Nulla, invece, è noto circa il suo impegno nella costruzione di un ospedale o di altra struttura a Bosaso”. Un progetto sanitario avviato mentre era in corso un intervento massiccio del nostro esercito, sconosciuto alla nostra intelligence: qualcosa decisamente non torna. Una cosa è in ogni caso sicura: troppi omissis impediscono ancora oggi di ricostruire la verità sull’agguato del 20 marzo 1994, quando un commando uccise Ilaria e Miran, appena tornati da Bosaso.

Quello strano centro Scorpione a Trapani


C’è un secondo messaggio del Sios di La Spezia che cita Jupiter. E’ datato marzo 1989, diretto questa volta ad una struttura di Gladio, il Cas Scorpione di Trapani. Annuncia la visita di un onorevole – il nome non è chiaramente leggibile sulla copia consultata – e chiede la disponibilità di Jupiter e di Vicari, ovvero il nome in codice di Vincenzo Li Causi, l’agente del Sismi che all’epoca dirigeva il centro Scorpione. E’ un passaggio importante, visto che quella base di Gladio utilizzava il campo volo di Trapani Milo, pista dismessa distante appena quattro chilometri dalla comunitàSaman, dove Cammisa lavorava come uomo di fiducia di Francesco Cardella; la stessa pista dove di nascosto il giornalista e sociologo Mauro Rostagno, nell’estate del 1988 (una paio di mesi prima di essere assassinato), aveva filmato il caricamento di casse di armi dirette in Somalia su un aereo militare.

Vincenzo Li Causi non era un agente qualsiasi. Maresciallo dell’esercito, era stato addestrato per anni per compiere missioni difficili e riservate, dalla liberazione di Dozier fino a operazioni sotto copertura in Perù. Secondo alcuni fonti aveva conosciuto Ilaria Alpi durante un corso di lingua araba in una scuola di Tunisi. Un nome che riporta di nuovo alla Somalia, terra dove Li Causi verrà ucciso il 12 novembre 1993, quattro mesi prima dell’agguato di Mogadiscio, durante una missione a Balad. Ancora oggi su quella morte rimangono molti dubbi non risolti: un unico colpo lo raggiunse sotto il giubbotto antiproiettile, mentre rientrava verso la base degli incursori. Secondo l’ex appartenente a Stay Behind, Vincenzo Li Causi sarebbe stata la fonte di Ilaria Alpi, che ben sapeva cosa stava avvenendo a Bosaso.

Sul centro Scorpione si sono concentrate diverse inchieste, senza mai definire con chiarezza quale fosse il vero scopo di una base di Gladio in Sicilia. Secondo le deposizioni raccolte dai magistrati l’unico rapporto che sarebbe stato prodotto dagli agenti di Stay Behind tra il 1987 e il 1990 (periodo di funzionamento del gruppo di Trapani) avrebbe riguardato proprio la Saman. Era proprio così? Alcuni documenti provenienti dall’archivio Gladio parlano di operazioni legate al traffico di armi e di esercitazioni con esplosivo e mute di sommozzatori nel giugno del 1989. Ovvero nei giorni del fallito attentato dell’Addaura, che tanto inquietò Giovanni Falcone. Forse solo suggestioni, forse coincidenze, peraltro rimaste racchiuse nei cassetti dei servizi segreti italiani, negando alla magistratura la possibilità di analizzare tutte le piste possibili.

L’omicidio di Ilaria Alpi Miran Hrovatin potrebbe dunque nascondere qualcosa che va al di là di ogni ipotesi immaginata fino ad oggi, traffici che hanno visto il coinvolgimento di apparati dello Stato, coperti per diciotto anni, grazie a silenzi e depistaggi.

 

#Via la divisa

fedeandro

Manifestazione Nazionale
Ferrara, 15 febbraio 2014
“Fin da bambino e da adolescente la violenza fisica mi ha sempre turbato; addirittura con una scena forte ma di finzione nei film alla tv, capitava che cambiassi canale. Provavo un senso di fastidio sapendo che erano cose che potevano succedere davvero. Non riuscivo a concepire il perché una persona arrivasse ad usare le sue mani, i suoi piedi, la sua ferocia per fare del male a un’altro essere vivente. Mi dicevo: “che senso ha?” Oggi io penso che chi usa la forza in maniera consapevole e provocando dolore senza pentirsene è una persona deviata e non si merita comprensione da nessuno. Mio fratello è morto a pugni, calci e manganellate per mano di 4 violenti in divisa non pentiti. Tali responsabili riprendono il loro lavoro dopo una condanna di omicidio. La domanda è sempre la stessa: che senso ha?”
Questo scriveva Stefano Aldrovandi qualche giorno fa.
Con questo spirito torniamo in piazza.
– per chiedere la destituzione dei 4 poliziotti condannati (per omicidio colposo) per la morte di Federico Aldrovandi;
– per chiedere l’introduzione del numero identificativo – per gli appartenenti delle forze dell’ordne;
– per chiedere l’introduzione del reato di tortura.
CORTEO
Ferrara, 15 febbraio 2014
ore 14 – concentramento via ippodromo
ore 15 – partenza
Percorso: via ippodromo-via bologna-via kennedy-piazza travaglio-porta reno-corso martiri-largo castello-ercole d’este-prefettura
Promuove l’Associazione “Federico Aldrovandi”
Scarica il volantino in formato pdf: volantinomanifestazione.pdf.

Come arrivare.

Per chi arriva in treno.

Dal piazzale della Stazione di Ferrara autobus 4c (circolare, direzione “stazione“) e dal piazzale opposto la Stazione autobus 11 (a/b direzione “Chiesuol del Fosso/Ospedale San Giorgio”) con fermata in Via Bologna Ippodromo (biglietti acquistabili nel punto Tper in Stazione, all’edicola della Stazione, o a bordo con leggero sovrapprezzo). A piedi circa 30/45 minuti.

Per il ritorno da Ercole d’Este a piedi via Corso Biagio Rossetti/Corso Porta Po in circa 20 minuti, oppure autobus 3c (circolare direzione “Stazione“) da Corso Porta Mare e autobus 9 (direzione “Stazione”) e 11 (a/b direzione “Santa Maria Maddalena/Via Vallelunga”) da Viale Cavour.

Per chi arriva in auto.

Dall’uscita Ferrara SUD consigliamo il parcheggio presso il parcheggio gratuito EX MOF ovvero nel parcheggio a pagamento Centro Storico (euro 0,80 l’ora; massimo euro 3,20) ambedue con ingresso in via Darsena e segnalati dalla cartellonistica su Via Bologna. Dai parcheggi Ex MOF/Centro Storico a Via Ippodromo a piedi in circa 20/10 minuti. Da ex MOF autobus 8 (direzione Rivana) da Via Ripagrande Piangipane e fermata in via Goretti Ippodromo (attraversando l’ippodromo dall’interno) o via Del Campo Poletti.
Ritorno da Ercole d’Este a piedi in circa 25/15 minuti, autobus 3c da Corso Biagio Rossetti sino a Piazzale Kennedy.

Dall’uscita Ferrara NORD consigliamo il parcheggio a pagamento Diamanti (per un’ora euro 0,50; tutto il giorno euro 2,00) a pochi passi da Via Ercole d’Este e comodo per il rientro. In alternativa i parcheggi Ex MOF e Centro Storico (vedi sopra). Dal parcheggio Diamanti linea 3c (biglietti disponibili anche a bordo) da Corso Biagio Rossetti direzione “Stazione”, fermata in Via Bologna Ippodromo.
Ritorno da Ercole d’Este a piedi in 5 minuti.

Mappa mezzi pubblici Tper: http://www.tper.it/sites/tper.it/files/SETT_2010_MappalineeFE_web_0.pdf
Info su linee mezzi pubblici e orari: http://www.tper.it/orari/linee

Info in tempo reale sulla disponibilità di posti nei parcheggi: http://www.ferraratua.com/it/

Mistral Air: le deportazioni di Poste Italiane

mistralair_deportazionijpg

Questa mattina un gruppo di solidali con le lotte dei reclusi del Cie ha dato vita a tre presidi-lampo di fronte ad altrettanti uffici postali di Porta Palazzo e della Barriera di Milano. Manifesti sulle vetrine, volantini e interventi al megafono per segnalare a clienti e impiegati che PosteItaliane, attraverso la loro controllata MistralAir, collaborano con le deportazioni dei senza-documenti. Una piccola contestazione, che però ha fatto andare in confusione gli impiegati di Porta Palazzo, che si sono barricati nell’ufficio lasciando fuori alcuni clienti e che hanno riaperto solo all’arrivo di una volante della polizia – rimasta poi di piantone fino all’orario di chiusura.

Eccovi qui sotto i volantini distribuiti. Se aveta anche voi qualcosa da dire a PosteItaliane a proposito della loro partecipazione alla macchina delle espulsioni potete scaricarli in alta definizione da qui,

 

mistralair_a5mistralair_a4Fonte Macerie   e storie da Torino

 

Per Bahar libero subito!

CONTRO LA REPRESSIONE NESSUN@ E’ SOL@
il saluto di bentornato di bahar a lander.

Bahar non ci sarà venerdi 17 all ONGI ETORRI perché costretto a misure cautelari in italia con richiesta di estradizione da parte della turchia per la sua militanza politica.
l’ ONGI ETORRI parlerà anche di di questa storia.

COMPLICI E SOLIDALI, TUTT@ LIBER@

Fabio Zerbini Picchiato a sangue ad Affori!

scioperologistic1

Un agguato in stile mafioso ad un compagno dirigente del S.I. Cobas

Ieri pomeriggio il compagno Fabio Zerbini è stato attirato in una specie d’imboscata e pestato a sangue. Con la scusa di un incontro per risarcire i danni di un incidente automobilistico (uno specchietto rotto) avvenuto a fine dicembre, è stato attirato in zona Affori. Appena sceso dall’auto, è stato assalito a tradimento e pestato a sangue.

Gli aggressori si sono quindi allontanati promettendogli una brutta fine se si occuperà ancora dell’organizzazione delle lotte operaie.

Questo pestaggio è la continuazione della strategia repressiva che combina l’intervento delle forze del disordine, con quelle dell’ordine di mafia, n’drangheta e camorra di cui hanno fatto le spese i nostri militanti sindacali, con minacce, processi, pestaggi, incendi d’auto ecc..

Più lo scontro politico si accentua, più si intrecceranno queste azioni atte ad intimidire la lotta dei lavoratori della logistica, ma solo l’estensione di questa, l’organizzazione di essa e dei COBAS potrà garantire una maggior difesa agli attacchi posti in atto dal padronato e dai loro sgherri, contro i sindacalisti attivi.

Non ci faremo intimidire!

Un caloroso saluto e una pronta guarigione va a Fabio, uno dei nostri compagni più in vista nelle lotte portate avanti tra gli operai della logistica.

SI Cobas

Solidarietà a Fabio uno degli attivisti sindacali e antirazzisti più coraggiosi di Milano – sempre in prima fila dalla parte dei rom e degli immigrati, di ogni lavoratore italiano o straniero sfruttato in Lombardia – ecco il suo ritratto fatto nel 2010 dai nemici del Giornale http://www.ilgiornale.it/news/gruppo-anarchici-scatena-guerriglia-contro-sgomberi.html)