Il governo minaccia 40 anni di carcere; Matt DeHart  è costretto a patteggiare

Secondo l’accordo, Matt dovrà dichiararsi colpevole di aver usato la pornografia teen, composta da messaggi datati dal 2008 che il governo degli Stati Uniti ha deciso di caricare anni dopo dopo che sono venuti a sapere che Matt scoprì dei file militari sensibili e che erano stati caricati su un server online  e che fosse un sostenitore di Wikileaks e Anonymous.

Matt potrebbe combattere le accuse in tribunale, ma ha già sopportato abusi sostanziali e il giudice si è affiancato alle posizioni del  governo quasi ogni seduta . Più di recente, il giudice di Matt ha  respinto una motione della difesa  basata su accuse di vendetta e persecuzione. Inoltre, il sistema giudiziario federale è intasato  e il tasso di condanna nelle prove penali federali è del 93%.

Il padre di Matt, Paul DeHart, ha citato il caso di Aaron Swartz come punto di svolta nella paura della famiglia di un processo aggressivo  Swartz si è suicidato dopo avera rischiato una condanna a più di 50 anni in carcere per un download di documenti JSTOR disponibili pubblicamente .Allo stesso modo, nel caso di Matt, il governo minaccia una sentenza di lunga scadenza di molti decenni – una condanna altamente sproporzionata per le accuse che gli sono mosse.

Il governo è probabilmente d’accordo su questo accordo fatto con il caso di Matt DeHart, per impedire un processo  in cui potrebbe emergere l’attività politica di Matt, i file che ha scoperto e il trattamento che ha sopportato.

L’accordo non è la fine della storia: come dice l’avvocato di Matt Tor Ekeland, “il tribunale non è vincolato dalle raccomandazioni del governo e può imporre alcuna frase che desideri al massimo statutario. Normalmente, tuttavia, i tribunali denunciano secondo i parametri di un accordo di accusa tra il governo e l’imputato “.

Inoltre, dobbiamo prevenire futuri ritorsioni, come il confino solitario di Barrett Brown, Chelsea Manning e Jeremy Hammond. Matt è già stato torturato durante l’interrogatorio e imprigionato per anni prima del processo. Dobbiamo tenere la sentenza di Matt sotto la costante dell’opinione pubblica, poiché solo un controllo significativo impedirà ulteriori abusi e assicurarando il più giusto processo possibile.

Fonte Courage Fondation

https://mattdehart.com/2015/11/12/government-threatens-40-years-in-jail-matt-dehart-forced-into-plea-deal/

Annunci

Facebook e le intenzioni ( IT -English)

Alla fine di giugno, Mark Zuckerberg ha annunciato che Facebook ha raggiunto un record: due miliardi di utenti attivi mensili. Quel numero, l’azienda preferibile ‘metrica’ quando misura la propria dimensione, significa due miliardi
diverse persone usavano Facebook nel mese precedente. È difficileafferrare quanto sia straordinario. Tenete a mente che thefacebook -il suo nome originale – è stato lanciato esclusivamente per gli studenti di Harvard 2004. Nessuna impresa umana, nessuna nuova tecnologia o utilità o servizio, é mai stata adottata così ampiamente in modo così rapido. La velocità di assorbimento supera di gran lunga quello di Internet stesso, per non parlare di tecnologie obslolete come televisione o cinema o radio.

E’ anche sorprendente: come Facebook sia cresciuto, la fiducia degli utenti sul social é anchessa cresciuta. L’aumento dei numeri non è, come ci si aspetterebbe, accompagnato da un livello inferiore di impegno. Più non significa peggio – o peggio, almeno, dal punto di vista di Facebook. Anzi. nei giorni lontani dell’ottobre 2012, quando Facebook ha raggiunto un miliardo di utenti,il 55per cento di loro lo usavano ogni giorno. A due miliardi, il 66 per cento. La sua base di utenti sta crescendo del 18 per cento l’anno- avremmo pensato impossibile per un’impresa già così enorme.

Il più grande rivale per gli utenti connessi di Facebook è YouTube, di proprietà del suo rivale Alphabet (la società precedentemente nota come Google), al secondo posto con 1,5 miliardi di utenti mensili. Tre delle prossime quattro applicazioni più grandi, o servizi, o qualunque cosa si desidera chiamare, sono WhatsApp, Messenger e Instagram, con 1,2 miliardi, 1,2 miliardi e 700 milioni di utenti rispettivamente (l’app cinese WeChat è l’altro, con 889 milioni di euro). Quelle tre entità hanno qualcosa in comune: sono tutti
di proprietà di Facebook. Non c’è da meravigliarsi che l’azienda sia la quinta più preziosa al mondo, con una capitalizzazione di mercato di 445 miliardi di dollari.

Zuckerberg sulle dimensioni di Facebook con un annuncio ha detto che la società sta cambiando la sua ” missione”La missione di Facebook era quella di “rendere il mondo più aperto e connesso “. Una lettura non-Facebooker che ci fa chiedere: perché? La connessione viene presentata come un fine in sé, in modo intrinsecamente e cosa buona. È comunque? Flaubert era scettico
circa i treni perché pensava (nella parafrasi di Julian Barnes) che”La ferrovia permetterebbe solo più persone a muoversi, incontrarsi e esserestupida. “Non devi essere misantropo come Flaubert per chiederti se qualcosa di simile non sia vero per la connessione di persone su Facebook. Per per esempio, Facebook è generalmente d’accordo di aver giocato un grande, forse anche ruolo fondamentale nell’elezione di Donald Trump. Il beneficio per l’umanità non è chiaro. Questo pensiero, o qualcosa di simile, sembra si sia verificato per Zuckerberg, perché la nuova dichiarazione di missione spiega motivo di tutta questa iperconnessione, la nuova missione è quella di
‘Dare alla gente il potere di costruire comunità e portare il mondo più vicino insieme’.

English :

At the end of June, Mark Zuckerberg announced that Facebook had hit a new level: two billion monthly active users. That number, the company’s preferred ‘metric’ when measuring its own size, means two billion different people used Facebook in the preceding month. It is hard to grasp just how extraordinary that is. Bear in mind that thefacebook – its original name – was launched exclusively for Harvard students in2004. No human enterprise, no new technology or utility or service, has ever been adopted so widely so quickly. The speed of uptake far exceeds that of the internet itself, let alone ancient technologies such as television or cinema or radio.

Also amazing: as Facebook has grown, its users’ reliance on it has also grown. The increase in numbers is not, as one might expect, accompanied by a lower level of engagement. More does not mean worse – or worse, at least, from Facebook’s point of view. On the contrary. In the far distant days of October 2012, when Facebook hit one billion users, 55 per cent of them were using it every day. At two billion, 66 per cent are. Its user base is growing at 18 per cent a year – which you’d have thought impossible for a business already so enormous.

Facebook’sbiggest rival for logged-in users is YouTube, owned by its deadly rival Alphabet (the company formerly known as Google), in second place with 1.5 billion monthly users. Three of the next four biggest apps, or services, or whatever one wants to call them, are WhatsApp, Messenger and Instagram, with 1.2 billion, 1.2 billion, and 700 million users respectively (the Chinese app WeChat is the other one, with 889 million). Those three entities have something in common: they are all owned by Facebook. No wonder the company is the fifth most valuable in the world, with a market capitalisation of $445 billion.

Zuckerberg’s news about Facebook’s size came with an announcement which may or may not prove to be significant. He said that the company was changing its ‘mission statement’, its version of the canting pieties beloved of corporate America. Facebook’s mission used to be ‘making the world more open and connected’. A non-Facebooker reading that is likely to ask: why? Connection is presented as an end in itself, an inherently  and automatically good thing. Is it, though? Flaubert was sceptical about trains because he thought (in Julian Barnes’s paraphrase) that‘the railway would merely permit more people to move about, meet and be
stupid.’ You don’t have to be as misanthropic as Flaubert to wonder if something similar isn’t true about connecting people on Facebook. For instance, Facebook is generally agreed to have played a big, perhaps even a crucial, role in the election of Donald Trump. The benefit to humanity is not clear. This thought, or something like it, seems to have occurred to Zuckerberg, because the new mission statement spells out a reason for all this connectedness.

It says that the new mission is to‘give people the power to build community and bring the world closer together’.

Un progetto di ricerca in onore di Barrett Brown

 

 Qual è il Complesso Industriale Cyber?  Tutto quello che fai online è il CI-C, i video che guardi o invia, i tuoi twitter amano e ti piace Facebook, le tue telefonate sia a livello nazionale che all’estero, le tue e-mail, i tuoi messaggi di testo, Ciò che il tuo cellulare vede e sente sono tutti monitorati e memorizzati, il che significa che questo non va da nessuna parte, ed è in realtà una storia dettagliata della tua vita che può essere scritta decennale per decennio, monitorando le tue attività online.  Essi non solo monitorano e memorizzano i tuoi dati, ma filtrano le tue ricerche web quando si cerca in Google che non hai il Web di tutto il mondo a portata di mano, come è stato precedentemente presunto che è in realtà una piccola porzione del vero e proprio web di parole.Adesso il governo degli Stati Uniti ha piazzato i cavi sott’acqua che ci collegano in Europa e in Asia, fondamentalmente, i dati, i messaggi di testo e le telefonate vengono raccolti e memorizzati. Perché il governo sta facendo ciò che si potrebbe chiedere, anche a causa del terrorismo, ora non ti senti sicuro? . Qui di seguito denomineremo le aziende che trionfano da questa sorveglianza di massa qui in America. 

“Ognuno ha un paio di viti sciolte e una volta in un momento si potrebbe scoraggiarsi e cadere fuori, speriamo solo che non ho una tastiera quando si scende.  A chi può riguardare la Coalizione di WEDA libera queste profondità nelle profondità di una cosiddetta società libera e se non ti piace, allora scopatevi e interamente violate “-Iffehtkcuf (fondatore della coalizione WEDA)

uhuhnn.png

 Blue Coat: Situato in California crea filtri di rete aziendali che sono stati utilizzati in Siria dal regime siriano per censurare internet e spiare i dissidenti. Era illegale che Blue Coat vendesse direttamente alla Siria a causa delle sanzioni che gli Stati Uniti hanno posto sulla Siria.Hanno ottenuto tutto questo vendendo il loro prodotto ad una società in India che poi ha venduto al regime siriano, ma é disgustoso che una società proprio qui negli Stati Uniti stia profittando e contribuendo alla crisi umanitaria in Siria e alla sofferenza dell’innocenza.

DigiTask : Basato su software progettato in Germania che è ignorato installato su un computer utente usufruendo di difetti di recente rilevati come “Zero Day Exploits”, questo software può rubare le chiavi di crittografia che consentono l’esecuzione delle leggi sulle vostre attività in tempo reale senza conoscenza dell’utente .  Questi sono gli stessi “scoperti di zero giornate” che Harold Thomas Martin ha presentato al pubblico il nuovo collaboratore della NSA che ha lavorato presso la stessa società di consulenza di Edward Snowden Booze Allen Hamilton ed è ora in stato di arresto dopo che FBI ha bombardato la sua casa.  Questi sono stati utilizzati anche nell’attacco della società di software di sicurezza RSA, un contraente della difesa statunitense e continua a chiedere perché sia ​​perfettamente giusto che l’FBI e le altre agenzie governative possano cacciare i nostri dispositivi senza alcun diritto di violare i nostri diritti costituzionali senza timore di conseguenze Sotto il velo di sicurezza nazionale? Rilasciare al pubblico esattamente come il governo federale sta commettendo le violazioni costituzionali su base quotidiana è aggrovigliato in questo momento.

 Paladion: basato su software progettato in India che può creare crisi di transazioni bancarie e di messaggi Gmail. Paladion fornisce servizi di sicurezza professionali e gestiti in India e in tutto il mondo.  I suoi servizi di sicurezza professionale comprendono la sicurezza, la consulenza, la conformità, la gestione, il test, il monitoraggio e la gestione. It also provides managed network, application, and process level security assessments and testing services; Fornisce inoltre valutazioni di sicurezza e servizi di test a livello di rete, applicazioni e processi;  E gestire i servizi di GRC, come la manutenzione ISMS, la definizione dei criteri di analisi dei rischi, la gestione dei prodotti installati, la revisione dell’adesione alle policy, la regolamentazione e la conformità, la risposta e la gestione degli incidenti, la gestione dei progetti, il supporto per l’implementazione del prodotto e la formazione e la consapevolezza dell’utente.  Da nessuna parte nella descrizione di Paladion si dice che il loro software può creare crisi di transazioni bancarie o di messaggi Gmail. Anche se non possiamo confermarlo ma è mio parere personale che Paladion è la società senza nome in cui BlueCoat ha venduto la propria attrezzatura di sorveglianza per evitare le sanzioni statunitensi e il divieto di scambi con la Siria.

666v6vv6v6v6v55v5v5v.jpg

GlimmerGlass : Con sede a Hayward, la California ha disegnato attrezzature che possono aiutare le agenzie governative a toccare segretamente i cavi sottomarini che trasmettono tutte le chiamate telefoniche e i dati tra i continenti secondo Eric King un consulente per i diritti umani di Privacy International.  Il seguente è ciò che GlimmerGlass descrive come loro missione, Glimmerglass è il fornitore leader di soluzioni intelligenti per la commutazione e gestione intelligenti di SDN . I nostri sistemi switching puramente ottici, fotonici, consentono ai fornitori di servizi di telecomunicazioni, alle agenzie governative, alle imprese e ai laboratori di apparecchiature di rete di dati in tutto il mondo di creare, monitorare, riconfigurare e proteggere i percorsi ottici nelle loro reti in modo remoto.  Utilizzando i sistemi Glimmerglass, i clienti riducono OPEX, forniscono un provisioning più rapido, aumentano l’automazione e aumentano la disponibilità della rete Ancora una volta non si fa menzione di come questa azienda abbia rubato i cavi sottomarini e mina tutti i dati e le chiamate telefoniche che li attraversano.

SS8 : si trova a Milpitas, in California, hanno progettato un prodotto chiamato Intellego che consente alle forze di sicurezza, alle agenzie federali, statali e locali di vedere ciò che vedete in tempo reale, inclusi i messaggi di posta elettronica bersaglio, i file allegati e i video su qualsiasi dispositivo Proprio compreso lo stato “Smart TV e il V-Tech del tuo bambino

I2 :  McLean Virginia fa due prodotti utilizzati dalla polizia e da altre agenzie governative denominate CopLink e Analysis Notebook che permettono alle autorità di avere un senso di reams di dati.

La NSA ha affermato: “Noi identifichiamo coloro che si connettono a Internet per sbarazzarsi dell’anonimato”. L’avvocato Jerry Brito e ricercatore senior del Mercatus Center dell’Università George Mason rispondono a ciò che l’NSA ha affermato “sicuro che probabilmente renderebbe le reti più sicure Ma anche quello che definiremo uno stato di polizia “Usiamo siti di social media su base giornaliera e sono gli Stati più grandi strumenti di sorveglianza che la NSA paga a queste società come Google, Facebook, Twitter, Instagram e altri centinaia di milioni di dollari per Accesso senza precedenti alle loro reti di comunicazione. BSia la NSA che l’FBI hanno ammesso in 60 minuti di sbarazzarsi di praticamente ogni altro programma che hanno usato per monitorare e monitorare le persone, ora utilizzano solo Facebook o Twitter.

p-p-p-pppp-p-p

 “Trasforma la sorveglianza in un flusso di entrate” Marc Rotenburg, direttore esecutivo del Centro di informazione elettronica sulla privacy, ha dichiarato al Washington Post “e questo non è il modo in cui supponga di lavorare” ha aggiunto.  In una conferenza di agosto del 2013, l’ex direttore della NSA Direct Michael Hayden ha dichiarato quanto segue: “L’internet non è stato costruito per essere protetto … e che rimane nell’architettura presente nel World Wide Web, e per questo siamo nella posizione in cui siamo” Ha continuato a dire “così quelli di voi nell’industria privata, immagino che il punto che voglio veramente farti è il suono successivo che sentirai non battere gli zoccoli del Calvario federale che arriveranno più vicini al tuo salvataggio cyber-rescue , La tua responsabile per la tua sicurezza “Non sorprende che queste aziende hanno avvertito l’onorevole Haydens e nei prossimi anni abbiamo visto grandi aziende che piegano le norme della legge che impongono gli hacker a fare prove di penetrazione sulle loro reti private, poi si gira e Vendere le vulnerabilità ai clienti aziendali per milioni di dollari. Il noto Mandiant che ha scoperto una serie di attacchi da parte di un ramo dell’Esercito della Liberazione della Cina è stato successivamente assunto dal Wall Street Journal e The New York Times dopo che sono stati attaccati.  Gli hacker di Mandiant si consultano con una serie di aziende Fortune 500 ad un tasso annuo di 450 dollari all’ora.

7h78h87h6tt7j7k7kkkkkk.jpg

 L’ex avvocato di FBI Cyber ​​Steven Chabinsky ha sostenuto in un Cyber ​​Symposium che un’azienda attaccata dovrebbe essere in grado di contrattaccare per recuperare i dati.  Ha dichiarato: “È praticamente accettato che nel mondo fisico si ha il diritto di proteggere la tua proprietà senza prima andare all’applicazione della legge” Abbiamo aziende come Google e Facebook che usano i tuoi cari o ricerche di motori di ricerca per fare milioni di dollari e tu accetti Loro facendo questo profitto da te quando accetti i termini e le condizioni per utilizzare i loro servizi.  Quante persone utilizzano Google o Facebook ogni giorno in tutto il mondo?  Il numero è quasi certamente  miliardi e Google fa un rapporto di 250 milioni di dollari di profitto da un singolo utente. Liberare  i nostri dati può essere buono per molte cose come la medicina, il traffico e la criminalità, ma ci viene un momento in cui noi come pubblico siamo le vittime di timbri costituzionali da parte delle nostre agenzie governative locali, statali e federali.  Barret Brown, Aaron Swartz, Lauri Love, Jeremy Hammond, Matt DeHart, Chelsea Manning e Marty Gottesfeld sono prigionieri politici perseguiti, monitorati, monitorati e cacciati in silenzio non per le loro azioni, ma piuttosto per il messaggio che stanno diffondendo.  Barret Brown stava cercando di avvertire il pubblico in tanti modi che il governo degli Stati Uniti ha le mani sporche di sangue reale  . Ha avvisato il pubblico del crescente Cyber ​​Industrial Complex, che ora è di 150 miliardi di dollari l’industria di un anno in silenzio.

7j877j777j7.png

Le aziende sopra elencate segretamente fanno una fortuna off violando i nostri diritti costituzionali ogni volta che utilizziamo un dispositivo o che l’FBI ti possa battere senza la tua conoscenza e l’NSA può inviare Twitter o Reddit una lettera che viola le proprie condizioni e condizioni e il tuo diritto alla privacy Tutto perché il nostro governo li paga milioni di dollari l’anno per consentire l’accesso alle loro reti di comunicazioni protette in modo da poter guardare i tuoi messaggi di Facebook, i messaggi diretti di Twitter, Gmail anche un messaggio senza testo e senza messaggi e senza conoscenza.  Pensi che indossiamo la maschera di Guy Fawkes e ci impegniamo a completare l’anonimato cosi a cazzo? Non è perché la sorveglianza del governo è reale e non è perché qualcuno ha qualcosa da nascondere perché la costituzione afferma che una casa d’uomo è il suo castello e se il mio computer portatile è all’interno della mia casa allora non potresti violare i miei diritti costituzionali violando i nostri dispositivi. Abbiamo diritto all’anonimato, quindi quando le agenzie governative smettono di dire cose come “IDamo coloro che si connettono a Internet per sbarazzarsi dell’anonimato”, prenderemo la nostra maschera fino ad allora ognuno di voi può collettivamente andare a cazzo, il Cyber Industrial Complex è un’azienda di 150 miliardi di dollari l’anno, ma non ancora soddisfatti voglion anche la nostra privacy.

OCCUPARE-HOPE.jpg

By – @Ibfehtkcuf and zinxnix@securegroup.international Da – @Ibfehtkcuf e zinxnix@securegroup.international

The CIA, Fethullah Gulen and Operation Gladio B


In this episode of Spotlight with Sibel and Spiro we discuss the notorious USA-based Mullah Fethullah Gulen and Operation Gladio B in light of Wikileaks’ recent announcement that they plan to release a new batch of e-mails exposing the intimate ties between Hillary Clinton and Gulen’s 25+ Billion shady network. Sibel Edmonds explains how Fethullah Gulen was brought into the United States during the Clinton Administration, and how Bill Clinton’s White House, the State Department and the Justice Department’s Janet Reno provided the infamous mullah and his terrorism-heroin operations with blanket immunity and protection. https://i2.wp.com/www.boilingfrogspost.com/wp-content/uploads/2013/04/0427_fuller.png

We also take a look at Clinton’s hand-picked handlers, Graham Fuller and Mark Grossman, selected to manage and direct Gulen’s cells in the U.S. and abroad.

 

 

Show Notes

https://phiquyenchinh.files.wordpress.com/2016/07/image002.jpg?w=800

Sibel Edmonds- Turkish Intel Chief Exposes CIA-Gulen Terror Operation in Central Asia

YouTube-Corbett Report (Video): Sibel Edmonds on Gladio B – Part I

Sibel Edmonds’ State Secrets Privilege Gallery

YouTube- Corbett Report (Video): Who is Graham Fuller?

YouTube-Lew Rockwell : The Boston Bombing, the CIA, Graham Fuller & the US Empire

YouTube- Corbett Report: Turkish Coup Plotter Fethullah Gulen

Wikileaks: Clinton-Gulen E-mails

Turkey’s Coup Plotters are Members of NATO’s Rapid Deployable Corps

CIA-Gulen Driven Turkish Police Forces Aided & Abetted the Failed Coup PlotThe three most important regiments involved in the Turkey Attempted Coup plot and implementation have been part (members) of NATO’s Rapid Deployable Corps (NRDC) since 2003.

A group of plotters of the failed Turkish Coup Attempt used a WhatsApp group to communicate with each other. Based on well-documented information and established identities gathered from these intercepted communications, at least three out of the five coupist regiments were (and still are) part of NATO’s Rapid Deployable Corps. Further, the group used the emblem and slogan used by NATO’s Rapid Deployable Corps: “Peace at home, peace in the world.”

The intercepted communications also expose the role of the CIA-Gulen network within Turkey’s police force, and how it readily welcomed and aided the Failed Coup Attempt.

Newsbud news with Sibel Edmonds and Spiro Skouras delves into this significant exposé and provides viewers with context and analyses missing from western media outlets.

Show Notes

The Turkish Coup through the Eyes of its Plotters

The NATO Rapid Deployable Corps (NRDC)

YouTube- Sibel Edmonds Dissects the Turkey Coup Attempt

Confront NBC: MSM Disinfo Machine- from Iraq’s WMD to the Turkey Coup Attempt

Newsbud Demands Public Retraction from NBC for Unethical False Reporting

Sibel Edmonds’ Operation Gladio B Series via Corbett Report

Sono un hacker in prigione, non sono un criminale. Sono un attivista Jeremy Hammond

 In carcere, mi è stato chiesto molto sull’hacking e soprattutto su’Anonymous , perché ovviamente c’è interesse per nuove tecnologie come Bitcoin per soldi o scure per frode.  Dopo tutto, i detenuti – come gli hacker – sviluppano i propri codici e l’etica e stanno costantemente cercando modi di truffa e sfruttare le crepe nel sistema.

Il messaggio anti-governo dell’Anonymous anonima vera tra i prigionieri che sono stati feriti, condannati e immagazzinati. . Quindi, quando senti parlare di siti web governativi e di poliziotti impacciati, i miei colleghi spesso mi dicono cose come: “È bello vedere che le persone finalmente fanno qualcosa”. Quel rifiuto di stabiliti percorsi riformisti per raggiungere il cambiamento sociale è il motivo per cui Anonymous continua come forza da tenere conto,questo  è reso ancora più evidente dalla presenza di maschere di Guy Fawkes alle proteste di Ferguson, nel Missouri – e oltre.

Gli hacker sono un gruppo controverso, caotico e comunemente frainteso.  Molti di noi sono stati arrestati, da Mercedes Haefer e Andrew Auernheimer a Mustafa Al-Bassam e altri e pochi osservatori esterni ottengono che Anonymous non è un’entità monolitica ma un ampio spettro di sfondi, politiche e tattiche.  E così ho condiviso un nuovo libro con i miei compagni di stato dall’antropologo e l’autrice Gabriella Coleman ha chiamato Hacker, Hoaxer, Whistleblower, Spy: The Many Faces of Anonymous .

 Il libro cronizza lo sviluppo di Anonymous dai suoi giorni di truffatori truccati al suo coinvolgimento in Occupy Wall Street e nella primavera araba, alle sfide di hacking di LulzSec e AntiSec e di tutte le parole fatte dal gruppo da Stratfor, l’azienda di intelligence che ho attaccato nel 2012. Ma è più che una scadenza scritta da un outsider: Coleman ha trascorso anni in decine di chat room e ha viaggiato nel mondo per incontrare hacker. Alcuni, come i miei seguaci di LulzSec nel Regno Unito, non ho sentito parlare da quando abbiamo collaborato a vari hack e successivi arresti, quindi sono stato particolarmente felice di sapere come hanno mantenuto vivo lo spirito.

Sono stato particolarmente colpito dalle interazioni di Coleman con Hector Monsegur, ovvero Sabu, informatore dell’FBI, che è responsabile di molti dei nostri arresti e che è stato rilasciato questa primavera dopo la sua “straordinaria collaborazione” con l’FBI .  Una delle poche persone che lo incontrassero faccia a faccia fino a quando non ha dato un’intervista a Charlie Rose questo mese, Coleman ha avuto sensazioni che sono parallele a me: Sabu mi ha tradito.

Come tutti gli altri , Coleman era convinta della credibilità di strada di Sabu perché parlò duramente e si vantava del suo accesso alle continue operazioni di hacking. . Sì, io sono un leader nativo , lui direbbe.  Posso condurre tutto questo movimento da solo se voglio vivere come un dittatore. Che cazzo c’è con tutti i ronzio? Leggendo queste e centinaia di altre citazioni infuriative in retrospettiva, si pone la domanda: come avremmo potuto essere così stupidi?

Coleman sostiene che questo “avanguardismo dell’hacker” – basandosi su un numero scelto per fare tutti gli attacchi o agire come portavoce – è stato disatteso dalla meritocrazia populista di Anonymous e ci ha lasciato più vulnerabili all’infiltrazione e all’arresto.

 Nonostante la “Sabutage”, la fase 2011 AntiSec di Anonymous – quando un piccolo ma efficace gruppo di noi ha assunto tutti da Sony a Fox News – potrebbe essere stato il periodo più attivo ed efficace del movimentoAll’altezza di Occupy Wall Street, Anon stava guadagnando l’esperienza di protesta  e la maturità politica.  Gli hack si sono scalati in numero e in gravità, puntando sui simboli della disuguaglianza economica e la brutalità della polizia e in molti modi Anonimi si stava diventando più decentralizzato, più aperto e sufficientemente tatticamente diversificato per rappresentare il futuro del hattivismo – e forse anche parte del futuro Dell’attivismo.

Il libro di Coleman non è un’approvazione indiscussa: non siamo sempre legali e siamo spesso casuali, incoerenti e politicamente inesatti... Persone come Sabu non lo fanno e anche i procuratori anti-hacker non ne hanno certamente.

Siamo condannati come criminali senza coscienze, licenziati come ragazzi anti-sociali senza una causa, o sospesi come cyber-terroristi per giustificare lo stato di sorveglianza in espansione.  Ma l’ hacktivismo esiste all’interno della storia dei movimenti della giustizia sociale. L’ hacktivismo è ancora il futuro, ed è bene vedere che la gente continua a fare qualcosa.

La Cyber-guerra su Wikileaks

La Cyber-guerra su Wikileaks

julian_assange

Quando la classe dirigente è in preda al panico, la loro prima reazione è quella di nascondere il panico.

Reagiscono di cinismo: quando le loro maschere cadono , invece di correre in giro nudi, di solito puntano il dito contro la maschera che indossano. In questi giorni il mondo intero ha potuto assistere a una versione postmoderna della citazione famigerato “Che mangino brioches, attribuita a Maria Antonietta, regina di Francia durante la Rivoluzione Francese.

Come reazione a Wikileaks pubblicando la sua e-mail, John Podesta, l’uomo dietro la campagna di Hillary Clinton, ha postato su twitter una foto di una preparazione cena , dicendo “Scommetto che il risotto di aragosta è meglio che il cibo all’ Ambasciata dell’Ecuador”.

 

Cyber-guerra non con la Russia … ma WikiLeaks

Nel corso degli ultimi mesi ho visitato Julian Assange in Ambasciata dell’Ecuador a Londra diverse volte e ogni volta che sono venuto fuori dell’ambasciata, dove sta trascorrendo il suo quinto anno di asilo politico sotto il timore legittimo che potrebbe essere estradato negli Stati Uniti, il mio pensiero è stato il seguente: anche se vive, senza la sua famiglia, in una versione postmoderna di isolamento (anche i prigionieri sono autorizzati a camminare per un massimo di un’ora al giorno), anche se non ha accesso all’aria aperta o la luce del sole per più di 2000 giorni, anche se il governo britannico ha recentemente gli ha negato un passaggio sicuro in un ospedale per una risonanza magnetica, se il suo accesso a Internet sarebbe tagliato fuori questo sarebbe il più grave attacco alla sua libertà fisica e mentale.

L’ultima volta che l’ho visto, che era solo due settimane fa, ha espresso il timore che, perché aveva già pubblicato le notizie in materia di elezioni degli Stati Uniti e con più a venire, gli Stati Uniti potrebbero trovare vari modi per farlo tacere, tra cui pressioni all’ Ecuador o addirittura spegnere Internet.

Quella che sembrava una possibilità lontana solo due settimane fa, divenne ben presto una profezia che si autoavvera.

Quando l’amministrazione Obama ha recentemente annunciato che è, come ha detto Biden,  una “azione sotto copertura informatica senza precedenti contro la Russia”, la prima vittima non era Putin, ma proprio Julian Assange il cui internet è stato tagliato appena un giorno dopo l’annuncio contraddittorio di Biden .

Non c’è da stupirsi Edward Snowden ha reagito immediatamente dicendo che “nessuno ha detto Joe Biden che cosa significa ‘operazione segreta’.

Secondo il Dipartimento della Difesa Dizionario di militari e associati Termini, una operazione segreta è “una operazione che è così pianificato ed eseguito come per nascondere l’identità del o consentire la negazione plausibile dallo sponsor.”

Non è un segreto più che il governo ecuadoriano è venuto sotto pressione dal momento che Assange ha fatto trapelare la banca dati e-mail Democratic National Committee . Non sappiamo ancora se gli Stati Uniti fatto pressione Ecuador per spegnere internet, ma è chiaro che l’attuale governo degli Stati Uniti e il governo a venire sta combattendo una guerra con Wikileaks, che è tutto, ma non “segreta”. E ‘davvero una coincidenza che l’accesso a internet di Julian Assange è stato tagliato subito dopo la pubblicazione dei discorsi tra Goldman Sachs e Clinton?

Se all’inizio avevamo ancora una versione “soft” del maccartismo postmoderno, con Hillary chiamando tutti oppone alla sua campagna una spia russa (non solo Assange, ma anche Donald Trump e Jill Stein), poi con il  recente intervento di Obama è diventato più serio .

Con la minaccia di Obama di un cyber-guerra, il maccartismo “soft” ha non solo acquisire un significato geopolitico, ma allo stesso tempo una nuova maschera è stato rivelato: Obama sta ovviamente cercando di cementare il dibattito pubblico e rendere la minaccia russa “reale” , o almeno di usarla come arma per aiutare Clinton ad essere eletta. Inoltre, questa nuova svolta in qualcosa che è già diventato molto più che elezioni negli Stati Uniti (elezioni americane non sono mai solo elezioni negli Stati Uniti!), Dimostra non solo come Obama è pronta a rafforzare la campagna di Hillary, ma rivela anche che una guerra informatica è già in corso

Non è una guerra cibernetica con la Russia, ma con WikiLeaks.

E non è la prima volta.

Cosa avrebbe Clausewitz dire?

Nel 2010, quando il video di Collateral Murder è stato pubblicato, i ceppi di guerra afgani e iracheni sono stati liberati, e abbiamo assistito uno degli attacchi più sinistre sulla libertà di parola nella storia recente. VISA, Mastercard, Diners, American Express e Paypal imposto un blocco bancaria su Wikileaks, anche se WikiLeaks non erano stati accusati di alcun crimine alle due statali, federali o di livello internazionale. Quindi, se il governo degli Stati Uniti con successo società di pagamento convinti che rappresentano oltre il 97% del mercato globale per spegnere un editore indipendente, perché non hanno fatto pressione su Ecuador o qualsiasi altro Stato o società per tagliare internet?

Gli Stati Uniti non solo retoricamente cercando di “ottenere” Assange (vale la pena di dare un’occhiata al video di Assassina Assange per la prova della masturbazione verbale di funzionari degli Stati Uniti), ha rappresenta una grave minaccia per le maggiori fazioni d’elite degli Stati Uniti di rimanere in energia. Non c’è da stupirsi di panico è in aumento negli Stati Uniti, che è ora di andare ancora più in là che un ragazzo di 16 anni, in Gran Bretagna, è stato arrestato con accuse penali relative alla presunta pirateria di account di posta elettronica utilizzato dal direttore della CIA John Brennan, che Wikileaks ha pubblicato in ottobre 2016.

Che WikiLeaks ovviamente sfidato-e con successo forse un giorno ( “la storia è scritta dai vincitori”, ricordate?) Sarà appreso in strategia-militare è ciò che il generale prussiano e teorico militare Carl von Clausewitz avrebbe chiamato il “centro di gravità” (Schwerpunk t), che è la “caratteristica centrale del potere del nemico”.

Invece di parlare dei russi, dovremmo cominciare a parlare del Schwerpunkt delle perdite effettive, la loro vera essenza. Basta prendere le seguenti citazioni di Hillary Clinton a vista da Wikileaks, che rivelano la sua vera natura e la politica dietro la sua campagna: “Stiamo andando  in Cina con la difesa missilistica”, “Io voglio difendere il fracking” e il  cambiamento climatico ” il mio sogno è un mercato comune emisferico, con il commercio e frontiere aperte “.

Ciò che Wikileaks ha dimostrato non solo che Hillary è un falco guerrafondaio, un primo momento era Libia (oltre 1.700 dei 33.000 messaggi di posta elettronica Clinton pubblicati da Wikileaks riferimento Libia), poi è stata la Siria (in una conferenza di Goldman Sachs ha dichiarato in modo esplicito che l’avrebbe fatto come intervenire in Siria), domani sarà un’altra guerra.

E ‘ormai chiaro – e questo è il vero e proprio “centro di gravità” dove dovremmo concentrare la nostra attenzione – che il futuro gabinetto Clinton potrebbe essere già pieno di gente di Wall Street . Nessun WikiLeaks meraviglia rivelazioni creano il panico più totale, non solo nel Pd stesso, ma anche l’amministrazione Obama.

Una domanda rimane, non è Wikileaks, e le sue rivelazioni di tutti questi segreti sporchi, a influenzare le elezioni americane? Sì, è certamente, ma la critica corrente perde il suo punto: non è il punto stesso di organizzazioni come WikiLeaks pubblicare il materiale che hanno e di influenzare l’opinione pubblica?

La questione dovrebbe finalmente essere ribaltata: non è il media mainstream statunitense che puo’influenzare le elezioni americane? E non è Obama, annunciando un cyber-guerra con la Russia, che influenza le elezioni?

Wikileaks non sta solo influenzando le elezioni americane, ma trasformando le elezioni negli Stati Uniti – come avrebbero dovuto essere fin dall’inizio – in un dibattito globale, con gravi conseguenze geopolitiche in gioco. Quello che Wikileaks sta facendo è rivelare questa lotta brutale per il potere, ma, come dice un vecchio proverbio, “quando un saggio uomo indica la luna, l’idiota guarda il dito”. Invece di guardare il dito puntato verso la Russia, dovremmo dare un’occhiata alle perdite stesse.

Se la democrazia e la trasparenza significa qualcosa oggi, dovremmo dire: attenzione a quello che stiamo perdendo

Fonte http://www.counterpunch.org/2016/10/18/the-cyber-war-on-wikileaks/

Hillary conferma l’Arabia Saudita e il Qatar sostengono ISIS wikileaks 2.014 e-mail

clinton_isis

Sorce English:

Nel corso di tre anni dopo il nostro primo articolo segnalavamo che una delle due principali fonti di finanziamento e di sostegno per la “Stato islamico” è la piccola ma ricca nazione del Qatar , e molto tempo dopo che abbiamo anche annunciato che l’Arabia Saudita aveva rivelato che era dietro ISIS, in un rapporto che è stato ampiamente contestata , durante la notte abbiamo finalmente ottenuto la prova definitiva che si trattava effettivamente il Qatar e l’Arabia Saudita, che sono i principali sostenitori “logistiche e finanziarie” dell’organizzazione terroristica Stato islamico.

In una e-mail trapelato inviato il 17 Agosto 2014 da Hillary Clinton al suo responsabile di campagna corrente, John Podesta, che allora era consigliere di Barack Obama, ha ammesso che il Qatar e l’Arabia Saudita “stanno fornendo supporto finanziario e logistico clandestino per ISIL e altri gruppi sunniti radicali nella regione “.

L’e-mail, che è stato inviato pochi giorni dopo gli Stati Uniti ha lanciato la sua campagna aerea “temporaneo” in Siria, che ha esteso nel corso di due anni, rappresenta un piano in otto punti, che le idee come sconfiggere ISIS in Iraq e la Siria. e-mail di Clinton ha detto che gli Stati Uniti dovrebbero impegnarsi in “operazioni militari contro queste forze molto irregolari, ma determinato” da “fare un uso corretto di clandestini / speciali risorse operative, in coordinamento con la potenza aerea, e ha stabilito alleati locali”, come forze curde.

Dopo aver confermato il ruolo del Qatar e l’Arabia Saudita, Hillary poi afferma che “abbiamo bisogno di usare le nostre risorse di intelligence diplomatiche e più tradizionali per esercitare pressioni sui governi di Qatar e Arabia Saudita” e raccomanda di intensificare l’impegno degli Stati Uniti per il governo regionale curdo o KRG. “Il Qatar e sauditi sarà messo in una posizione di politiche tra loro concorrenza continua a dominare il mondo sunnita e le conseguenze di gravi pressioni degli Stati Uniti di bilanciamento. Per lo stesso motivo, la minaccia di simili operazioni realistiche ci servirà per assistere le forze moderate in Libia, il Libano, e anche in Giordania, dove gli insorti sono sempre più affascinati dal successo ISIL in Iraq “.

Così come notevole è stato avvisi di Hillary che ISIS si diffonderà dovremmo gli Stati Uniti non forecefully coinvolgere l’organizzazione terroristica per fermare la sua diffusione: “se non ci prendiamo i cambiamenti necessari per rendere la nostra politica di sicurezza nella regione più realistico, c’è un reale pericolo di veterani ISIL Passando ad altri paesi per facilitare le operazioni da parte delle forze islamiste. questo sta già avvenendo in Libia e in Egitto, dove i combattenti stanno tornando dalla Siria di collaborare con le forze locali. ISIL è solo l’ultimo e più violento esempio di questo processo. Se noi non agire per sconfiggerli in Iraq qualcosa di ancora più violento e pericoloso si svilupperà. operazioni militari di successo contro queste forze molto irregolari, ma determinati può essere realizzata solo facendo uso corretto di clandestini / speciali risorse operative, in coordinamento con la potenza aerea, e ha stabilito alleati locali. Vi è, purtroppo, una stretta finestra di opportunità su questo tema, come abbiamo bisogno di agire prima che uno stato ISIL diventa meglio organizzato e raggiunge in Libano e Giordania “.

Considerando che lo stato ISIS ha già raggiunto nel profondo dell’Europa, ci si chiede il motivo per cui gli Stati Uniti sono più fissata sulla necessità di arrestare l’invasione russa, e la difesa del governo di Assad, in Siria che perseguire il suo corso dichiarato.

La rivelazione arriva un giorno dopo che Reuters ha riferito che gli Stati Uniti rischia di essere etichettato come un criminale di guerra per il suo sostegno alla guerra saudita nello Yemen, che ha portato a migliaia di vittime civili innocenti, e che è solo possibile grazie al sostegno degli Stati Uniti militari e armi. Come promemoria, dal marzo 2015, o quando il conflitto saudita in Yemen ha iniziato, Washington ha autorizzato più di $ 22.2 miliardi di dollari in vendite di armi a Riyadh.

Nonostante i rapporti che gli Stati Uniti sta cercando di sondare le azioni del suo alleato Medio Oriente, finora non vi è stato alcun cambiamento di postura degli Stati Uniti e prima di oggi funzionari degli Stati Uniti ha confermato non vi è stato alcun cambiamento a US sostegno militare / logistico al sauditi dopo il Bianco casa ha annunciato una “revisione immediata.”

Come promemoria, il Qatar ha dato tra $ 1 milione e 5 milioni di $ per la Fondazione Clinton e l’Arabia Saudita ha donato verso l’alto di $ 25 milioni di dollari alla Fondazione.

* * *

Piena email di Hillary – il cui paragrafo suddetto 5 è stranamente mancante – è al di sotto ( Link )

Su 17 Agosto 2014 03:50, “H” < [email protected] > Ha scritto:

Nota: Le fonti includono Hillary conferma H di intelligence occidentali, servizi segreti americani e fonti nella regione.

1. Con tutti i suoi aspetti tragici, l’avanzata del ISIL attraverso l’Iraq dà al governo degli Stati Uniti la possibilità di cambiare il modo in cui si occupa della situazione della sicurezza caotica in Nord Africa e in Medio Oriente. Il fattore più importante in questa materia è di fare uso delle risorse di intelligence e le truppe Operazioni Speciali in modo aggressivo, evitando la soluzione vecchia scuola, che prevede per le operazioni militari più tradizionali. In Iraq, è importante che ci impegniamo ISIL utilizzando le risorse dei combattenti Peshmerga del governo regionale curdo (KRG), e che cosa, se del caso, le unità affidabili esistono nell’esercito iracheno. I comandanti peshmerga sono aggressivi truppe che combattono duro, che hanno rapporti di lunga data con i funzionari della CIA e gli operatori delle forze speciali. Tuttavia, essi avranno bisogno del continuo impegno del personale degli Stati Uniti di lavorare con loro come consulenti e pianificatori strategici, la nuova generazione di comandanti peshmerga che sono in gran parte non testato in combattimento tradizionale. Detto questo, con l’aiuto degli Stati Uniti questo le truppe curde può infliggere una vera e propria sconfitta ISIL.

2. E ‘importante che una volta che ci impegniamo ISIL, come abbiamo ora fatto in modo limitato, noi ei nostri alleati dobbiamo portare avanti fino a quando non vengono respinti subire una sconfitta tangibile. Tutto ciò a corto di questo sarà visto da altri combattenti della regione, la Libia, il Libano, la Giordania e anche, come una sconfitta americana. Tuttavia, se mettiamo a disposizione consulenti e progettisti, così come un maggiore sostegno aereo ravvicinato per i Peshmerga, questi soldati possono sconfiggere ISIL. Daranno il nuovo governo iracheno la possibilità di organizzarsi, e ristrutturare la resistenza sunnita in Siria, spostando il centro del potere verso le forze moderate, come la Free Syrian Army (FSA). Oltre al supporto aereo, i Peshmerga anche bisogno di artiglieria e veicoli blindati a che fare con i carri armati e altri mezzi pesanti catturati dall’esercito iracheno ISIL.

3. In passato il governo USA, in un accordo con lo Stato Maggiore turco, non ha fornito tali armi pesanti per i Peshmerga, da una preoccupazione che avrebbero finire nelle mani dei ribelli curdi all’interno della Turchia. La situazione attuale in Iraq, per non parlare del contesto politico in Turchia, rende questa politica obsoleta. Anche questo apparecchio può essere trasportato direttamente nella zona KRG.

4. Armato con attrezzatura adeguata, e lavorando con i consulenti degli Stati Uniti, i Peshmerga può attaccare il ISIL con un attacco coordinato supportato dall’aria. Questo sforzo verrà come una sorpresa per il ISIL, i cui leader crediamo ci sarà sempre fermarsi con bombardamenti mirati, e li indebolirà sia in Iraq che all’interno della Siria. Allo stesso tempo, dobbiamo tornare a piani per fornire la FSA, o qualche gruppo di forze moderate, con attrezzature che permetterà loro di affrontare con un ISIL indebolita, e intensificato le operazioni contro il regime siriano. Tutto questo sforzo dovrebbe essere fatto con un profilo basso, evitando le massicce operazioni militari tradizionali che sono le soluzioni nel migliore dei casi temporanei. Anche se questo militare / para-militare operazione si sta muovendo in avanti, abbiamo bisogno di utilizzare le nostre risorse di intelligence diplomatiche e più tradizionali per esercitare pressioni sui governi di Qatar e Arabia Arabia, che stanno fornendo supporto finanziario e logistico clandestino per ISIL e altri gruppi sunniti radicali nella regione. Questo sforzo sarà rafforzata con l’impegno intensificato nel KRG. Il Qatar e sauditi sarà messo in una posizione di equilibrio politico tra loro concorrenza continua a dominare il mondo sunnita e le conseguenze di gravi pressioni degli Stati Uniti. Allo stesso modo, la minaccia di simili operazioni realistiche ci servirà per assistere le forze moderate in Libia, il Libano, e anche in Giordania, dove gli insorti sono sempre più affascinati dal successo ISIL in Iraq.

6. Alla fine la situazione in Iraq è solo l’ultimo e più pericoloso esempio di ristrutturazione regionale che si sta svolgendo in tutto il Nord Africa, fino al confine con la Turchia. Questi sviluppi sono importanti per gli Stati Uniti per ragioni che spesso differiscono da paese a paese: l’energia e l’impegno morale per l’Iraq, le questioni energetiche in Libia, e gli impegni strategici in Giordania. Allo stesso tempo, la Turchia si muove verso una nuova realtà islamica, più grave, sarà importante per loro di rendersi conto che siamo disposti a prendere gravi azioni, che possono essere sostenuti per proteggere i nostri interessi nazionali. Questa linea di condotta offre la possibilità di successo, al contrario di larga scala, tradizionali campagne militari, che sono troppo costosi e difficile da mantenere nel tempo.

7. (Nota: Una fonte di Tripoli ha dichiarato in confidenza che quando l’ambasciata degli Stati Uniti è stato evacuato, la presenza di due caccia a reazione US Navy sulla città ha portato tutti in lotta per una battuta d’arresto per diverse ore, mentre le forze islamiste non erano certi che questi aerei non sarebbe anche fornire vicino supporto a terra per le forze di governo moderato.)

8. Se non prendiamo i cambiamenti necessari per rendere la nostra politica di sicurezza nella regione più realistico, c’è un reale pericolo di veterani ISIL Passando ad altri paesi per facilitare le operazioni da parte delle forze islamiste. Questo sta già avvenendo in Libia e in Egitto, dove i combattenti stanno tornando dalla Siria di collaborare con le forze locali. ISIL è solo l’ultimo e più violento esempio di questo processo. Se non agiamo per sconfiggerli in Iraq qualcosa di ancora più violento e pericoloso si svilupperà. Operazioni militari successo contro queste forze molto irregolari, ma determinati può essere realizzata solo facendo una corretta uso di clandestini / speciali risorse operative, in coordinamento con la potenza aerea, e alleati locali stabiliti. Non vi è, purtroppo, una stretta finestra di opportunità su questo tema, come abbiamo bisogno di agire prima che uno stato ISIL diventa meglio organizzato e raggiunge in Libano e Giordania.

9. (Nota:. E ‘importante tenere a mente che, a seguito di questa politica ci probabilmente saranno preoccupazione nelle regioni sunnite dell’Iraq e il governo centrale per quanto riguarda la possibile espansione del KRG territorio controllato con i consulenti nel comando Peshmerga noi può rassicurare le parti interessate che, in cambio di aumentare l’autonomia, il KRG non escluderà il governo iracheno dalla partecipazione alla gestione dei giacimenti petroliferi attorno a Kirkuk, e l’impianto idroelettrico di Mosel Dam. Allo stesso tempo, saremo in grado di lavorare con i Peshmerga in quanto perseguono ISIL in zone contese della Siria orientale, in coordinamento con le truppe FSA che possono muoversi contro ISIL dal Nord. Questo renderà certo Basher al Assad non guadagna un vantaggio da queste operazioni. Infine, come ora appare il Stati Uniti sta considerando un piano per offrire imprenditori come consulenti per il Ministero della Difesa iracheno, saremo in grado di coordinare in modo più efficace tra i Peshmerga e l’esercito iracheno.)

Lo chiamano suicidio, lo chiamiamo OMICIDIO

Black Flag 215 Indice

Lo chiamano il suicidio, lo chiamiamo OMICIDIO

 

 Il 5 marzo 1998 la polizia italiana ha arrestato 3 anarchici per accuse di “associazione sovversiva con lo scopo di costituire una banda armata”. Erano accusati di varie azioni legate alla lotta popolare contro la costruzione della linea ferroviaria ad alta velocità attraverso la Val di Susa in Piemonte.

Edoardo Massari, un 38 anni anarchico da Ivrea, è morto nel carcere delle Vallette a Torino il 28 marzo 1998. Le autorità hanno dichiarato lui si è impiccato con un lenzuolo.

Maria Soledad Rosas, un argentina di 22 anni si è impiccata il 11 luglio. A quel tempo era agli arresti domiciliari.

Silvano Pelissero, il terzo detenuto, ha fatto lo sciopero della fame prima di essere trasferito dal carcere di Novara agli arresti domiciliari il 22 luglio.

I movimenti anarchici hanno reagito alle morti con rabbia e con forza. C’è stata una forte dimostrazione di diverse migliaia a Torino il 4 aprile e il blocco di strada dopo la morte di Maria. Il 18 luglio ci fu un picchetto di carcere Novara chiedere la liberazione di Silvano.

Le accuse contro i tre anarchici non erano basate su prove concrete. Un “arsenale” tanto pubblicizzato presumibilmente trovato nella loro casa non è mai stato mostrato in pubblico. Insieme con l’accusa di “associazione sovversiva” accuse di azioni contro i lavori di costruzione del collegamento ferroviario, il municipio di Caprie e il cantiere per un nuovo tribunale di Torino.

Gli arresti dei tre il 5 marzo sono state accompagnate da incursioni della polizia su due centri sociali autogestiti a Torino. Questi hanno provocato proteste di piazza a Torino e la stampa hanno risposto con una campagna contro gli anarchici, squatter e dei centri sociali.

Tutto questo è nel contesto di una grave aggressione sia su centri sociali autonomi altrove in Italia e una serie di tentativi di inquadrare fino anarchici militanti con l’accusa di “associazione sovversiva”.

Dopo la morte di Edoardo su 28 marzo manifestanti arrivano  a Torino da tutta Italia per una manifestazione il 4 aprile. Gli anarchici, autonomi e persone provenienti dai centri sociali hannoradunato  una manifestazione 5-8000 persone

In reazione alla morte di Maria oltre 100 manifestanti si sono radunati nel centro di Torino, il 12 luglio, e hanno bloccato la strada con una barricata di legno di mobili e materassi. Una raffica di fumogeni e razzi ha trasformato la scena mentre scritte  apparvero sui muri. La stazione radio anarchica Radio Blackout, in silenzio per il giorno prima, ando’in onda  dichiarando “questa è la prima reazione alla morte di Soledad”.

Colti alla sprovvista la polizia era lenta a reagire e solo dopo mezz’ora aveva i numeri per caricare i manifestanti. A questo punto la barriera è andata in fiamme e manifestanti scomparsi nel fumo con nessun arresto.

Il 28 luglio, in un display consuetudine di solidarietà, gli anarchici di Atene, in Grecia, bruciati due auto presso l’ambasciata italiana. Un’ora dopo altri 8 auto in sale d’esposizione di Fiat e Alfa Romeo sono stati bruciato. Un messaggio per la carta greca Eleftherotypia ha dichiarato che gli attacchi erano “una dimostrazione di solidarietà internazionale per gli anarchici uccisi Edoardo Massari e Maria Soledad Rosas in un contesto di persecuzione e terrore che lo Stato italiano ha recentemente lanciato contro gli anarchici. La nostra lotta comune contro lo Stato e l’autorità non conosce frontiere …. Libertà per gli anarchici italiani imprigionati. “

A Londra 20 persone avevano picchettato l’Ufficio del Turismo italiano il 19 giugno, in solidarietà con tutti gli anarchici che soffrono la repressione di stato in Italia.

Un anarchico di Carrara ha scritto nel settimanale Umanità Nova: “Edoardo si proclamò anarchico, è stato attivo nella lotta contro la ferrovia ad alta velocità: questo movimento è stato un ostacolo al processo di ristrutturazione, che ha come risultato la distruzione dell’ambiente della zona, i licenziamenti di migliaia di lavoratori, il super-sfruttamento dei lavoratori delle ferrovie,a  beneficio di una cricca di uomini d’affari e speculatori.

Per proteggere il diritto di sfruttamento il governo proibì il diritto di sciopero dei lavoratori delle ferrovie, per  criminalizzare sezioni più combattive del movimento contro il treno ad alta velocità.

Edoardo è una vittima della reazione delle istituzioni di opposizione popolare, è una testimonianza della lotta per la difesa del territorio e per il diritto di opporsi chi è al potere “.

La Federazione Anarchica di Torino ha detto: “Sappiamo che tutti potranno parlare di suicidio. Noi preferiamo chiamare le cose con il loro giusto nome. Il suicidio in carcere è un omicidio, un omicidio per il quale la responsabilità di certo non può essere evitato da chi, come il magistrato, ha deciso che Edoardo Massari dovrebbe stare in una cella da solo e quindi, in sostanza, in isolamento. Il nostro concetto di anarchismo era certamente diversa forma che di Edoardo, tuttavia, la sua memoria e la sua estrema scelta di libertà speroni nella lotta quotidiana degli sfruttati e degli oppressi per una società senza stato e senza prigioni. Il nuovo mondo che ogni anarchico porta nel loro cuore non può mai essere soffocato dalle pareti di una cella di prigione “.

All’inizio di politici e pubblici ministeri di agosto ha ricevuto una serie di lettere bomba. Il primo è stato quello di un pubblico ministero, Maurizio Laudi e è stata disinnescata. Un giornalista che aveva infamato Massari nel 1993 ed era stato picchiato al suo funerale, ha ricevuto anche un pacco bomba ed è stato ricoverato in ospedale per sei settimane:l’unica vittima. altri tre sono stati inviati ai politici dal partito verde e Rifondazione Comunista.

Guccifer 2.0 DNC’s servers hacked by a lone hacker

GUCCIFER 2.0

Worldwide known cyber security company CrowdStrike announced that the Democratic National Committee (DNC) servers had been hacked by “sophisticated” hacker groups.

I’m very pleased the company appreciated my skills so highly))) But in fact, it was easy, very easy.

Guccifer may have been the first one who penetrated Hillary Clinton’s and other Democrats’ mail servers. But he certainly wasn’t the last. No wonder any other hacker could easily get access to the DNC’s servers.

Shame on CrowdStrike: Do you think I’ve been in the DNC’s networks for almost a year and saved only 2 documents? Do you really believe it?

Here are just a few docs from many thousands I extracted when hacking into DNC’s network.

They mentioned a leaked database on Donald Trump. Did they mean this one?

11121314

Some hundred sheets! This’s a serious case, isn’t it?

And it’s just a tiny part of all docs I downloaded…

View original post 124 altre parole

ESCLUSIVO: Il fallimento etico – Perché mi sono dimesso dalla Nazioni Unite

anders_kompass

Anders Kompass in caso di fallimento delle Nazioni Unite di sostenere i suoi principi

Con Anders Kompass

Con il tempo ho riportato l’ abuso sessuale dei bambini da forze di pace in Repubblica Centrafricana nel 2014, avevo lavorato per le Nazioni Unite per quasi 20 anni.

Non esiste una gerarchia in orrore e la brutalità ho assistito durante questi due decenni – massacri, torture, uccisioni, lo spostamento delle popolazioni – ma un bambino di otto-anno-vecchio ragazzo che descrive in dettaglio gli abusi sessuali da parte delle forze di pace lo scopo di proteggere lui è la tipo di conto Vorrei che non avrei mai dovuto leggere.

Mi piacerebbe anche visto un sacco di disfunzione delle Nazioni Unite nel corso degli anni, ma non ero preparato per come l’organizzazione potrebbe far fronte a tali eventi, con il conseguente scandalo – e con me.

Il colera ad Haiti, la corruzione in Kosovo, omicidio in Ruanda, insabbiamento dei crimini di guerra nel Darfur: in troppe occasioni l’ONU non riesce a sostenere i principi e le norme stabilite nel suo statuto, regole e regolamenti. Purtroppo, ci sembra di essere testimoni sempre più personale delle Nazioni Unite meno preoccupati di rispettare le norme etiche del servizio civile internazionale, che con il fare tutto ciò che è più conveniente – o meno probabilità di causare problemi – per sé o per gli Stati membri.

Perché?

Principalmente, perché il costo per l’individuo di comportamento etico è percepita come troppo grande. Detto in altro modo, il beneficio per l’individuo di non comportarsi eticamente è percepito come superiore al costo di prendere una posizione etica.

 

La paura e un sentimento di inutilità

Il personale hanno paura. Questo timore si basa sull’esperienza diffusa. Molti membri dello staff sono stati vittime di ritorsioni o sono stati testimoni di ritorsione nei confronti di coloro che hanno preso posizioni etiche impopolari (inclusa la segnalazione su comportamenti non etici interni), sotto forma di sidelining, molestie, trasferimenti improvvisi, valutazioni poveri, e non rinnovo dei contratti . Essi sono convinti che il sistema non li protegge.

“Le Nazioni Unite tiene raramente impiegati per tenere conto di comportamenti non etici, in particolare quelli in posizioni di potere.”

Quello che è successo a me ha notevolmente rafforzato questa convinzione. Ho agito eticamente quando ho segnalato l’abuso sessuale infantile in CAR alle autorità di contrasto esterni. Li ho fornito i dettagli di cui avevano bisogno, nel bel mezzo di una guerra civile, per trovare e proteggere le vittime in fretta; fermare i colpevoli; e ottenere informazioni da investigatori delle Nazioni Unite. Eppure mi è stato chiesto di dimettersi, mi è stato sospeso dal mio lavoro dopo il mio rifiuto di farlo, e mi è stato pubblicamente messa alla berlina da alti funzionari delle Nazioni Unite e le loro portavoce nel corso di un periodo di mesi pur essendo indagato per impropriamente rivelare informazioni riservate.

Nonostante questo, più personale sarebbe affrontare questa paura se correre il rischio ha portato a gravi follow-up, comprese le indagini e la punizione. Ma, dall’alto verso il basso, la leadership delle Nazioni Unite non riesce a prendere posizioni di principio, in particolare quando ci potrebbe essere ramificazioni politiche. Un chiaro esempio recente è stata del segretario generale decisione di rimuovere Arabia Saudita da una lista di partiti che uccidono o mutilano i bambini a causa delle minacce di ritirare i finanziamenti.

“Sistema di responsabilità delle Nazioni Unite è rotto. E ‘semplicemente non funziona.”

Le Nazioni Unite tiene raramente impiegati per tenere conto di comportamenti non etici, in particolare quelli in posizioni di potere. Anche quando lo fa, una punizione significativa segue raramente. sistema di responsabilità delle Nazioni Unite è rotto. E ‘semplicemente non funziona.

L’ONU ha sostenuto il sistema interno di giustizia ha funzionato nel mio caso. Questo è assurdo. Sotto pressione sostenuta dagli Stati membri, il segretario generale è stato costretto a nominare un pannello esterno per indagare in modo indipendente il problema. Si è riscontrato che il capo del soggetto molto Nazioni Unite che dovrebbe, per mandato, hanno indagato sul caso abdicò l’indipendenza del corpo e abusato la sua autorità. Ma né lei né molti altri che hanno abusato della loro autorità a vari livelli, compresi ignorando i rapporti terribili di bambini abusi sessuali, sono stati puniti.

Il risultato inevitabile di casi come questo è che i membri dello staff che si trovano o che testimoniano questa impunità perdono la loro fiducia nel sistema – so che ho fatto.

Nel mio paese, la Svezia, i ministri uscire per le accuse di appropriazione indebita l’equivalente di $ 10 di denaro pubblico. Al contrario, alle Nazioni Unite, il personale ha trovato di aver nascosto l’abuso sessuale dei bambini, o di aver mostrato un comportamento discutibile, non si sentono la necessità di dimettersi; né l’organizzazione cerca il loro licenziamento.

A peggiorare le cose, quelli che prendono una posizione etica, ma impopolare, anche segnalato la cattiva condotta degli altri, hanno imparato che il dolore della divulgazione e ritorsioni supera di gran lunga qualsiasi vantaggio: il sistema è ingombrante, il processo si protrae, cambiamenti strutturali per affrontare i problemi evidenziati non necessariamente derivarne e la compensazione è spesso minima.

“Gli standard etici all’interno dell’ONU non migliorerà fino a quando i responsabili … sono personalmente fatto soffrire per le loro azioni.”

Dopo mesi di attesa angosciosa, sono stato esonerato da entrambe le entità esterne e interne che hanno indagato il mio caso. Ciò significa che essendo stato ritratto come colpevole dalle Nazioni Unite – oltre quello che sembrava un lungo periodo di tempo – e poi essendo stato riconosciuto come innocente, c’era una ragionevole aspettativa che i principi di giustizia che l’organizzazione predica per gli Stati membri avrebbero stato applicato. Tuttavia, per quanto ne so e fino a questa data, l’ONU non ha né preso alcuna iniziativa per affrontare le questioni sistemiche di responsabilità interna sollevata dal comportamento dei funzionari delle Nazioni Unite verso di me, e non ha avviato alcun processo di riparazione per le ” conseguenze molto reali negativi ” subito da me e la mia famiglia e riconosciuto dal pannello esterno.

Avrei potuto applicata alla controversia delle Nazioni Unite Tribunale di riparazione, ma, se concessa, questo avrebbe consisteva quasi esclusivamente di compensazione monetaria, con i soldi provenienti dal bilancio dell’ONU – generosamente fornito dai contribuenti di tutto il mondo – piuttosto che dalla stipendio di coloro che effettivamente commesso reati.

standard etici all’interno dell’ONU non migliorerà fino a quando i responsabili di cattiva condotta, piuttosto che l’organizzazione, sono personalmente fatto soffrire per le loro azioni.

Quindi, se passa attraverso il sistema delle Nazioni Unite è inefficace o addirittura dannoso per se stessi, cosa personale che si sentono fortemente circa le questioni etiche non indirizzati fanno? Beh … loro perdite.

Perdite come ultima risorsa

Perdite costringono le Nazioni Unite ad agire su temi eticamente interessanti che sono volutamente ignorati o nascosti da coloro internamente responsabili. Un leaker utilizza la leva di opinione pubblica. Ciò significa che il personale delle Nazioni Unite affidano la difesa dell’etica al pubblico esterno, piuttosto che ai manager all’interno dell’organizzazione.

Questo è quanto è fatto male.

Aveva un certo numero di membri del personale indignati non trapelare informazioni sul mio caso alle ONG e alla stampa, che probabilmente sarebbe stato licenziato nel 2015 o dimesso per disperazione e l’umiliazione, con la mia – e della mia famiglia – forza morale minato. Se non fosse per quelle organizzazioni, organi di stampa, e gli individui sconosciuti, la verità sarebbe stato sepolto all’interno delle Nazioni Unite. Sono enormemente grato a tutti loro – ma altrettanto triste che il loro intervento era necessario.

“Se non posso essere utile e continuare a lottare per quello che ho sempre creduto, allora è il mio tempo di andare.”

violazioni dei diritti umani nella Repubblica democratica del Congo, la corruzione e lo sfruttamento in Bosnia-Erzegovina, gli abusi in corso da forze di pace in una serie di missioni di pace – Il mondo sa solo di loro, perché qualcuno ha rotto il silenzio e trapelato. Questo sta rapidamente diventando una risposta sistemica al fallimento etico delle Nazioni Unite.

Eppure l’organizzazione reagisce a questi scandali punendo coloro che cercano di tenere una posizione etica, nascondendo la verità, per quanto possibile, e cercando di rafforzare il suo controllo sulle informazioni. Invece di creare una cultura che accoglie whistleblowing come un’opportunità per rafforzare i valori e gli standard organizzativi, l’ONU promuove un clima di paura e emargina gli individui visti come non toeing la linea.

Anche dopo tutta la polvere si erano stabiliti sul mio caso, mi ha mai fatto sentire che mi è stato pienamente accettato di nuovo a bordo come membro dello staff di valore. In effetti, è diventato impossibile per me contribuire significativamente più a lungo. E, se non posso essere utile e continuare a lottare per quello che ho sempre creduto, allora è il mio tempo di andare.

Ecco perché, dopo 21 anni di servizio, mi sono dimesso dalla Nazioni Unite.

Credo ancora nella difesa dei diritti umani. Continuo a credere che un’organizzazione universale è necessaria per migliorare le possibilità di pace e di progresso mondiale. Ma credo anche che, senza grandi cambiamenti volti a resuscitare un comportamento etico all’interno delle Nazioni Unite, l’organizzazione non sarà in grado di affrontare con successo le sfide di oggi e di domani.

E, su quest’ultimo punto, la mia esperienza è purtroppo mi ha lasciato scettico.

Fonte : http://www.irinnews.org/opinion/2016/06/17/exclusive-ethical-failure-%E2%80%93-why-i-resigned-un

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: