WW3: Pentagono si prepara per il confronto con la Russia e la Cina

Di Bill Van Auke

Fonte in inglese: http://yournewswire.com/ww3-pentagon-prepares-for-confrontation-with-russia-china/

Le truppe USA-NATO devono essere posizionati vicino ai confini della Russia. E per mantenere l’egemonia degli Stati Uniti in cui vive la metà della popolazione mondiale, la Cina viene messo sotto pressione militare e economica perno strategico di Obama in Asia.

Il movimento socialista mondiale riconosce la minaccia di una guerra nucleare e chiede alla classe operaia di effettuare una rivoluzione socialista mondiale prima che la classe dirigente capitalista distrugge il mondo.

WSWS rapporti:

Il discorso di segretario alla Difesa Ashton Carter Martedì l’anteprima del budget del Pentagono per l’anno fiscale 2017 precisato i preparativi avanzati di Washington per scontri militari con seconda e terza più grande potenze nucleari del mondo, Russia e Cina.

Consegnato al Club economico di Washington, DC, un pubblico riconoscente cui sponsor includere i principali bracci produttori Boeing e Northrop Grumman e giganti finanziari come Bank of America e Goldman Sachs, il discorso del segretario alla difesa ha presentato una dichiarazione imperturbabile delle intenzioni di Washington di far valere la sua egemonia sui mercati e le risorse del mondo con qualsiasi mezzo necessario, fino ad includere un olocausto nucleare.

La presentazione fatta da Carter, un tecnocrate di lunga data di complesso industriale militare americana, fornisce una potente rivendicazione delle avvertenze formulate dal Comitato Internazionale della Quarta Internazionale e la World Socialist Web Site che la crisi degli Stati Uniti di approfondimento e capitalismo globale sta proponendo un vero e proprio e crescente pericolo di una terza guerra mondiale.

Il più grande aumento proposto nel bilancio del Pentagono è il quadruplicamento dei finanziamenti per la formazione militare degli Stati Uniti contro la Russia in Europa dovrebbe aumentare da $ 800 milioni a $ 3.4 miliardi di dollari. Oltre ai 65.000 soldati Washington presidi già sul continente europeo, l’aumento di finanziamento pagherà per il “tallone alla punta” rotazione completa brigate corazzati da combattimento nelle ex repubbliche baltiche, alle porte della Russia, così come altri paesi dell’Europa orientale.

Questa proposta rappresenta una flagrante e provocatoria violazione degli accordi raggiunti con Mosca sulla scia dello scioglimento della burocrazia stalinista dell’Unione Sovietica non a stazioni gran numero di truppe della NATO ai confini della Russia.

Inoltre, grandi quantità di materiale militare, tra cui carri armati, artiglieria, veicoli da combattimento di fanteria e altre armi, devono essere stoccate in stretta distanza notevole in Russia per consentire l’intervento rapido di ulteriori brigate da combattimento degli Stati Uniti da Estonia, Lettonia e Lituania alla Polonia Bulgaria e Romania.

Il presidente Barack Obama ha rilasciato una dichiarazione Martedì dichiarando che l’aumento del 400 per cento dei finanziamenti a circondare la Russia “consentirà agli Stati Uniti di rafforzare la nostra solida postura militare in Europa e migliorare la nostra capacità di sostenere il nostro articolo 5 impegni per i membri della NATO”. Invocando l’articolo 5, che richiede la NATO a difendere militarmente qualsiasi membro contro l’attacco, Obama è stato ribadendo il voto ha fatto nel 2014 che gli Stati Uniti avrebbero messo “stivali sul terreno” per difendere le repubbliche baltiche, rendendo in tal modo il loro diritto-ala e violentemente anti-russo regimi il filo viaggio per una guerra che avrebbe conseguenze incalcolabili.

L’altro obiettivo importante del discorso di Carter e del sé bilancio proposto è l’accumulo di pressione militare degli Stati Uniti contro la Cina sotto la bandiera del “pivot in Asia”, con particolare attenzione per l’ammodernamento della flotta da guerra degli Stati Uniti per gli scontri nel sud della Cina Mare.

Carter non ha mezzi termini circa gli obiettivi di Washington, che devono usare la forza militare per mantenere l’egemonia statunitense in Asia e reprimere qualsiasi minaccia alla sua posizione dominante dal crescente potere economico della Cina, subordinare la Cina per interessi economici e strategici degli Stati Uniti e riducendola a un semi-colonia dell’imperialismo degli Stati Uniti.

Gli Stati Uniti, il segretario della difesa ha detto, avrebbe agito per “mantenere la stabilità nella regione che abbiamo sottoscritto per 70 anni”, avvertendo la Cina che “per interrompere l’ambiente di sicurezza in cui la metà dell’umanità vive e la metà del comportamento economico dell’umanità non è un buona idea.”

Washington, ha proseguito, stava effettuando il suo riarmo militare per essere in grado “di imporre costi inaccettabili su un aggressore avanzata che o dissuaderli dal prendere azione provocatoria o renderli profondamente dispiaciuto che se lo fanno.”

Utilizzando il linguaggio della guerra totale, Carter ha aggiunto: “In questo contesto, la Russia e la Cina sono i nostri concorrenti più stressanti.”

Tutte queste proposte a crescere scontri militari che portano in direzione di catastrofe globale sono stati fatti senza neppure la parvenza di un dibattito pubblico, non importa il sostegno del popolo americano, che hanno ripetutamente dimostrato la loro ostilità verso il militarismo e la guerra. La spinta verso la terza guerra mondiale si sta svolgendo in gran parte alle spalle del pubblico, con i media aziendali e le due maggiori partiti che mostrano alcun interesse nel fare le implicazioni agghiaccianti di preparati del Pentagono noto per la popolazione. Pentagono

Per quanto riguarda Obama, il presidente Nobel per la Pace vincitore del premio, il suo ruolo di un timbro di gomma per l’apparato militare e di intelligence degli Stati Uniti è stato brevemente notato nelle osservazioni di Carter martedì. Alla domanda se ci sarebbe stato un ulteriore aumento del numero di truppe statunitensi dispiegate in Iraq e in Siria, dove i finanziamenti per le operazioni militari viene anche aumentata del 50 per cento a $ 7.5 miliardi ha risposto affermativamente, aggiungendo: “Ogni volta che il presidente [ del Joint Chiefs of Staff] e ho chiesto al presidente per più capacità di farlo, ha detto sì, e mi aspetto che continuerà “.

La spesa enorme sulla preparativi di guerra deve essere pagato tramite gli attacchi sempre più draconiane sulle condizioni di vita, di lavoro e le condizioni sociali delle grandi masse di persone che lavorano. L’entità della deviazione di risorse sociali al militarismo può essere visto nella proposta del Pentagono ad aumentare la spesa in ricerca e sviluppo per la produzione di armi nuove e più letali a quasi $ 72 miliardi di dollari. Questo importo supera da solo tutto il bilancio federale degli Stati Uniti per l’istruzione nel 2015, per non parlare delle migliaia di miliardi più che devono essere spesi nei prossimi anni per le nuove generazioni di sottomarini nucleari, bombardieri e missili balistici intercontinentali.

Nel mese di luglio 2014, il Comitato Internazionale della Quarta Internazionale (CIQI) ha emesso un comunicato dal titolo ” Il socialismo e la lotta contro la guerra imperialista .” La dichiarazione tirò fuori le dinamiche fondamentali della spinta verso la guerra mondiale che trovano espressione nel discorso di Carter e il Pentagono di bilancio proposto. E ha dichiarato:

“Il pericolo di una nuova guerra mondiale nasce da contraddizioni fondamentali del sistema-capitalistico tra lo sviluppo di una economia globale e la sua divisione in Stati nazionali antagoniste, in cui si radica la proprietà privata dei mezzi di produzione. Ciò trova la sua espressione più acuta nel drive dell’imperialismo degli Stati Uniti di dominare il continente eurasiatico, sopra tutte quelle aree da cui è stato escluso per decenni dalle rivoluzioni russa e cinese. In Occidente, gli Stati Uniti, in combutta con la Germania, ha orchestrato un colpo di stato fascista guidato per portare l’Ucraina sotto il suo controllo. Ma le sue ambizioni non si fermano qui. L’obiettivo finale è quello di smembrare la Federazione Russa, riducendola a una serie di semi-colonie di aprire la strada al saccheggio delle sue vaste risorse naturali. A est, snodo dell’amministrazione Obama in Asia si rivolge a circondare la Cina e trasformandola in una semi-colonia. Qui, l’obiettivo è quello di garantire il dominio della manodopera a basso costo che è una delle principali fonti globali del plusvalore estratto dalla classe operaia e la linfa vitale dell’economia capitalista. “

Il ICFI ha continuato a spiegare che le radici oggettive degli Stati Uniti di auto per il dominio del mondo in modo che una guerra imperialista mondiale è inevitabile al di fuori dell’intervento rivoluzionaria della classe operaia internazionale per porre fine al sistema capitalista e instaurare il socialismo. Ha sottolineato che le stesse contraddizioni che sono le forze trainanti per la guerra di fornire l’impulso obiettivo per la rivoluzione socialista.

Durante l’anno e mezzo da quando il ICFI ha pubblicato la sua dichiarazione, queste contraddizioni hanno affilato solo, intensificando le guerre esistenti e aumentando il pericolo di nuovi dal Medio Oriente, in Europa orientale, al Mar della Cina meridionale, mentre allo stesso tempo di guida la classe operaia in lotte sempre più aspre contro l’austerità e di sfruttamento.

La questione storica affrontare l’umanità è la necessità per la classe operaia per effettuare la rivoluzione socialista mondiale prima che la classe dirigente capitalista può completare la sua discesa in una guerra che minaccia l’estinzione nucleare. Questo pone la massima urgenza il compito politico di costruire la Quarta Internazionale come la direzione rivoluzionaria della classe operaia mondiale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...