Arrestato il compagno Bahar a Bergamo

babiniBahar Kimiyongur è stato arrestato per l’ennesima volta ieri a Bergamo. Ogni volta che esce dal Belgio per denunciare i crimini dello Stato turco e la sua politica antipopolare e guerrafondaia non sa se riuscirà a tornare a casa dai sui compagni e dalla sua famiglia: negli anni scorsi è già stato arrestato in Spagna e in Olanda. Noi ci uniamo a tutti quelli che lottano oggi perché venga rimesso immediatamente in libertà, e gli esprimiamo la nostra piena solidarietà, ma vogliamo dirgli anche altro.

Caro compagno,

noi ci siamo conosciuti in una occasione importante, quando abbiamo organizzato il Simposio contro la tortura e l’isolamento a Firenze nel dicembre del 2003. Il Simposio è stato un successo enorme, comparato con le poche forze che avevamo a disposizione: le iniziative si sono svolte alla Regione Toscana e a Palazzo Vecchio nel Salone dei Duecento, cioè nei centri di governo della Regione Toscana e della città di Firenze, e la partecipazione è stata ampia e qualificata a livello nazionale e internazionale (vedi Allegato 1: lo riporto integralmente perché c’è un elenco di nomi di soggetti che sono stati allora coinvolti e che oggi possono e anzi sono tenuti a mobilitarsi per la tua liberazione).

La lezione che abbiamo tratto da quell’esperienza è preziosa: la solidarietà contro la repressione, e in quel caso la solidarietà contro la repressione dello Stato turco, va sviluppata in grande, obbligando le istituzioni, che si riempiono la bocca di diritti umani quando fa loro comodo, a mettere a nostra disposizione quelle risorse che sono nostre, nel senso che sono le masse popolari con il loro lavoro a mantenere in piedi le istituzioni che, in cambio, dovrebbero garantire l’unità sociale operando in modo giusto e intelligente, perché per questo i loro uomini sono pagati . Questo abbiamo deciso di fare in quella occasione, in contrasto con la tendenza a fare iniziative di nicchia, tra “addetti ai lavori”, cioè tra organismi e compagni che non c’è bisogno di convincere perché sono già convinti, tra di noi, tra le “solite facce”. Il grande successo dell’iniziativa testimoniò che quello scelto era il modo giusto.

Abbiamo poi fatto cose importanti con i tuoi compagni belgi di Clea, (un tour nazionale, e anche in quel caso la polizia pensò bene di fermarci, a Genova) e tante volte siamo stati sollecitati da voi ad organizzare nuovi Simposi internazionali e a partecipare a quelli che avete organizzato ad Atene, a Parigi, a Istanbul. Noi vi abbiamo spiegato che gli organismi di cui siamo parte, quelli della carovana del (nuovo)Partito comunista italiano, che comprendono il Partito dei CARC e l’Associazione Solidarietà Proletaria, si stanno sempre più impegnando con tutte le loro risorse ed energie per portare il maggiore aiuto ai rivoluzionari degli altri paesi, cioè a fare la rivoluzione nel nostro paese. Noi siamo impegnati nella costruzione della rivoluzione qui in Italia, per fare dell’Italia un nuovo paese socialista, cioè un paese dove le masse popolari organizzate hanno il potere statale e dove la produzione dei beni e dei servizi è affidata ad aziende pubbliche che hanno la funzione di soddisfare i bisogni della popolazione in condizioni di sicurezza per i lavoratori e la popolazione e di salvaguardia e miglioramento dell’ambiente e lavorano secondo un piano economico nazionale via via sempre più coordinato a livello internazionale, pubblicamente discusso e approvato. Un passaggio per realizzare questo obiettivo oggi è che si costituisca un governo di emergenza, un Governo di Blocco Popolare in grado di soddisfare gli interessi immediati delle masse popolari colpite dalla crisi in modo sempre più duro.

Tutto questo cosa ha a che fare con la tua vicenda, e con il tuo arresto di ieri? Questo: oltre alle dichiarazioni di solidarietà e all’impegno immediato noi dobbiamo e vogliamo che nel nostro paese si istituisca, da subito, un governo che non solo accolga un rivoluzionario come te con gli onori che ti sono dovuti, ma che ti chiami, ti inviti nel nostro paese a portare la tua esperienza per rafforzare i legami tra le masse popolari del nostro paese e quelle della Turchia, che tu rappresenti, che tu possa parlare nei posti più prestigiosi, e nei canali di informazione nazionali, nella stampa, nella televisione.

Questo, a dieci anni dal primo nostro incontro, è una evoluzione di quanto allora abbiamo appreso. Non si tratta nemmeno più di andare dalle istituzioni che governano il nostro paese per pretendere che facciano il loro dovere: dieci anni sono passati, e oggi quelle istituzioni sono a uno stadio di putrefazione tanto avanzato da riuscire a malapena a stare in piedi. Oggi si tratta di togliere il governo a quei partiti e a chi sta loro dietro, a quelli che stanno mandando in rovina il paese e che sono precisi ed efficienti solo nella rapina delle masse popolari e nella repressione dei rivoluzionari italiani ed esteri, pronti ad attenderti appena cali dall’aereo. Le forze e i singoli che si dichiarano a favore della democrazia, e che sono in prima linea nel sostenere anche la tua causa, si assumano responsabilità di governo.

La campagna per la tua liberazione sia quindi anche campagna per il governo di un paese dove tu e tutti i compagni di tutti gli organismi rivoluzionari del tuo paese e di ogni altro paese siate accolti con tutti gli onori, per un governo che porti sostegno economico e politico alla lotta di liberazione del tuo popolo e di tutti i popoli del mondo. Questo è il nostro augurio e il nostro impegno.

Accompagno ai saluti rivoluzionari da parte mio e del mio partito, come omaggio, l’immagine che feci per il manifesto dell’evento fiorentino di dicembre 2013, quella con gli Yorum che suonano sullo sfondo, con un nuova scritta.

Fino alla vittoria, sempre!

Paolo Babini

Partito dei CARC – Settore delle Relazioni Internazionali

Firenze 19-20-21 dicembre: contro la Tortura e l´Isolamento Carcerario

Simposio Internazionale contro la Tortura e l´Isolamento Carcerario
Con il patrocinio della Regione Toscana

Tel: 00 39.347.138.09.80
isolation@post.com

I prigionieri politici in Turchia sono entrati in sciopero della fame contro il progetto delle nuove carceri di massima sicurezza, quelle con le celle di isolamento (F-Type), dal 20 ottobre del 2000. I prigionieri sapevano che una volta separati sarebbero stati ancora più esposti a tortura e maltrattamenti. Erano consapevoli che l´isolamento totale, definito anche …³tortura bianca…², era anche un modo coercitivo di spersonalizzazione e di sottomissione. 
àˆ ormai provato che sia nei Paesi Europei, sia negli Stati Uniti dove da molti anni esistono le celle d’isolamento, che questo causa gravi problemi psicofisici. Il 19 dicembre 2000, due mesi dopo l’inizio dello sciopero della fame i militari turchi intervennero con un assalto a 20 prigioni per deportare i detenuti nelle nuove carceri F-Type. L’operazione, che causಠla morte di 28 prigionieri e circa mille feriti e ustionati, fu cinicamente definita dalle autorità turche …³ritorno alla vita…². Dopo circa 1200 giorni di Death fast (sciopero della fame fino alla morte) sono decedute 107 persone e oltre 500, a causa dell´alimentazione forzata, hanno contratto la sindrome di Wernicke-Korsakoff (i sintomi principali sono: atassia, amnesia).
La Piattaforma Internazionale di Lotta contro l´Isolamento – che ਠnata nel 2002 – ha stabilito dal 19-21 dicembre giornate internazionali di sensibilizzazione contro la tortura dell´isolamento carcerario. In questi tre giorni si svolgerà  a Firenze un Incontro internazionale con avvocati, medici, ex prigionieri e familiari di detenuti, rappresentanti politici, intellettuali, giornalisti.

Venerdi 19 dicembre

Salone de´ Dugento – Palazzo Vecchio – piazza Signoria

ore 10 Saluto del Presidente del Consiglio Regionale Toscano, 
Riccardo Nencini

Interventi dei rappresentanti istituzionali di Provincia e Comune

10.30-13.00 Interventi di ex-prigionieri politici sulle condizioni in carcere e sui diversi modi di resistenza alla repressione

Sadi Ozpolat – Presidente Ass.ne per i diritti e le libertà fondamentali (Turchia)
Christofer Kelley – I.P.S.C. (Irlanda)
Un rappresentante del Fronte Polisario (Sahara Occidentale)
Yon Elorza – Pro Amnistia (Paesi Baschi)

11.30 – Conferenza stampa

13.00-14.00 Pausa pranzo

14.00-16.00 Testimonianze (associazioni, familiari e persone sensibili alla questione prigionieri)

Tekin Tangun – Presidente dell’Ass. dei prigionieri e dei familiari Tayad (Turchia)
Ahmet Kulaksiz – Padre di due ragazze decedute nel 2001 nella Death 
fast a Istanbul
Yildiz Ercan – ex-guardia, testimone della strage del dicembre 2000 nel carcere di Bayrampasa
Mohamed Safa – Presidente del Centro di Riabilitazione delle vittime della tortura nel Campo Al-Khiam (Libano)
Haidi Giuliani – Madre di Carlo 
Elvira Penna – Addetta stampa all’Ambasciata di Cuba a Roma
Madri di Plaza de Mayo (Argentina)

16.15-18.15 Solidarietà Internazionale con i prigionieri politici della Death Fast

Cezmi Ersoz – Scrittore (Turchia)
Bilgesu Erenus – Cantatrice (Turchia)
Mammad Suleymanov – Giornalista Azerbaijan
Grazia Cecioni – Giornalista (Italia)
Rappresentanti dei sindacati PAME e OLME (Grecia)

20.00 Cena alla Casa del Popolo Ponte a Greve via Pisana 809 (Bus n.26)

21.30 Film documentario “La morte silenziosa” Huseyin Karabey e letture di poesie di Nazim Hikmet

20 dicembre Auditorium Consiglio Regionale – via Cavour, 4

Sabato 20 dicembre

9.00-11.00 Aspetti medici e psicologici relativi 
alla detenzione, alla pratica dello sciopero della fame
e alle conseguenze dell’alimentazione forzata

Dott. Gianfranco De Maio, Neurologo – Italia
Dott.ssa Antonella Sapio – Università di Firenze
 Dott. Paola Cecchi – Psicopedagogista
Gina de Angeli, Infermiera, Massa

11.00-13.00 Aspetti giuridici dell´isolamento carcerario

Vainer Burani – Avvocato (Italia)
Vesile Yucel – Avvocata (Germania)
Julen Arzuaga – Osservatorio dei diritti umani, Behatokia (Paesi Baschi)
Murat Demir – Avvocato (Germania)
Giovanna Lombardi – Avvocata (Italia)
Ibrahim Mahajna – Human Rights (Palestina)

13.00-14.00 Pausa pranzo

14.00-19.00 Interventi:

International Forum (Danimarca), Unione 18 ottobre (Germania), Marcella Delle Donne (Università la Sapienza), Arab-Palestine Club (Austria), Marian Price (IRPWA, Irlanda), Tayad Komite (Amburgo), Associazione dei rifugiati politici iraniani (Germania), Rote Hilfe (Germania), Comitato Free the Five (Germania), Silvia Petrini (Altro Diritto), Peter Novak giornalista (Germania), Initiativ E.V. (Germania), Laboratorio Marxista, DHKC International, Assemblea Nazionale Anticapitalista, Fausto Schiavetto (Soccorso Popolare), Nino Moscato (Comitato Antimperialista Antifascista “Spartaco Lavagnini”), Giulio Gori (rivista DEA), Collettivo Antinebbia Valdarno, CARC, ASP, “nuova unità ” (rivista di politica e cultura comunista), Linearossa, Comitato contro la repressione di Viareggio e Versilia, Alessandro Leoni (PRC), Lorenzo Marzullo Commissione per la Pace (Comune di Firenze), AFAPP (Spagna), AMDH (Marocco), WILPF, IRSP (Irlanda), Orsola Casagrande (Il Manifesto), Annahj Addimocrati (Marocco), Campo Antimperialista.

20.30 Cena al CPA, via di Villamagna 27/A (Bus 23,33, 8, 71)

Domenica 21 dicembre

Casa del Popolo Grassina, Bagno a Ripoli
Piazza Umberto I, 14 (Bus n.31,32)

Giornata di Solidarietà con la Tayad
A cura del Comitato Antimperialista Antifascista “Spartaco Lavagnini”

15.30 – Mostra fotografica e lettura di poesie di Nazim Hikmet


16.30 – Film “Il Muro”, di Yilmaz Guney


18.00 – Film “L´Assedio”, di Idil Yapim


18.30 – Concerto di Strada del Gruppo “I Fiati Sprecati”


20.00 – Cena di Finanziamento


21.30 Concerto con: Pol MacAdaim – Political Irish Folk Singer
Gruppo Yorum (Turchia)
I Briganti (Italia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...