Oscurato sito neonazista arrestati promotori

 

ROMA 16 NOV – Sono in corso, da parte della polizia postale, le operazioni di oscuramento del sito internet http://www.stormfront.org, forum di discussione caratterizzato dalla diffusione di contenuti inerenti il nazionalismo bianco, antisemitismo e neonazismo.

Lo stesso sito era balzato alle cronache per la pubblicazione di un elenco elenco di personaggi italiani che avrebbero aiutato gli immigrati compiendo non meglio specificati “atti criminali” e “traendo profitto economico. La blacklist fu pubblicata nel dicembre del 2011 e conteneva una lista di personaggi pubblici come l’Arcivescovo di Torino Cesare Nosiglia, il Presidente della comunità ebraica romana Riccardo Pacifici, i giornalisti Gad Lerner e Maurizio Costanzo, il Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Torino dott.ssa Laura Longo, i Giudici del Tribunale del Riesame di Palermo dott.ssa Antonella Consiglio, dott.ssa Giuseppina Di Maida e dott. Filippo Serio, il Sindaco di Padova Flavio Zanonato, ed altri.

L’attività investigativa, coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma, ha inoltre portato all’arresto di quattro italiani che ricoprivano ruoli di promozione e direzione  dell’associazione, oltre che di moderazione delle discussioni sul web-forum. Si tratta del promotore dell’associazione e moderatore del forum, S.D 24 anni Milanese, di altri due moderatori, M. D della provincia di Frosinone, C.L 23 anni della provincia di Pescara, e un utente particolarmente attivo, V. M, 42enne residente in provincia di Como.

Altre diciassette persone sono state denunciate a piede libero poiché identificati quali affiliati alla medesima associazione e gravati da elementi probatori in relazione a condotte di diffusione delle ideologie razziste  e di supporto, anche di tipo economico, all’attività del sodalizio criminale.

Nel corso dell’operazione di polizia giudiziaria sono state eseguite perquisizioni a carico di tutti gli indagati, che hanno consentito di sequestrare una ingente quantità di apparati e supporti di memoria informatici (che saranno analizzati nei prossimi giorni), documenti, pubblicazioni e volantini cartacei nonché oggetti di altra natura, tutti ispirati o comunque riconducibili alle ideologie razziste. Sono state inoltre sequestrate armi da taglio e oggetti atti ad offendere.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...