Estradizione prigionieri Zeynep Kiliç e Avni Er

No all'estradizione dei prigionieri politici Zeynep Kiliç ed Avni Er! Esigiamo la loro immediata liberazione!

 

 

 Il 20 dicembre 2006 si è concluso a Perugia il processo di primo grado
contro i compagni turchi del DHKP-C (Partito-Fronte Rivoluzionario di
Liberazione del Popolo) Avni Er e Zeynep Kiliç. I due comunisti
rifugiati politici in Italia sono stati incarcerati il 1 aprile 2004
durante un'operazione repressiva di dimensioni internazionali
organizzata dalle Autorità turche in collaborazione con le Autorità di
vari Stati europei, Italia in testa. Si tratta della stessa operazione
per la quale sono finiti nelle carceri del Belgio, in virtù di un
processo scandaloso poi annullato, altri attivisti dell'ufficio di
informazione del DHKC-P a Bruxelles, tra cui Bahar Kimyongür.

Avni
e Zeynep svolgevano a Perugia, uno strenuo lavoro di
contro-informazione sulla politica fascista e criminale dello Stato
turco, alla pari dei loro compagni in Belgio e per questo si trovano
ora a scontare in Italia rispettivamente 7 e 5 anni di carcere.

Alcune
cifre della repressione in Turchia: 4 i colpi di stato dalla fondazione
dello Stato turco (l’ultimo nel 1980); 30.000 i Kurdi uccisi, 8.000 i
villaggi bruciati e centinaia di migliaia i profughi della guerra del
Kurdistan turco del 1990; 21 le prigioni che, il 19 dicembre del 2000,
per 4 giorni vennero assaltate da 8 battaglioni della gendarmeria e
8.335 i soldati utilizzati per stroncare la resistenza dei detenuti che
si opponevano al trasferimento nelle celle di isolamento di tipo-F,
20.000 le bombe lanciate nei dormitori, 28 i prigionieri assassinati e
circa un migliaio quelli feriti e/o violentati in questa operazione
definita cinicamente “Ritorno alla vita”; 122 i martiri dello sciopero
della fame fino alla morte contro la violazione dei diritti umani e
l’isolamento carcerario; 2.000 i prigionieri politici, decine gli
intellettuali minacciati dall’estrema destra al potere e parecchie
migliaia i mandati d’arresto internazionali contro gli oppositori in
esilio……..

Cos’è terrorismo? Chi sono i veri terroristi?
Per
permetterci di rispondere correttamente a questa domanda Zeynep e Avni
si sono posti contro chi per interessi finanziari enormi promuove
l’immagine di una Turchia democratica, pronta a fare il suo ingresso
nella democratica Europa.
Per questo essi si sono meritati l’accusa
di terrorismo internazionale, per questo essi ora rischiano
l’estradizione… verso la tortura.

Il 7 maggio Clemente
Mastella, Ministro di Giustizia ha infatti firmato l'estradizione verso
la Germania di Zeynep, ed è di giugno la richiesta di estradizione per
Avni avanzata direttamente dallo Stato turco.
Lottare contro
l’estradizione di Avni e Zeynep significa lottare in difesa delle
libertà democratiche, contro ogni forma di fascismo, contro la
persecuzione dei comunisti, dei rivoluzionari e dei progressisti;
significa in definitiva lottare contro la barbarie del sistema
capitalista unica vera causa dello sfruttamento, della miseria e delle
guerre.

Invitiamo tutti a esprimersi pubblicamente contro
l’estradizione dei compagni Avni Er e Zeynep Kiliç inviando telegrammi
e fax di protesta a Clemente Mastella- Ministero di Grazia e Giustizia,
Via Arenula 70, 00186 Roma. Fax: +39 06.68897777. Inviare una e-mail
per conoscenza all’Associazione Solidarietà Proletaria (ASP), e-mail:
Ass-solid-prol@libero.it

Firma l’Appello “NO ALL’ESTRADIZIONE DI AVNI ER E ZEYNEP KILIC”


Ass-solid-prol@libero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...